salute

Perché ho ancora sonno dopo aver dormito fino a tardi?

Un'indagine per tutti coloro che aspettano il sabato mattina per dormire, ma il sabato pomeriggio sono più stanchi di prima.
20.4.18
Perché ho ancora sonno dopo aver dormito fino a tardi?
Foto via Unsplash.

Dopo una settimana di deprivazione di sonno, non vedo l'ora del fine settimana per dormire—ma molto spesso, mi sveglio a mezzogiorno del sabato con il cervello che funziona al rallentatore. E mi arrabbio.

Perché recuperare il sonno sembra non funzionare?

Pubblicità

Quando ci provi e ti ritrovi più stanco di prima, è perché forse stanno entrando in gioco fattori diversi. Un motivo comune è che la 'rottura' del ritmo circadiano confonde il cervello, dice W. Christopher Winter, presidente di Charlottesville Neurology and Sleep Medicine e autore di The Sleep Solution. Quando ci svegliamo sempre alla stessa ora, il corpo impara a 'rinvenire' intorno a quel momento, spiega. Se dormiamo più a lungo, non arriva l'input di svegliarsi, soprattutto se siamo stati in piedi fino a tardi.

"Il corpo segue cicli sonno-veglia," spiega Winter. Ma variando gli orari a cui fai determinate cose, "all'improvviso il tuo corpo non sa più cosa sta succedendo. Il cervello registra la luce del mezzogiorno e pensa che il sole sia appena sorto, pensa che il pranzo sia la colazione… non sa bene cosa fare."

A peggiorare la situazione, cambiare la propria routine può far sì che ci si svegli nella fase del sonno sbagliata. Ogni notte passiamo attraverso cinque cicli da 90 minuti, ognuno dei quali composto da quattro fasi, spiega Sara Nowakowski, psicologa clinica e professoressa associata alla scuola di medicina della University of Texas. Se incasini il ritmo circadiano, potresti risvegliarti nel mezzo invece che alla fine di un ciclo, e sentirti quindi disorientato.

Un modo per dormire più a lungo del solito senza poi sentirsi peggio è svegliarsi alla solita ora, uscire, fare colazione e poi tornare a dormire, mi dice Winter. "Se torni a dormire dopo, il corpo lo riconosce come un sonnellino, e non come la continuazione della tabella di marcia del sonno," spiega. Oppure puoi decidere di dormire solo un'ora in più del solito, che non sballa così tanto, dice Dawn Dore-Stites, professoressa associata al Pediatrics and Sleep Disorder Center del Michigan Medicine.

Pubblicità

Se ti senti stanco dopo aver dormito molto, ma non più del normale, potrebbe invece essere che sei affetto da una patologia che ti fa dormire molto e sentire stanco, dice Winter. La American Academy of Sleep Medicine and Sleep Research Society raccomanda che gli adulti dormano sette-nove ore a notte, e dormire regolarmente più di così potrebbe essere un indicatore di ipersonnia, o "eccessiva sonnolenza diurna che non trova sollievo nemmeno con un sonnellino," dice Nowakowski. Potrebbe anche essere un indicatore di depressione, apnea del sonno o narcolessia.

Ma niente panico. Molto spesso—soprattutto se non è un problema di lungo corso—la situazione è molto meno grave. La sensazione di stanchezza che provi dopo aver dormito molto potrebbe anche essere un residuato della privazione di sonno che ti ha spinto a dormire così tanto. "Se la tua privazione del sonno è cronica—come succede per la maggior parte delle persone—non basta dormire tanto una volta per andare in pari," spiega Bradley V. Vaughn, professore di Medicina del sonno alla UNC School of Medicine.

Inoltre, dato che non tutti hanno bisogno dello stesso quantitativo di sonno, non è facile dire se la stanchezza viene dal troppo poco o dal troppo poco dormire, dice Nowakowski. Una cosa utile da tenere presente è che se ti addormenti entro mezz'ora, quando vai a letto, probabilmente non stai dormendo troppo—a meno di precise patologie. E se ti senti fresco quando ti svegli, probabilmente stai dormendo abbastanza e non devi dormire di più.

Un'altra domanda da farti è se ti senti assonnato o affaticato, dice Vaughn. La sonnolenza—quando ti senti che potresti addormentarti ovunque—è spesso un indicatore che hai bisogno di più riposo. L'affaticamento—quando ti senti esausto ma non riesci ad addormentarti—potrebbe essere invece sintomo di deprivazione di sonno, ma anche di un problema di salute soggiacente.

Sul lungo termine, puoi minimizzare il malessere mattutino (o pomeridiano) attenendoti a una tabella del sonno il più rigida possibile, dice Vaughn. Fare palestra la mattina o il pomeriggio—e non verso sera, visto che ti fa sentire più sveglio—e fare qualcosa rilassante prima di andare a letto può aiutarti. E se ti senti stanco durante il giorno, meglio andare a letto prima la sera piuttosto che dormire di più la mattina.

Questo articolo è comparso originariamente su Tonic.