Stuff

Il Modafinil potrebbe essere molto più di una smart drug

Il Modafinil è una smart drug ormai nota perché trasforma studenti universitari assonnati in giovani professionisti energetici. Ma è anche molto più di questo: è una cura promettente per le dipendenze da sostanze e per alcune malattie neurodegenerative.
6.12.16

Una pastiglia di Modafinil. Foto via Tumblr

È possibile che abbiate già sentito parlare del Modafinil: la "smart drug" che trasforma studenti universitari privati di sonno in giovani professionisti energetici.

Si è scoperto che il Modafinil può fare addirittura di più: è una promettente cura per l'abuso di droghe stimolanti, come per malattie neurodegenerative quali l'Alzheimer e il Parkinson. Sembra anche normalizzare le funzioni cognitive nelle persone con problemi di privazione del sonno (che di questi tempi son molte) ed essere la droga preferita dagli astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale e dai membri delle forze armate durante le missini di lunga durata.

Pubblicità

Se in alcuni paesi come il Regno Unito, l'Australia, l'India, la Germania, il Canada, il Messico è legale e si può ottenere dietro prescrizione medica, in altri, come gli Stati Uniti, la vendita non è autorizzata. In altri ancora, come l'Italia, la legislazione a riguardo è molto poco chiara. Considerata l'attuale crisi americana ma non solo con le anfetamine e la privazione di sonno, legalizzare una sostanza più sicura come il Modafinil sembrerebbe sensato. E allora perché non viene fatto?

Il Modafinil è stato sviluppato negli anni Settanta da un professore francese di medicina sperimentale, con lo scopo di trattare la narcolessia e altri disordini del sonno. Dopo decenni di test in Francia, la Food and Drug Administration americana ha approvato il Modafinil per trattare la narcolessia nel 1998. Nel 1999, la DEA lo ha inserito tra le sostanze controllate.

Al tempo, non esisteva un numero sufficiente di ricerche per chiarire il meccanismo d'azione della sostanza. Il Modafinil non sembrava avere un effetto diretto su specifici neurotrasmettatori—le sostanze chimiche rilasciate dai neuroni per comunicare tra di loro. Al contrario, sembrava agire indirettamente su alcuni di essi (nello specifico la serotonina, la dopamina e il GABA), al contrario di altri stimolanti che agiscono più direttamene sulla dopamina.

La DEA ha specificato nella sua decisione di inserirlo nella tabella delle sostanze controllate che gli effetti comportamentali scatenati dal Modafinil sono simili a quelli di altri stimolanti, come la cocaina, che agisce direttamente sulla produzione di dopamina. La dopamina agisce nel cervello come una specie di sistema di ricompensa, ed è associata a droghe che creano dipendenza.

Pubblicità

Eppure, non tutte le droghe che agiscono sulla dopamina sono uguali. Alcune droghe, come l'MDMA, aumentano il rilascio di dopamina nel cervello. Altre, come la cocaina, agiscono sugli inibitori della ricaptazione della dopamina. Questo significa che quando la dopamina viene rilasciata da un neurone, non è interamente assorbita da quello che la deve ricevere, e la dopamina che avanza rimane nello spazio tra i due neuroni. È questa dopamina extracellulare che ti fa sentire nel modo in cui ti senti dopo una striscia di cocaina. Anche il Modafinil è un inibitore di ricaptazione, ma non efficace come la cocaina.

"Non importa quanto ne assumi—non riuscirai mai a mettere fuori gioco i trasmettitori di dopamina come fanno anche solo poca cocaina o anfetamina," mi ha detto Peter Morgan, professore di psichiatria a Yale. "Questo è un po' il motivo per cui non ci si sente particolarmente in botta quando si prende il Modafinil."

Per questo, le ricerche hanno mostrato che il Modafinil è un metodo effettivo per trattare le dipendenze da cocaina e anfetamina. Se usi regolarmente sostanze che modificano il flusso di dopamina come la cocaina, il tuo cervello si abitua alla loro presenza e la percepisce come normale. Se improvvisamente smetti di assumerle, il cervello fa fatica a funzionare. Il Modafinil può essere una buona alternativa alla cocaina—è comunque un inibitore di ricaptazione, ma i suoi effetti sono più blandi, e non dà quasi dipendenza.

Pubblicità

Anche se il Modafinil è stato usato con successo per trattare la dipendenza dalla cocaina in alcune circostanze, in molti paesi chi ne ha più bisogno deve pagarlo di tasca propria, dato che non è inserito nelle liste di medicinali consigliati—e di solito chi ha seri problemi con la cocaina non può permetterselo. Quando ho chiamato una farmacia, mi hanno detto che 30 pastiglie da 100mg costano circa 870 dollari [815 euro].

Alcuni ordinano illegalmente Modafinil off-label dai produttori in India, dove costa molto meno (circa due dollari per una pillola da 200mg), ma il rischio è che il prodotto non sia puro.

"Non ho alcun dubbio sul fatto che sia molto, molto più sicuro di qualsiasi anfetamina o sostanza simile," dice Morgan. "Per me è chiaro che sia peggio della caffeina, ma molto meglio delle anfetamine."

Parte del problema è che le aziende farmaceutiche non sono particolarmente incentivate ad aggiungere il Modafinil tra le sostanze per trattare le dipendenze. "Non è nell'interesse delle aziende farmaceutiche," ha aggiunto Morgan. "È difficile che si interessino a un trattamento per la cocaina, dato che nessun marchio vuole essere associato con la dipendenza da cocaina."

Ma un sacco di persone usano il Modafinil anche per altre cose—soprattutto, per aumentare le loro performance cognitive.

Barbara Sahakian, neuroscienziata a Cambridge, ha condotto un questionario sul Modafinil off-label, dopo aver scoperto che molti suoi colleghi, in perfetta salute, lo usavano per lavorare. Nel suo rapporto, uscito nel 2007 su Nature, ha intervistato 1.400 persone da 60 paesi diversi che avevano fatto uso di sostanze come il Modafinil o il Ritalin [farmaco per il trattamento dell'ADHD]. Molti ne avevano fatto uso per aumentare la propria concentrazione, non per ragioni mediche, e un terzo l'aveva acquistato su internet senza ricetta medica.

Pubblicità

"Il problema più grosso è che non ci sono studi a lungo termine che indagano l'effetto del Modafinil su persone non affette da dipendenze," mi ha detto Sahakian. Anche se sembra avere solo effetti benefici, gli studi non sono sufficienti per provarlo.

Come qualsiasi altra sostanza, il Modafinil non fa per tutti. Alcune persone riportano episodi di mal di pancia o mal di testa e, inoltre, sono sonno ed esercizio fisico i migliori catalizzatori delle capacità cognitive—e il Modafinil non è amico di nessuna delle due cose.

Ma per chi ne ha bisogno per superare una dipendenza, per sopperire a deficit cognitivi, per lavorare di più, chi magari non riesce a dormire o fare esercizio fisico, avere accesso al Modafinil potrebbe essere di aiuto. Il primo passo è promuoverlo come un'alternativa sicura agli stimolanti di largo consumo, oggi, e incoraggiare le ricerche sull'uso a lungo termine. Visti i benefici che sta dimostrando di avere, forse ne varrebbe la pena.

Segui Daniel su Twitter.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: