come parlare ai tuoi parenti razzisti
Illustrazione di Hunter French.
Identità

Come parlare a parenti o amici razzisti

Fermare un comportamento razzista o rispondere a chi dice "non sono razzista ma" è una responsabilità, per chiunque si definisca antirazzista.
12.6.20

Le ultime settimane negli Stati Uniti sono state complesse, e molto si è detto e scritto su razzismo sistemico e abusi di polizia nel paese e non solo. Le proteste e il sostegno globale al movimento Black Lives Matter hanno registrato alcune vittorie, ma molto va ancora fatto—non solo a livello istituzionale, ma anche individuale.

Questo post è quindi fatto per te, persona non-nera, circondata da genitori o altri parenti (o amici) che non fanno che ripetere "Hanno tutto il diritto di manifestare… ma solo se lo fanno secondo certe regole!"

Pubblicità

Perché rispondere è una tua responsabilità, così come fare tutto il possibile per cambiare la loro opinione—o almeno farli ragionare un po' di più sulle loro "certezze". Lanciarti in dibattiti con i membri razzisti della tua famiglia non sarà di certo uno spasso, ma è un compito importante. E arrivarci preparati è meglio.

Come rispondere a chi dice "distruggere non è la risposta"

È difficile difendere qualcosa se non la comprendi fino in fondo. Se i tuoi parenti si strappano i capelli per il destino di quel povero negozio e non sai cosa dire, ti consiglio di leggere il saggio di Vicky Osterweil "In Defense of Looting". Corregge il mito secondo cui una protesta pacifica è l'unico modo per combattere per i propri diritti civili, e spiega il legame tra proprietà, retorica anti-saccheggio, e supremazia bianca.

Puoi anche leggere l'editoriale di Kareem Abdul-Jabbar “Don’t understand the protests? What you’re seeing is people pushed to the edge,” in cui l'autore spiega l'importanza di esercitare empatia anziché giudicare le persone in questo momento.

Ci sono due strade che puoi prendere in queste conversazioni. Una è dire: "La maggior parte delle persone non sta distruggendo nulla—i manifestanti sono principalmente pacifici/il problema sono gli agitatori esterni," l'altra è "Ma sinceramente, a chi importa se le persone nere stanno distruggendo proprietà altrui?" Io, personalmente, sceglierei la seconda, perché vorrei che il discorso si spostasse dall'idea che se una persona nera si comporta bene allora andrà tutto bene.

Pubblicità

Devi anche essere ben preparato sui fatti: le forze dell'ordine hanno risposto alle manifestazioni pacifiche lanciando lacrimogeni sulla folla; compiendo azioni violentissime o crudeli; e hanno cercato di dirci che quello che vedevamo con i nostri occhi non era vero. Preparati a mostrare i video—ce ne sono tanti, molti sono stati filmati in diretta dalle televisioni, cosa che ti fa capire quanto la polizia sia sicura che non subirà conseguenze. Inoltre, qui ci sono un po' di esempi delle volte in cui gruppi di bianchi hanno innescato proteste violente senza alcun motivo… se possono servirti.

Come farti ascoltare da una persona che non è d'accordo con te

Conosci i tuoi parenti da tutta la vita. Quali sono i loro valori? Cos'hanno a cuore? Per esempio, se sono religiosi, potrebbe avere senso affrontare il discorso sotto quella lente: Gesù professava la difesa dei più deboli e più vulnerabili. Se tengono alla giustizia e al fare la cosa giusta nella vita di tutti i giorni, mostra loro i dati su come le persone nere subiscono profilazione razziale e, a parità di reato, sono puniti in modo sproporzionato rispetto alla popolazione bianca.

Pensa a come fare riferimento ai loro valori, per esempio dicendo "Sono sorpreso di sentirti dire [XYZ], perché non è in linea con [cosa che mi hai insegnato quando ero piccolo/cosa mi aspetto da te.]"

Nel suo libro Why Won’t You Apologize?, la terapeuta Harriet Lerner scrive che più è grave un'offesa, più è difficile per chi la commette provare rimorso. In pratica, "quando la nostra identità e senso del valore rischiano di essere annientati, non riusciamo a offrire delle vere scuse e affrontare le sfide che riguadagnare la fiducia di qualcuno comporta. È più facile nascondersi sotto una coperta di razionalizzazioni, minimizzazioni e negazioni." Inoltre, "una volta che etichettiamo e svergogniamo qualcuno, riduciamo la possibilità di redenzione e cambiamento positivo."

Pubblicità

Anche se non sei esattamente a caccia di scuse formali, tieni a mente questo consiglio per avere una conversazione produttiva e inquadra le tue critiche sulle azioni e le scelte di una persona, non sul suo carattere. Anche se vorresti gridare solo "sei un razzista," prova a formulare la frase tipo "hai detto una cosa molto razzista" e spiega perché. Idealmente, questo renderà più semplice farsi ascoltare.

Come riflettere sui tuoi errori

Hai fatto o detto di certo qualche cazzata razzista o ignorante nella vita, no? E ti sei sentito malissimo, ma anche grato a chi si è preso l'impegno di educarti, perdonarti, no? Certo. Questo è il momento di tirare fuori questa storia.

