FYI.

This story is over 5 years old.

A8N2: Il sesto numero di vice dedicato alla moda

Natale sulle Ande

A Natale, nello stato peruviano di Chumbivilcas, giovani e vecchi, maschi e femmine si riuniscono e si menano a sangue, vestiti da fantastici montanari psichedelici.
29.2.12

Dicembre è un periodo speciale nello stato peruviano di Chumbivilcas. Tutte le ragazze raccolgono i capelli in una treccia, indossano le loro gonne di broccato più belle e i copricapi delle feste. I ragazzi indossano i passamontagna più colorati, dei copripantaloni in pelle, e si attaccano un uccello morto in cima alla testa. Poi, la mattina di Natale, tutti, giovani e vecchi, maschi e femmine—si riuniscono e si menano a sangue. Takanakuy è una cerimonia di lotta che affonda le sue radici nella storia andina pre-spagnola, pre-Inca. Vista la totale mancanza di un sistema giudiziario ufficiale—il dipartimento di polizia dello Stato del Chumbivilcas dispone di ben tre poliziotti—gli abitanti del villaggio e delle città della regione accumulano livore per tutto l’anno, sapendo che potranno sfogarsi contro i propri nemici durante il Takanakuy. Mentre alcuni si battono per questioni legali legittime, altri combattono per questioni di donne o per rivalità personali di poco conto, e un sacco di gente si batte solo per il gusto di farlo (o perché sono ubriachi). Ma, cosa più importante, lo fanno vestiti come fantastici uomini delle montagne in una versione di Mad Max sotto acido. Guarda il nostro video sulla lotta di Takanakuy del Natale 2011. QUAL È IL PERSONAGGIO DEL TAKANAKUY CHE PREFERISCI?
Illustrazioni Tratte da Takanakuy: Cuando La Sangre Hierve dI Víctor Laime Mantilla Se non ti importa che ti chiamino q’ara gallo (ovvero, “gallo nudo”) allora puoi semplicemente mettere una uyach’ullu (ovvero, “passamontagna”) e indossare il cacchio che ti pare per il Takanakuy —anche dei jeans nü-metal tagliuzzati. O una maschera da lupo mannaro. Per quelli che non si sentono così sicuri del proprio stile, ecco una lista di costumi tradizionali del Takanakuy a cui ispirarsi.

MAJEÑO

Un

Pubblicità

Majeño

è semplicemente qualcuno che vive vicino al fiume Majes nelle Ande, dove si vestono come vedete qui accanto. Pantaloni da cavallerizzo di lana, un cappello di pelle sportivo, una giacca tradizionale peruviana in stile Harrington, e un corno di toro scavato all’interno usato come borraccia per l’alcol. La maschera uyach’ullu viene associata a una serie di simboli arcani (i quattro colori dovrebbero rappresentare i quattro “Quadranti” dell’universo), ma la sua funzione originale, nonché la più importante, è quella di nasconderti la faccia, in modo che tu possa tranquillamente pestare il tuo capo o il sindaco senza subirne le conseguenze il giorno dopo. Devi anche parlare in falsetto per salvaguardare la propria identità, e sentire più di 50 uomini enormi e mascherati parlare con una tale voce può essere abbastanza destabilizzante.

NEGRO

Il

Negro

Takanakuy più che a un vero e proprio “Negro”, si ispira quelli che erano i loro proprietari, meglio noti come schiavisti. Per essere un

Negro

hai bisogno di stivali di pelle alti fino al ginocchio, dei ricercati pantaloni di lana, una bella camicia con gilet, una mantella di seta ricamata, rosa o turchese, e una corona di cartone con carta da pacco scintillante arrotolata su un lato e una stella incollata sulla cima. Dopodiché devi ballare definendo cerchi irregolari come un gallo, l’animale-spirito associato al

Negro

. L’abbigliamento del

Pubblicità

Negro

era un tempo riservato agli uomini abbienti della città e faceva da controparte dandy agli zoticoni ubriachi

Majeño

. Poi, gradualmente, il costume da

Negro

ha iniziato a essere associato sempre meno ai benestanti ed è diventato il costume dei migliori combattenti. Oggigiorno l’outfit non possiede un significato definito, ma i Negro rimangono generalmente i più spigliati del gruppo, e anche i migliori ballerini. Questo paragrafo non mi fa sentire a mio agio.

QARA CAPA

Nella lingua indigena Quechua significa “locusta” ed è praticamente una versione più indigena della

Langosta

. Ci piace il mantello.

LANGOSTA

Langosta

significa “aragosta” in spagnolo, ma vuol dire anche “locusta” (deciditi, spagnolo!). Negli anni Quaranta, le piantagioni di Chumbivilcas furono attaccate da sciami di locuste, quindi, naturalmente, gli uomini hanno iniziato a vestirsi da locuste per combattere, e, sempre naturalmente, l’anno dopo le locuste sono sparite. L’ impermeabile dai colori sgargianti e i pantaloni ricordano l’addome lucido di un insetto, e si abbinano alla perfezione sia con un casco di plastica da minatore che con un uccello morto legato al collo. La

Langosta

è sicuramente il look più abbordabile e ti conferisce un tono da membro di una gang di

Akira

.

QARAWATANNA

Più o meno come hanno fatto i Ramones con lo stile greaser anni Cinquanta, il

Qarawatanna

si è impossessato del tradizionale look

Majeño

e lo ha migliorato, sostituendo la giacca di lana con una di pelle, il cappello con un uccello o una volpe imbalsamata, e i pantaloni da cavallerizzo con enormi copripantaloni da motociclista che sembrano gli stivali di

Aeon Flux

. La maggior parte dei ragazzi scelgono lo stile

Qarawatanna

, perché è di gran lunga il più duro e intimidatorio. Come quei tipi che alle superiori si vestivano come il Corvo a ogni Halloween.