Ho provato a vivere come Dan Bilzerian e ho capito il suo problema

Ho deciso di vivere cinque giorni come se fossi lui, e questo è quello che ho imparato.
4.5.16
Immagine di Ben Thomson.

Dan Bilzerian è l'incarnazione di come un 13enne si immagina l'età adulta. Sulla carta, invece, è quel personaggio 100 percento americano, il giocatore professionista di poker diventato famoso su Instagram perché sfacciatamente ricco e barba-munito che passa la vita tra armi, feste, jet privati e sesso facile con veri e propri mucchi di donne.

Ma Dan non è una persona reale nel senso tradizionale del termine, è più una sorta di modello di vita per un certo tipo di uomini single. Ciò che, sempre per questa categoria, potremmo essere tutti noi se smettessimo di avere paura e iniziassimo a fare palestra. Nel mondo reale esistono problemi come il fallimento, le MST, l'autopercezione—ma Dan non vive nel mondo reale. Invece ha 16,9 milioni di follower su Instagram che analizzano la sua ultra-esistenza e pensano che sia una bomba e si sentono un po' tristi. Perché, siamo onesti, la maggior parte di noi non è nemmeno lontanamente così.

Io mi sento triste. Se penso agli eroi per ragazzi bianchi e insicuri, Dan Bilzerian è più o meno tutto quello che abbiamo. Quando torno a casa da solo la sera, e la casa è buia e i gatti hanno fatto dei bei numeri sulla lettiera, non esiste una versione maschile di Bridget Jones o Carrie Bradshaw che ti fa pensare, Oh be', poco male, ho pur sempre tanti amici e del gelato in frigo. No, c'è Dan Bilzerian con la sua vita da film. E anche se probabilmente lui è uno stronzo e le foto sono tutte finte, non posso fare a meno di pensare che se la mia vita fosse così, sarei felice.

Perciò ho deciso di provare a vivere come Dan Bilzerian.

LUNEDÌ

Dan Bilzerian porta pantaloni cargo, ma non so perché. Pensavo non si portassero più. Ma i supermercati sono pieni di pantaloni cargo, quindi immagino che qualcuno perseveri.

Il piano era questo: per cinque giorni avrei ingerito solo beveroni proteici e carne e cercato di emulare Dan Bilzerian e le sue foto. Avrei anche imparato a giocare a poker, mi sarei ammazzato di palestra, e avrei portato i suoi stessi vestiti—ed eccoci a comprare i pantaloni cargo.

Poi ho comprato le polveri per fare i frullati proteici. So che sono una mezza truffa, ed è imbarazzante averle nell'armadietto della cucina, ma l'ho fatto per Dan. Questa settimana sarebbe stata diversa. Avrei completamente messo da parte il mio istinto, e in ogni momento di dubbio mi sarei chiesto, Cosa farebbe Dan in questo momento? E Dan comprerebbe polveri proteiche e ne scolerebbe quantità mostruose.

Poi mi sono diretto al casinò. Ho cercato un posto per giocare a poker e mi sono reso conto che è noioso e complicato, ma che sostanzialmente si basa sulla corrispondenza tra carte. Se i numeri corrispondono, le forme corrispondono, i colori corrispondono, vinci soldi.

Non c'è bisogno di dire che non avevo la minima idea di quello che stavo facendo, e questo sembrava irritare gli altri giocatori. Continuavano a fermarsi e a sospirare forte, e riprendevano solo se mettevo altre fish sul tavolo. Il poker, così ho capito, è un po' come cercare di non farsi picchiare al liceo. Nessuno sorrideva, nessuno sembrava lavarsi spesso, e io non riuscivo a smettere di guardare la tappezzeria arancione. Alla fine ho perso e sono andato a casa.

MARTEDÌ

La mattina è cominciata in palestra. Ho l'abbonamento in palestra perché mi piace sollevare pesi e pensare, TI STO SOLLEVANDO! e anche perché c'è una ragazza alla reception che mi chiama per nome quando mi saluta.

Dopo l'allenamento mi sono fatto un beverone proteico. Non era il massimo. A dire il vero, era contemporaneamente grumoso e bagnato. Lo sapevate che il succo di mirtillo rosso può essere grumoso e bagnato?

La sera sono andato a cercare spogliarelliste. Forse vi state chiedendo come faccio a fare tutte le cose che fa Dan grazie ai suoi milioni senza avere i suoi milioni. La risposta è che quello che Dan compra coi soldi, io lo compro con i miei hyperlink. La mia teoria è stata confermata quando ho chiamato il miglior strip club di Melbourne, il Bar 20, e ho chiesto al gestore se potevo godermi un po' di spogliarelli gratis in cambio di una menzione. Ha detto di sì.

Poi, questa ammucchiata: il mio io adolescente era entusiasta, ma il resto di me era più preoccupato di come stavano venendo le foto. Volevo che il mio amico fotografo ci si impegnasse davvero, ma ero in un'ammucchiata e avevo altro da fare.

Onestamente, è stato questo il momento in cui la mia vita è stata più simile a quella di Dan. Perché se l'Instagram di Dan sembra mostrare attimi rubati, la verità è che deve programmare tutto. Tutte quelle donne non sono con Dan perché è un dio del sesso. Sono con Dan perché qualcuno le paga e poi qualcun altro fa una foto. C'è una certa necessità di pianificazione e organizzazione nell'essere una celebrity di Instagram che spesso dimentichiamo, e per quanto mi riguarda significa nutrirsi di spumante e proteine e preoccuparsi del flash.

