Stuff

Guarda la mappa dei nomi più diffusi in Italia negli ultimi 10 anni

Praticamente tutti i bambini nati in Italia dal 2007 al 2016 si chiamano Francesco o Leonardo.
Immagine via Gfycat/Infodata.

Ciao, Andrea/Mattia/Matteo che stai leggendo. Scommetto che a scuola eravate almeno in due con il tuo nome. E che da allora non c'è stata squadra di calcetto, compagnia di amici o parte dell'ufficio in cui non ci fosse almeno un tuo omonimo. Oggi sei cresciuto, tutti i tuoi cugini più piccoli si chiamano Francesco o Leonardo, e tu magari pensi a un figlio e ti chiedi come fare per evitare di dargli un nome che avranno tutti. Non ti preoccupare. Credo sia esattamente per questo scopo che esiste la mappa dei nomi recentemente più diffusi, regione per regione.

Pubblicità

La mappa è stata realizzata da Davide Mancino ed è uscita su Infodata, un blog del Sole 24 Ore. I dati con cui è stata realizzata sono dell’Istat, vanno dal 2007 al 2016 e riguardano i nomi dei nuovi nati nelle varie regioni d’Italia. Lo scenario è interessante perché mostra che a livello di nomi l’Italia è sempre stata divisa, anche se le preferenze sono cambiate col tempo.

Dieci anni fa ad esempio a nord i bambini venivano chiamati tutti Alessandro e a sud tutti Francesco, con qualche eccezione locale per Matteo (Liguria e Friuli), Mattia (in Valle d’Aosta), Lorenzo (Toscana), Antonio (Campania) e Giuseppe (Sicilia). Negli anni successivi la situazione è rimasta più o meno stabile, finché nel 2011 non hanno cominciato a comparire i Leonardo, nel nordest e in Trentino. Nel 2013 Francesco sembrava dover conquistare l’Italia: resistevano solo Marche, Lombardia, Toscana e Valle d’Aosta. E da lì Leonardo ha lanciato la controffensiva per arrivare alla situazione attuale.

Ovviamente la mappa riguarda solo i nomi maschili, e il discorso vale meno per gli italiani di seconda generazione, figli di genitori di origine non italiana, dove compare più varietà.

Poi, se oltre al nome vuoi guardare anche com'è la situazione per i cognomi, c'è una mappa apposta anche per quello.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da VICE e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.