Gli scienziati non si spiegano del tutto queste strane luci galleggianti in Texas

I ricercatori sono riusciti a decifrare solo metà del mistero delle luci di Marfa, ma alcuni aspetti sono ancora poco chiari.

|
12 maggio 2017, 8:54am

Non importa quanto si possa essere scettici, chiunque ha visto una luce misteriosa a un certo punto della propria vita. Anche se è spesso facile liquidarle con una spiegazione — "sarà stata una torcia, o un aeroplano" — è sempre interessante provare pensare a cos'altro poteva essere.

Questa curiosità spiega perché generazioni di turisti si siano recate nella piccola cittadina di Marfa, in Texas. Anche se ora si è trasformata in un polo artistico abbastanza hipster, per molto tempo l'attrazione principale per la città erano le luci di Marfa: delle misteriose e inspiegabili sfere galleggianti che appaiono nei pressi delle grandi strade appena fuori la città. Queste luci vengono documentate a partire dal 1800. C'è anche un punto di osservazione ottimale che la città ha costruito lungo la strada U.S. 90.

Per capire meglio la storia dietro le luci di Marfa, ascolta l'episodio di questa settimana di Science Solved It:

Anche se gli scienziati nel corso del tempo sono riusciti a determinare la provenienza di queste luci e il motivo dietro al loro aspetto così strano, ci sono ancora alcuni avvistamenti che non riescono a spiegarsi:

"Le luci di Marfa che vedete ogni notte non sono poi così grandi," ha spiegato Karl Stephan, uno degli scienziati che ha risolto il mistero delle luci. "[Sono] molto più piccole di un pugno, sembrano quasi delle stelle, forse tra il giallognolo e il bianco, e si muovono molto lentamente: non sono molto veloci."

Queste sfere appaiono ogni volta che di notte il cielo è terso e si possono vedere a largo delle pianure che si estendono dietro la strada. La piane fuori da Marfa si trovano già in un luogo abbastanza incredibile — situate nel west Texas, circondante da panorami desertici e montagne, si trova in una piana montagnosa con un'elevazione di un miglio. Quest'area è cosparsi di cactus e piante grasse, e all'orizzonte si possono scorgere le cime rocciose del massiccio del Chinati.

Una foto delle luci di Marfa fatta da un turista. Immagine: Flickr/Nicolas Henderson

"Sembra un po' deserto, un po' montagna," ha spiegato Michael Hall, executive editor del magazine Texas Monthly, che ha scritto delle luci. "Sei elevato di un miglio quindi anche l'aria ha un sapore diverso. Sembra che in un luogo del genere possa accadere qualcosa di strano da un momento all'altro."

Nel corso del tempo si sono sviluppate diverse leggende per spiegare queste luci. Alcuni abitanti del posto affermano che si tratti di luci provenienti dalle lanterne dei fantasmi di un capo Apache che era stato ucciso proprio si quelle pianure. Ma sopratutto, le luci sono un'attrazione e una scusa per andare a Marfa — e la città l'ha capito molto bene.

Il turismo generato da queste luci ha aiutato a supportare la città dopo che aveva quasi rischiato di sparire a causa dell'economia locale al collasso. Che un festival annuale per le luci di Marfa, e la città ha investito 720.000 dollari di finanziamenti federali e statali per espandere i centri turistici dove i visitatori possono ammirare le luci, tutto fornito di bagni e parcheggi.

Ma i turisti potrebbero perdere la voglia di andare fino a Marfa se scoprissero qualcosa che i locali già sanno: le luci non sono per niente misteriosi. Sono praticamente banali.

"Sorpresa: si è scoperto che si tratta di fari," mi ha spiegato Stephan. "Fari sulla strada, la strada 67, che è abbastanza distante — più o meno a 15 o 20 miglia a sud dei punti di avvistamento."

Il centro turistico delle luci di Marfa. Immagine: Flickr/Nicolas Henderson

Stephan e alcuni suoi colleghi hanno pubblicato uno studio sulle luci nel 2011 sul Journal of Atmospheric and Solar-Terrestrial Physics. Sfruttando degli spettrometri infrarossi e ultravioletti, hanno scoperto che le condizioni atmosferiche degli appartamenti fuori da Marfa erano uniche, tali da permettere di rifrangere la luce che arrivava dalla strada che distava 20 miglia.

Quando queste luci arrivano agli occhi dei turisti presenti nei punti di avvistamento, sembrano tutto fuorché luci provenienti da delle macchine. Sembrano strane sfere bianchicce galleggianti. La temperatura, la densità dell'aria e l'umidità nell'atmosfera presente in queste pianure creano le condizioni perfette per distorcere la luce in questa maniera piuttosto inusuale.

"Quando il deserto si scalda, l'aria sopra il terreno si riscalda e si alza in piccole bolle dopo che fa buio," ha spiegato Stephan. "È come guardare attraverso un pezzo di vetro ricurvo."

Anche se questa conclusione non è interessante come quella del fantasma del capo Apache, un alone di mistero ancora rimane. Stephan mi ha spiegato che ci sono state diverse segnalazioni di luci nella pianura che non corrispondono alle descrizioni dei fari rifratti. Luci che si muovono all'indietro, ondeggiano e scompaiono improvvisamente e, per ora, non sono ancora riusciti a spiegarsi cosa potrebbero essere.

"Il mio collega Jim Bunnell le ha viste di persona e ha fatto delle fotografia," ha detto Stephan. "Abbastanza da vicino per riuscire a evidenziare come all'interno di queste luci ci sia una struttura che non assomiglia a dei fari."

Anche dopo un'indagine scientifica, c'è ancora qualcosa di strano nel deserto del Texas che non è ancora stato spiegato.