MERCOLEDÌ

Mercoledì ho preso un jet privato per andare da… nessuna parte. L'ho fatto perché Dan ha un aereo privato, che io ho sostituito con uno della compagnia aerea Airly. Comunque, era solo per fare qualche foto, quindi siamo rimasti con le ruote sull'asfalto.

Dovevano venire delle spogliarelliste, ma avevamo appuntamento alle 10 del mattino e le spogliarelliste non si sono viste. C'è stato un momento di tensione in cui ho pensato che avrei dovuto salire da solo sull'aereo, cosa che Bilzerian odia, ma alla fine non è successo.

Questa è Julia. È un'amica, per cui chiederle di vestirsi bene per versarmi drink è stato socialmente accettabile e non mi ha messo ansia.

Sulla destra c'è Mariam. Lavora per VICE, perciò è stato strano chiederle di venire. Certo, era solo un servizio fotografico e non c'erano orge in programma, ma Dan inserisce le donne nelle sue foto per motivi molto base che risultano un po' offensivi. Ma Mariam ha preso la cosa da vera professionista e non ha mai smesso di fissare il telefono.

Sono Dan Bilzerian dopo un weekend hard a Las Vegas, sono molto stanco, mi faccio tre minuti di volo per tornare a Los Angeles con 10 milioni di dollari e una pistola nuova.

Sono anche Julian che usa il bagno di un jet privato perché sto fingendo di essere Dan Bilzerian e i beveroni proteici sono una merda.

GIOVEDÌ

Ho un beverone proteico diverso, oggi. Credevate che "naturale" fosse un concetto totalmente opposto a un beverone proteico, e invece.

Poi siamo andati al poligono e ho imparato che le pistole sono un delirio. È tutto quello che ho imparato. Sono rumorose e qualunque cosa a cui spari va in mille pezzi, anche se è di carta. Dan passa un sacco di tempo a sparare e io volevo imitarlo, ma pare che non sia il mio ambito. Sono cresciuto in Australia, un paese tranquillo e inoffensivo. Non abbiamo molte figate in Australia, ma a noi l'idea di rendere possibili le stragi perché le persone possano difendersi dalle stragi sembra stupida. Perciò, non ho un gran rapporto con le armi.

L'altro problema è che ti sembra di essere un power ranger. Ma qui Dan Bilzerian sta facendo un po' di psicologia spiccia. Direi che ha cominciato a essere famoso nel 2013, ovvero quando i pubblicitari hanno cominciato a tirar fuori l'idea dell'Uomo. Forse vi ricordate quel periodo. È stato quel momento di ilarità collettiva che ci ha regalato le borse da uomo e una nuova ondata di beveroni proteici, il ritorno alla carne, e circa 25.000 pubblicità di birra che mettevano insieme tutti i cliché esistenti sull'essere Uomo. Bilzerian, in quanto Uomo definitivo, si trovava perfettamente a suo agio in quel modello, ma tre anni dopo sembra una cosa un po' passata.

VENERDÌ

Oggi è l'ultimo giorno, perciò ho messo la vodka nel frullato. Fanculo.

Poi ho portato una capra in ufficio perché a Dan piacciono le capre. Se date un occhio al suo Instagram ci troverete un sacco di foto di lui che gira con una capra di nome Zeus. In una, guardano insieme la televisione a letto. In un'altra, partecipano a un barbecue in terrazzo insieme a un gruppo di spogliarelliste. Dan ha una macchina con una decalcomania di Zeus.

Perciò eccoci in ufficio, con me che tento di lavorare. La capra—o meglio, il caprone—si chiamava Two Stroke e gli importava soltanto mangiare. Quando guardavo nei suoi occhi oblunghi, ci vedevo fame e nulla più. Forse giusto il baratro su un abisso profondo e meraviglioso.

Qui forse c'è qualche similitudine con Dan. Tutto quello che gli importa è il potere, e poi nulla. Dan paga donne per fare foto con lui, va in palestra per fare foto in cui è in palestra, spara per fare foto in cui spara, così guadagna follower, e i follower sono potere.

Dan è l'epitome della continua ricerca di ciò che c'è oltre. Tutto quello che fa è gigante, è eccessivo, ed è ricoperto di belle donne un po' fatte. È l'America incarnata, e per me—uno a cui bastano qualche amico e qualche weekend in tenda—sono aspettative un po' troppo alte.

Dopo una settimana nella vita di Dan mi sono reso conto che non è nemmeno questo granché. Per me, la vita è la vita, non importa cosa sto facendo. Certo, i jet privati sono carini, ma sono solo tubi con le ali. Essere sommerso dalle spogliarelliste è stata una bella esperienza, ma sono solo persone. In fin dei conti, è stato un po' come pianificare una gita in un posto bellissimo e pieno di storia, poi arrivare e ok, c'è una chiesa costruita molto prima che nascessero i miei nonni. Altro?

Ma Dan non può smettere. È una celebrity di Instagram ed è bloccato su questa stancante, infinita ruota senza senso. Perciò dopo questa lunga settimana posso finalmente ignorare i soldi e gli averi di Dan Bilzerian e guardare dritto alla capra sullo sfondo. Dritto a Zeus, che sa che mangiare è la cosa migliore, e che non può diventare meglio di com'è.

Segui Julian su Twitter.