FYI.

This story is over 5 years old.

Musica

L'iPod Nano e l'iPod Shuffle sono morti

Apple ha deciso che smetterà di produrli con effetto immediato.

I primi ricordi che ho dell'iPod Nano e dell'iPod Shuffle mi riportano al liceo, quando ascoltavo musica con un lettore mp3 da millemila giga con uno schermo LCD di qualità pari a quei finti giochini elettronici con i disegnini fisicamente applicati sullo schermo che compravi in edicola. Mentre io dovevo navigare un'interfaccia antidiluviana per poter avere la mia dose quotidiana di "Ride the Lightning" dei Metallica, le mie amiche coi genitori più ricchi più all'avanguardia facevano roteare i loro pollici su rotelle cliccheggianti e guardavano apparire titolo, artista e artwork su uno schermo che sembrava più luminoso dell'alba. Ovviamente dopo un tot ho comprato anch'io un iPod, scomparso oltre il tempo massimo il 14 dicembre 2012, quando qualcuno mi aprì la macchina e se lo portò via in una notte nevosa assieme a un navigatore da due soldi. Oggi, mi viene un po' il male al cuore a pensare che se vorrò mai tornare agli anni del liceo, riascoltare musica usando la rotella di un Nano o scuotendo uno Shuffle, non potrò più farlo. Perché Apple ha annunciato ufficialmente che smetterà di produrli. A dare la notizia è stato The Verge: un rappresentante di Apple ha confermato la notizia, annunciando quindi la morte degli ultimi iPod classici. L'unico iPod ancora in produzione è infatti l'iPod Touch, disponibile in versioni da 32 e 128 giga. Era dal 2012 che l'iPod nano non riceveva aggiornamenti significativi, se non qualche nuovo colore arrivato nel 2015. L'ultimo redesign dell'iPod Shuffle, invece, è arrivato nel 2010. Anche nel suo caso, l'unico vera novità negli ultimi anni sono stati nuovi colori. Personalmente, mi sento piuttosto impotente. Per dirvi, cercando un'immagine per questo pezzo ho cercato "iPod Nano" su Google Immagini, ho cliccato sulla prima—che era un'immagine ufficiale dal sito di Apple—e mi sono beccato un errore 404. È tutto vero, ragazzi, ed è troppo tardi per poterci fare niente. Segui Noisey su Instagram e Facebook.

Pubblicità