  • " Una volta la pensavo come te, ma poi ho [letto il libro XYZ, parlato con persone che mi hanno fatto riflettere] e ho imparato [cose importanti]. Accettare che [i poliziotti violenti non sono solo 'qualche mela marcia'] è stato difficile, perché mi ha costretto a rivalutare il modo in cui guardo il mondo e la mia vita, ma alla fine sono grato a [quella certa persona] che mi ha fatto ragionare. Ora sono una persona più attenta alla realtà delle persone nere."

Parlare in questo modo mostra empatia, e ricorda al tuo interlocutore che non è l'unica persona ad aver fatto un errore o creduto in un pensiero razzista costantemente reiterato nella nostra cultura. Comunica anche che c'è un altro modo di pensare e agire, e che sei disposto a parlarne sulla base della tua stessa esperienza.

Come dire a una persona che non sei d'accordo

Le persone spesso sentono quello che vogliono sentire e interpretano tutto (tranne un "no" assoluto) come una forma di compiacenza. Non lasciare niente di liberamente interpretabile. Per farlo, basta che tu dica cose come "Non sono d'accordo," "Questa cosa è semplicemente falsa," o, "Questa è una cosa terribile da dire." Non lasciare spazio all'ambiguità ed esprimi dissenso in mondo chiaro. Ecco un altro paio di cose che puoi dire:

  • "Non abbiamo diritto di dire alle persone oppresse qual è il modo 'giusto' di protestare. O dire loro come interpretare le parole di Martin Luther King, Jr., o le parole e le azioni di qualsiasi altro attivista nero."
  • "Abbiamo visto molti esempi, ora e in passato, di persone di potere che mentono su fatti accaduti. Anche fuori dalla politica: perché sei disposto a credergli ora? Ci sono molti casi documentati di forze dell'ordine che abusano del loro potere, per poi mentire sotto giuramento."
  • "È strano che tu insista sulle proprietà danneggiate e non sulle persone morte per mano della polizia e della mancanza di giustizia. Perché ti preoccupa tanto lo stato di una catena di negozi, anziché la vita delle persone? Sembra che tra le due cose ti interessi di più la prima. Magari non è così, ma lo sembra proprio."

Come rispondere alle provocazioni durante una discussione

Educare i tuoi parenti è una tua responsabilità, ma puoi anche essere bello diretto e insistere perché leggano e si informino, se vogliono portare avanti la discussione con te.

C'è una buona possibilità che il tuo interlocutore cerchi di farti saltare i nervi con qualche stronzata, o che ti accusi di essere intollerante perché non lo lasci esprimere la sua opinione. Non caderci. Tieni la conversazione sui binari e preserva le tue energie (inoltre, cedere alle sue provocazioni potrebbe convincere l'altra persona che sia il modo migliore per avere attenzioni). Ecco qualche esempio di risposta:

  • "Ti ho già detto che non rispondo a [trollata del giorno]" (Poi resta in silenzio e fissa l'altra persona).
  • Se ci riprova: "Perché vuoi parlare così tanto di [questo], anziché parlare di [violenza della polizia contro le persone nere]?
  • "OK. Se vuoi davvero sapere cosa penso, devi [leggere l'articolo che ti ho mandato/smettere di rigurgitare stronzate lette su Facebook/smettere di interrompermi/dimostrarmi che ti interessa davvero ascoltarmi]."

Pubblicità

Se sei una persona che non ama il conflitto, potresti sentirti a disagio nel ribadire qualcosa con fermezza con qualcuno che non vuole affrontare il discorso. Sforzati di superare quel disagio e non far cadere la conversazione. Essere cocciuto nel parlare con una persona abituata ad averla vinta è un'arma potente.

Come cercare aiuto

La risorsa migliore a tua disposizione sono le persone che hanno già avuto conversazioni simili con i loro familiari e che hanno avuto successo o che hanno ragionato su come sarebbe stato meglio formulare i discorsi. Chiedi in giro, fatti dare consigli, e racconta come è andata.

A questo proposito, se hai una relazione d'amore o di amicizia molto stretta con una persona nera, è importantissimo essere attenti a quanto parli del razzismo della tua famiglia/di altri amici. Sì, tengono a te e alla tua vita e sì, va bene informarli di avere un parente razzista (soprattutto se per qualche ragione devono incontrarlo)—ma in questo preciso momento, può darsi che non abbiano voglia di sapere in dettaglio che le persone che ti hanno cresciuto e con cui magari siete andati in vacanza sono parte integrante del problema.

Prima di condividere con loro un messaggio razzista di un tuo parente, chiedi se per loro è ok leggerlo, o se preferiscono farlo in un altro momento.

Infine: ricordati che già il fatto che i tuoi parenti siano disposti a parlare è una buona cosa.

Sì, queste conversazioni sono frustranti, ma è una buona cosa che la tua famiglia sia disposta ad ascoltare il tuo punto di vista. Questa conversazione è solo l'inizio di qualcosa che dovrai fare probabilmente tutta la vita, se sei una persona non-nera che vuole combattere il razzismo. Quindi impegnati, davvero, a portare questa battaglia fino in fondo.