Ascolta in anteprima il nuovo album dei Wire, 'Silver/Lead'

Le leggende del post-punk inglese stanno per pubblicare il loro quindicesimo album a 40 anni dal loro debutto, perfettamente piantate nell'oggi.
28 marzo 2017, 1:05pm

Nel Grande Libro dei Cliché del Rock, "senza tempo" è scritto appena sotto "grandioso". Se un disco ha grande influenza e regge a oltre un decennio dalla sua uscita, allora non è del suo tempo. Dev'essere fluttuante, staccato dalla sua epoca, capace di toccare terra di tanto in tanto quando facciamo scendere la puntina o rubiamo un riff, ma in essenza confinato in uno spazio extratemporale. Secondo questa logica, "Uptown Funk" è migliore di qualunque cosa George Clinton abbia toccato; l'ultimo album dei 1975 è più bello di Never Mind the Bollocks; Currents dei Tame Impala è meglio di Born To Run. Che stupidata.

Il quartetto londinese dei Wire ha prodotto alcuni fantastici album nella sua carriera quarantennale e ha influenzato ogni band con le chitarre che abbia un po' di cervello. Ma "senza tempo" sarebbe un insulto per loro. Il loro debutto del 1977 Pink Flag esprimeva un'angoscia immutabile con i suoi testi brevi e incendiari—quando Colin Newman sputa "alright, alright, alright" in "Reuters" niente sembra meno "alright"—ma era una reazione al mondo in cui era stato concepito, una reazione che sembra ancora importante oggi ma senza risultare completamente scollegata da se stessa.

Il loro quindicesimo album in studio, Silver/Lead, in uscita il 31 marzo ma che potete ascoltare in anteprima qui sotto, è un altro disco tempestivo prodotto da una band con un occhio ben piantato sul presente. L'angoscia è ancora lì, ma segue la linea tracciata dai loro ultimi tre dischi: Change Becomes Us, Wire e l'EP Nocturnal Koreans uscito l'anno scorso. La paranoia non ci colpisce con lampi frenetici; ribolle con una discrezione distorta che sostiene la voce monotona ma incredibilmente suggestiva e a tratti inquietante di Newman. È ingannevole, si nasconde dietro a ganci pop che attirano l'ascoltatore fino a che non è troppo tardi. Eccoci qui, canta Newman in "Short Elevated Period", "in un momento cruciale, in un futuro incerto". Avrebbe avuto senso 40 anni fa; ma fotografa perfettamente l'adesso.

Silver/Lead esce venerdì 31 marzo per pinkflag. Ordinalo dal sito dell'etichetta o cercalo nel tuo negozio di dischi di fiducia.

Segui Noisey su Twitter e Facebook.