Negli Stati Uniti si sta distruggendo la net neutrality con una mossa assurda e antidemocratica

Una mossa fatta dai monopoli delle telecomunicazioni e da un commissario che non ha alcun interesse a capire le ragioni degli americani.
14.12.17
Immagine: Michael Reynolds

Questi sono i fatti: milioni di americani hanno chiesto alla Federal Communications Commissions (FCC) di mantenere le attuali norme relative alla net neutrality, la quale protegge il concetto di internet libero e aperto a tutti. Queste normative erano state implementate dopo decenni di dibattiti, incontri e battaglie legali. Sono supportate dal pubblico in maniera bipartisan. Le attuali normative sono state utilizzate in sede legale. Non hanno diminuito gli investimenti nella banda larga, secondo le compagnie telefoniche stesse. E ora stanno per essere smantellate.

Il Presidente della FCC Ajit Pai ha chiamato queste battaglie pensate per difendere l'internet libero e aperto "iperboliche" e "disperate". Legge dei "tweet antipatici" per farsi odiare e far cliccare su dei magazine conservatori, scherza sull'essere un imbonitore per l'industria delle telecomunicazioni, e dice che le celebrità di Hollywood sono il motivo per cui tutti sono così incazzati. La sua proposta pubblica per smantellare le normative — fino ad arrivare al punto di cancellarle in tutto e per tutto — di solito si riduce a definire le persone che vogliono queste normative come isteriche e decisamente esagerate nel trattare la questione.

Ma non si tratta di isteria: questa è una sciacallata antidemocratica fatta dai monopoli delle telecomunicazioni e da un commissario che non ha alcun interesse a capire le ragioni degli americani.

Un sondaggio pubblicato questa settimana dal Program for Public Consultation e da Voice of the People della University of Maryland ha rilevato che l'83 percento degli americani — e il 75 percento dei repubblicani — preferisce il sistema attuale (il gruppo che ha condotto il sondaggio ha spiegato chiaramente le differenze tra le attuali normative e quelle proposte). Nel frattempo, Pai ha detto che "le masse il vetriolo non sostituiscono le reali ragioni" e ha dichiarato che persone "disperate" stanno sollevando "paure iperboliche" sulle violazione della net neutrality "che non si sono mai verificate prima del 2015."

La "reale ragione" per la net neutrality di cui si è discusso ben più di una volta riguarda il fatto che senza una norma che obbliga gli ISP a trattare l'infrastruttura internet come un flusso di dati e di contenuti necessariamente neutrale, potranno essere in grado di scegliere quali tipi di siti o di servizi web favorire nei loro network. Ci sono molti esempi di ciò, come nel caso di AT&T che blocca FaceTime e Comcast che blocca BitTorrent.

Ma non c'è bisogno di comprendere la net neutrality o le policy delle telco per capire che ciò che sta facendo la FCC è assurdo e decisamente inusuale:

  • La FCC ha rifiutato di partecipare all'indagine generale della procura del New York State per verificare le irregolarità nei processi di commento dell'agenzia. Ci sono prove pubbliche che dimostrano come circa un milione di identità rubate — incluse quelle di persone morte — siano state utilizzate per supportare la proposta FCC dii smantellare la net neutrality.
  • La FCC è stata denunciata per non aver risposto alle richieste FOIA circa la net neutrality.
  • Pai ha dichiarato che non ci sono prove che le aziende telco abbiano violato la net neutrality prima delle norme del 2015. Oltre agli esempi relativi a Comcast e AT&T che ho listato sopra, qui c'è una lunga lista di telco che hanno violato la net neutrality prima del 2015. Comcast, nel frattempo, ha silenziosamente rimosso dal suo sito una sezione in cui si impegnava a onorare i principi della net neutrality.
  • La FCC di Pai ha anche fallito nell'imporre le attuali norme net neutrality sulle telco, visto che molte usano formule zero rating per favorire i servizi di streaming musica e video che possiedono o con cui collaborano. Più di 50.000 consumatori che riportano violazioni della net neutrality dal 2015 sono state ignorate nel processo di commento pubblico alla proposta.
  • Pai, la FCC e le telco hanno falsamente dichiarato che le protezioni della net neutrality impediscono alle telco di usare bande dedicate per le operazioni sanitarie che potrebbero aiutare persone malate o disabili. C'è, infatti, una grossa nicchia legislativa che solleva le telco da queste regole per i servizi di telemedicina.
  • Pai, la FCC e dei think tank finanziati dalle telco hanno dichiarato che le norme per la net neutrality hanno danneggiato gli investimenti per la banda larga; le telco hanno detto ai loro investitori che gli investimenti stanno crescendo.
  • Pai e la FCC affermano che le normative per la net neutrality hanno danneggiato i piccoli ISP, ma non hanno presentato alcun dato a supporto di questa dichiarazione, e i dati disponibili dimostrano come, in realtà, la verità sia esattamente il contrario.
  • Gli esperti di tecnologia coinvolti nella creazione di internet e dei suoi protocolli hanno dichiarato che lo smantellamento della net neutrality di Pai è "basato su una comprensione distorta ed errata della tecnologia di internet."

Quindi no, non vi sbagliate: questa è una mossa meschina in linea con un partito e un'amministrazione che si è trovata nella temporanea posizione di poter impacchettare normative molto poco popolari per i loro finanziatori corporate, prima che un'ondata progressista guadagni il momentum necessario per evitare che ciò succeda.

C'è poco tempo per fermare il voto di oggi, i milioni di persone che hanno combattuto per proteggere la net neutrality dovrebbero sapere che non hanno avuto torto a parlare. Dovrebbero ricordare il tipo di governo che ha permesso a ciò di accadere e dovrebbero giurare di rimuoverlo dalla carica non appena fosse possibile.