Cultura

Sono stato nella città più fredda del mondo, dove si vive a 50° sottozero

"Toccare qualsiasi cosa di metallo senza indossare dei guanti significa perdere un pezzo di pelle."
8.1.21
Oymyakon, Russia
Anshu Saxena in piedi vicino al cartello che indica il nome della città più fredda del mondo, Oymyakon.

Il luogo abitato più freddo al mondo si trova a Oymyakon, in Russia. Le temperature medie raggiungono i -50 gradi, con picchi anche di -71. A differenza dell’Antartide, Oymyakon ha una vita apparentemente regolare con scuole, negozi, alimentari e persone che portano avanti le loro vite, per lo più dedicate alla caccia.

Pubblicità

Anshu Saxena, 37 anni, dipendente della Food Corporation of India, voleva esplorare i luoghi più gelidi del pianeta. Ma viaggiare da quelle parti non è facile, specialmente in pieno inverno.

Per prepararsi ad una missione del genere bisogna trovare degli abiti adatti al vero freddo, nonché un modo per superare le barriere linguistiche. Servono anche precauzioni apposite, come le creme per prevenire i geloni. Devi calcolare le pause per andare in bagno, e prepararti mentalmente a una dieta fatta per lo più di carne sotto sale e senza fibre.

Anche fotografare un viaggio del genere è complesso, perché le lenti delle macchine fotografiche si ghiacciano e le batterie non funzionano a temperature così basse. Quando Saxena ha tentato di fare un paio di scatti mentre viaggiava sul fiume Lena ghiacciato, si è ritrovato con le dita blu e doloranti nel giro di pochi secondi, e ha dovuto riportarle alla normalità usando il riscaldamento della macchina. Quando la struttura medica più vicina è ad almeno un giorno di viaggio, devi essere molto prudente.

Ho contattato Saxena per sapere di più della sua esperienza di viaggio in un posto così remoto e freddo, e soprattutto per sapere cosa l’ha spinto a farlo.

Oymyakon, Russia

Se lanci acqua bollente in aria, si cristallizza immediatamente.

VICE: Perché sei partito volontariamente per un posto dove persino i batteri muoiono congelati?
Anshu:
Adoro il freddo, le montagne e l’avventura nella natura. C’è un aspetto di totale novità nell’esplorare un posto così remoto.

Come si raggiunge un posto dove le strade sono tutte ghiacciate e gli aerei non volano?
Ci sono diverse organizzazioni turistiche che ti chiedono pochi soldi per portarti a fare un giro privatamente. Ma non le raccomando. Io ho fatto semplicemente molta ricerca e prenotato un volo da Mosca a Novosibirsk, dove ho contattato degli sconosciuti su Tinder ed esplorato qualche meta più turistica. Da Novosibirsk sono andato a Yakutsk, dove ho pagato per un viaggio di gruppo fino a Oymyakon, e in tre giorni abbiamo percorso 1000 chilometri.

Com’è viaggiare per 1000 chilometri attraverso un paesaggio completamente ghiacciato?
Le strade sono pittoresche, circondate da foreste infinite e fiumi completamente ghiacciati. Condividi un taxi con un gruppo di altre persone, per risparmiare sui costi e attraversare la superstrada Kolyma, anche nota come “strada delle ossa.” È stata costruita durante l’epoca sovietica da centinaia di migliaia di schiavi imprigionati nei gulag i cui corpi sono rimasti schiacciati tra la strada e il permafrost.

Quanto è turistica Oymyakon?
È molto amata da chi ama viaggiare in posti estremi. Ma in realtà non è mai stata esplorata davvero. Persino i russi non la visitano durante l’inverno. Ti viene dato un certificato della temperatura registrata dal governo. Era -53 gradi, il giorno in cui sono arrivato. C’era anche scritto che ero la 947esima persona proveniente dall’estero a visitare Oymyakon, e, stando alla mia guida, probabilmente la terza persona di nazionalità indiana a farlo.

Oymyakon, Russia

Anshu in un allevamento di bovini a Oymyakon.

Com’è la vita di tutti i giorni a -53 gradi?
Praticamente qualsiasi cosa congela, a quelle temperature. Il mercurio congela a -38.83 gradi. Per cui la gente del posto usa termometri all’alcol. La batteria del telefono si scarica in meno di 30 secondi. Per scattare una foto, devi tenere le batterie e il telefono dentro i vestiti, tirarli fuori in fretta, scattare e rimetterli via. Toccare qualsiasi cosa di metallo senza indossare dei guanti significa perdere un pezzo di pelle. Le auto che non possono essere parcheggiate in garage riscaldati devono restare accese tutta la notte.

Cosa si fa quando si va in visita lassù, oltre a concentrarsi per non morire?
Le occupazioni principali della gente di Oymyakon sono la caccia, la pesca e l’allevamento di renne e cavalli. C’è la scuola elementare, ma chi vuole continuare gli studi deve trasferirsi a centinaia di chilometri. Il dentista più vicino, per dire, è a circa 750 chilometri da lì.

Oymyakon, Russia

Il gruppo di viaggiatori con la famiglia che li ha ospitati a Oymyakon. Anshu è il quinto da sinistra. Le case hanno il riscaldamento centralizzato.

Cosa mangi in un posto dove non cresce niente e persino l’acqua bollente diventa ghiaccio nel giro di millisecondi?
Hai una dieta quasi completamente carnivora, fatta di carne di renna e cavallo. Le spezie sono quasi assenti. Un piatto popolare è a base di pesce crudo ghiacciato: non mi è piaciuto molto, ma l’ho mangiato lo stesso. La vodka è ridicolmente economica e molto forte. Il gelato è a -15 gradi, ma il clima fuori è a -50, quindi le persone scherzano che è un piatto caldo.

Come si fa a non morire in quel clima?
Devi vestirti con molti strati, doppi calzini e mantelli e coprirti il naso e gli occhi. Servono vestiti adatti a quelle temperature. Se hai soldi da spendere, ci sono pellicce di orso polare, ma io ho comprato il meglio che potevo permettermi in India, che più o meno ha funzionato. Consiglio comunque di comprare calzini, felpe, mantelli e scarpe da neve nei negozietti che li vendono in Russia. Dato che le case sono sempre riscaldate, al chiuso si sta molto bene, a differenza dell’inverno medio a Delhi.

Come vai al gabinetto in un posto dove l’acqua si ghiaccia?
Tutte le case hanno il gabinetto all’esterno, perché le tubature si ghiaccerebbero. Se devi andare in bagno, lo fai in fretta e torni al chiuso entro pochi minuti, altrimenti rischi i geloni ai genitali. Non esistono le docce, perché non c’è acqua corrente. Ci sono solo le saune russe, chiamate banya.

 La strada delle ossa, Kolyma.

La strada delle ossa, Kolyma.

Consiglieresti ad altre persone di fare visita a Oymyakon?
Assolutamente sì, se sei una persona che ama davvero il freddo. È una parte così remota del mondo. Anche solo vedere come si comporta il tuo corpo per non congelare è una testimonianza del nostro istinto a sopravvivere dove non c’è quasi altra forma di vita.