Pubblicità
Tech by VICE

I rifugiati che hanno salvato la vita di Snowden

Finalmente sappiamo dove si è nascosto Edward Snowden quando era l'uomo più ricercato del mondo.

di Theresa Locker
08 settembre 2016, 11:12am

A giugno del 2013, tutto il mondo si chiedeva dove fosse finito Edward Snowden. Era poco dopo le sue rivelazioni sul programma di monitoraggio globale della NSA—e prima delle sue numerose domande d'asilo che fecero finire l'informatore in Russia. E ovviamente a nutrire un grande interesse a conoscere il posto in cui si rifugiava c'erano gli Stati Uniti.

Da oggi sappiamo, grazie al quotidiano canadese National Post e Handelblatts, come Snowden sia riuscito nella fuga nonostante la sua faccia fosse stampata su praticamente ogni quotidiano. "Volevano i dati e volevano farlo tacere," dice il suo avvocato nel National Post mentre parla di come ha nascosto l'uomo più ricercato al mondo.

"A quel punto ho deciso di nasconderlo tra le persone più emarginate del mondo: tra i richiedenti asilo," ha detto Tibbo. Per questo l'avvocato invitò Ayith, un richiedente asilo dello Sri Lanka, ad un meeting delle Nazioni Uniti per conoscere il suo potenziale nuovo ospite.

"L'ho aiutato perché era un rifugiato come me."

Senza conoscerlo personalmente, Ayith sapeva fin da subito chi aveva davanti—aveva visto Snowden già centinaia di volte. In quel periodo era in televisione ovunque. Ma la situazione in cui si trovava Snowden gli ricordava il destino dei migranti: "l'ho aiutato perché era un rifugiato, come me."

Dall'hotel lussuoso a cinque stelle in cui ha rilasciato un'intervista tesissima destinata a cambiare il mondo, Snowden era stato catapultato laddove nessuno avrebbe mai sospettato—in una delle aree più popolate al mondo, più precisamente nel distretto Kowloon a Hong Kong.

Nella sua nuova "casa" Snowden ci è stato portato di notte, vestito di nero, con gli occhiali da sole e scortato dai suoi due avvocati in una macchina blindata. Madera e Supun, altri due rifugiati, gli lasciarono la stanza e dormirono nel corridoio.

Tibbo, l'avvocato di Snowden, non aveva molta scelta se non quella di affidarsi ai propri clienti alla ricerca di protezione: "L'ho dovuto portare via al più presto—quindi sono giunto alla conclusione che sarebbe stato meglio nasconderlo tra la gente che non gode della minima considerazione del governo."

Ci sono circa 12.000 richiedenti asilo a Hong Kong. Avendo diritti molto limitati, vivono per anni in uno spazio molto ristretto—e nell'illegalità—mentre aspettano la decisione sul loro status. Chi osa andare al lavoro infrangendo la legge, sia da volontario che da stipendiato, deve scontare due anni di carcere.

"Hanno avuto centinaia di opportunità di vendermi, e considerata la loro situazione non avrei nemmeno potuto rimproverarglielo," dice Snowden in un'intervista con il National Post a proposito della sua vita da rifugiato a Kowloon. "I bambini hanno osservato con sorpresa il modo in cui ho craccato il Wi-Fi del vicinato con un'antenna speciale, per poter comunicare con i giornalisti senza farmi notare dalla polizia."

Quando sentiva una sirena, Snowden saltava sulla sedia—anche se era certo che non fosse per lui.

Nel corso di due settimane Snowden si è nascosto in tre famiglie diverse. "Vorremmo che sapesse che non lo abbiamo dimenticato, e che pensiamo spesso a lui", dice Nadeeka in un video. Snowden è molto grato a queste persone "mi hanno insegnato che, chiunque o ovunque tu sia, a volte un po' di coraggio può cambiare il corso della storia."

Tagged:
Tech
Motherboard
nsa
Snowden
Cultura
motherboard show