Salute

La misteriosa paralisi totale causata da alcuni funghi allucinogeni

Vari psiconauti si sono trovati incapaci di muoversi dopo aver consumato alcune specie di funghi—abbiamo cercato di capire che cos'è la wood-lovers paralysis.
02 luglio 2020, 8:55am
funghi allucinogeni paralisi
Tutte le foto di Tannar Coolhaas.

I funghetti magici sono tra le droghe ricreative più sicure. Su oltre 12mila intervistati che hanno assunto funghi nel 2016, soltanto lo 0,2 percento ha detto di aver avuto bisogno di assistenza medica—una percentuale di cinque o sei volte inferiore a quella di LSD, cocaina, MDMA e alcol, e tre volte inferiore a quella della marijuana.

Tuttavia, c'è sempre un'eccezione. Negli ultimi anni, ad alcune specie di funghi trovati in giro per il mondo è stato attribuito uno strano e terrificante effetto collaterale conosciuto come "wood-lovers paralysis" (o WLP). Si tratta di un fenomeno di debolezza o rigidità muscolare a breve termine che può provocare la perdita delle facoltà motorie per una durata anche di diverse ore dopo l'assunzione.

Dall'aneddotica, il problema sembra più diffuso in Australia, così abbiamo parlato con vari utilizzatori dagli stati del New South Wales e Victoria che si sono trovati ad affrontare questa condizione anomala. Tutti ci hanno chiesto di restare anonimi.

“Ho fatto pipì a letto mentre ero completamente paralizzato", ricorda un consumatore. “Sentivo le gambe cedere—è stato davvero come in The Wolf of Wall Street quando cerca di guidare la macchina," dice un altro. Un terzo consumatore, che si trovava solo lungo un sentiero nel bosco quando sono iniziati gli effetti, ricorda che "all'inizio mi sono messo a ridere, ma nell'arco di due minuti facevo davvero fatica a stare in piedi. Era difficile tenere il telefono in mano e in certi momenti anche tenere la testa alzata." Lui ha chiamato la moglie, che lo ha prontamente portato all'ospedale.

Nessuna di queste storie, per quanto siano simili tra loro, assomiglia al tipico racconto dell'esperienza psichedelica. Ma allora che cosa è successo?

Che cos'è la wood-lovers paralysis?

Un gruppo di psilocybe subaeruginosa: un potente fungo psichedelico comune in Australia e Nuova Zelanda. Foto: Tannar Coolhaas

La wood-lovers paralysis (WLP) è chiamata così perché sembra causata esclusivamente da funghi che crescono sul legno. È collegata perlopiù con tre specie di fungo: Psilocybe azurescens, Psilocybe cyanescens, e Psilocybe subaeruginosa.

Queste specie sono tra le più potenti dal punto di vista del contenuto di psilocibina. P. azurescens e P. cyanescens si trovano principalmente sulla costa Ovest degli Stati Uniti, mentre P. subaeruginosa è generalmente rinvenuto nell'Australia meridionale e in Nuova Zelanda. Sono difficili da coltivare in casa, quindi normalmente si raccolgono in natura, e sono funghi talmente simili che non è nemmeno detto che si tratti di specie diverse.

Di solito, la WLP è una paralisi muscolare parziale o totale che sembra manifestarsi dopo alcune ore di un trip da funghi. Chi ne ha sofferto parla di una sensazione di debolezza nei muscoli facciali come primo sintomo, ma può iniziare anche dalle estremità, dai piedi o dalle mani. Per alcuni resta relativamente minima, ma alcuni hanno riportato che si sia diffusa in tutto il corpo, rendendoli incapaci di fare altro che non fosse stare sdraiati per terra immobili per diverse ore.

Nonostante ci siano state delle segnalazioni di difficoltà respiratorie, non è un sintomo comune. Qualcuno ha anche riportato debolezza muscolare fino al giorno dopo, ma di solito il sintomo scompare senza effetti a lungo termine.

Sappiamo cosa provoca la paralisi?

Il cappello marrone conico di un psilocybe subaeruginosa: un potente fungo psichedelico comune in Australia e Nuova Zelanda. Tannar Coolhaas

Al momento non c'è alcuna spiegazione scientifica per quello che succede in questo caso, né sono in corso ricerche sul fenomeno. Dei micologi (studiosi dei funghi) contattati da VICE per questo articolo nessuno era al corrente della WLP o è stato in grado di dare spiegazioni.

Abbiamo notato la cosa all'inizio tramite le voci e i racconti sui forum e sui social da parte di consumatori preoccupati alla ricerca di risposte sull'esperienza inaspettata che avevano appena passato. Normalmente questi post facevano emergere più domande che risposte.

Ciò che si può dire per certo è che la WLP è rara, irregolare e perlopiù sconosciuta, anche tra psiconauti esperti. Molte persone che avevano subito l'effetto collaterale hanno detto a VICE che non avevano idea di quello che stava succedendo ed erano comprensibilmente molto spaventati.

Uno degli intervistati che abbiamo conosciuto via Facebook aveva preso funghetti per oltre 15 anni senza mai avere alcuna disavventura quando è stato colpito dalla WLP.

“Non credevo che sarei riuscito a svegliarmi", ricorda. "Le mie mani sembravano chele e mi sentivo la mandibola come se fosse bloccata sul lato della faccia". Aveva deciso di provare a dormirci su—ma gli ci è voluta un'ora per percorrere i 200 metri che lo separavano dalla sua auto, e quando ci è arrivato non riusciva ad aprirla. “Non c'era comprensione tra il cervello e le mani", racconta. "Sapevo cosa dovevo fare ma [il mio corpo] non ne voleva sapere".

La natura apparentemente casuale di questa condizione la rende ancora più misteriosa. Certi luoghi di raccolta dei funghi sono stati legati a vari casi di paralisi, mentre altri a zero. Alcuni individui raccontano di aver condiviso un raccolto unico tra varie persone, e che non tutti hanno manifestato i sintomi della paralisi.

Symon Beck è un medico che si interessa della WLP ed è tra gli amministratori del gruppo Facebook Psychedelic Mushrooms of Australia and New Zealand (PMANZ). Di recente Simon ha postato un “annuncio di sicurezza" su questo "fenomeno potenzialmente terrificante" e dice di essere rimasto "piuttosto stupito" alla risposta ricevuta dalla comunità dal post, che oggi riporta centinaia di commenti di persone che condividono le proprie esperienze personali.

“Non conosco personalmente molte persone a cui è successo", dice, e sottolinea che nessuno gliene ha mai parlato in un contesto medico. "Voglio solo farmi un'idea di quanto spesso succede e capire quali fattori ambientali sono in atto nell'ambiente in cui le persone hanno raccolto i funghi che hanno provocato tali effetti".

Ci sono almeno delle teorie?

Tannar Coolhaas

Ci sono un paio di articoli online che danno delle spiegazioni teoretiche per la WLP, e il sospettato numero uno sembra essere una sostanza chiamata aeruginascina. Questa molecola poco conosciuta fa parte degli alcaloidi della psilocibina: sono le sostanze che si pensa diano un effetto psicoattivo leggermente diverso a ogni specie di fungo psilocibinico. Forse ironicamente, di recente se ne è parlato come di una cura per i bad trip.

Il dott. Andrew Chadeayne—AD dell'azienda americana CaaMTech, che indaga sui potenziali benefici delle sostanze chimiche al di là della psilocibina nei funghi psicoattivi—ha detto a VICE che "potrebbe avere senso" che l'aeruginascina possa provocare la WLP a causa della sua somiglianza strutturale alla bufotenidina, una tossina presente in certe specie di rospo che è conosciuta come causa di paralisi.

“Sono molecole molto simili", concorda il dottor Beck, aggiungendo che per la sua esperienza la WLP "assomiglia a un effetto di un bloccante neuromuscolare". Vorrebbe dire che qualcosa può potenzialmente fermare i segnali mandati dal cervello ai muscoli nel punto in cui i nervi entrano in contatto, proprio come fa la bufotenidina con i recettori nicotinici.

Quando VICE ha sottoposto al dottor Cheadyne la teoria per cui l'aeruginascina potrebbe bloccare i recettori neuromuscolari, lui ha risposto dicendo che "un'attività sui recettori nicotinici dell'acetilcolina alla giunzione neuromuscolare avrebbe perfettamente senso". Si è affrettato a far notare, però, che si tratta soltanto di ipotesi perché non ci sono studi che mostrino la composizione chimica totale delle specie psilocibiniche.

Quindi?

Tannar Coolhaas

Finché non si potranno fare ulteriori ricerche sul meccanismo che entra in azione in questo caso, le ipotesi sono tutto ciò che abbiamo. Uno studio sull'effetto dell'aeruginascina sul sistema neuromuscolare sarebbe fondamentale per spiegare il mistero della WLP—e fortunatamente, gli scienziati quest'anno sono stati in grado di sintetizzare questa sostanza, rendendola molto più semplice da esaminare.

Scoprire quale meccanismo si cela dietro la WLP potrebbe avere un valore anche al di là della riduzione del danno. Come fa notare il dottor Beck, la scoperta di "una cosa che può provocare paralisi di tutti i muscoli scheletrici periferici senza colpire la respirazione" potrebbe essere "una svolta" nel campo dell'anestesia generale.

Dal punto di vista della sicurezza, sottolinea che "è importante essere consapevoli della natura casuale di questo fatto e del rischio che rappresenta in termini di possibili incidenti"—ma fa anche notare che "il soffocamento sarebbe l'unico altro rischio serio che mi viene in mente dal punto di vista della salute".

Psicologicamente, però, l'effetto può essere traumatico. Un utente ha descritto la natura casuale di questa malattia come "giocare a roulette russa".

“Avrei voluto essere al corrente della sua esistenza prima che mi capitasse per la prima volta, forse questo avrebbe alleviato un po' l'ansia", dice il dottor Beck. "Non è il massimo stare lì bloccato per sei ore a ripeterti che stai per morire o chiederti se sei già morto".

In conclusione, il miglior consiglio che si può dare è semplicemente di tenere presente "che queste cose possono succedere". In caso venissi colpito anche tu dalla WLP, il dottor Beck suggerisce un esercizio di consapevolezza.

“Pensa a questo per rassicurarti: è successo ad altre persone e ne sono uscite bene".