Pubblicità
crimine

La Guardia di Finanza ha sequestrato lo 'yacht' di Benito Mussolini

La 'Fiamma Nera', una barca a vela appartenuta a Benito Mussolini, è stata sequestrata questa mattina a un imprenditore vicino ad alcune cooperative colpite dall'inchiesta "Mafia Capitale".

di VICE News Italia
01 febbraio 2016, 12:25pm

Foto via Guardia di Finanza.

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato 

La 'Fiamma Nera', una barca a vela appartenuta a Benito Mussolini, è stata sequestrata questa mattina a un imprenditore sospettato di essere vicino ad alcune cooperative colpite dall'inchiesta "Mafia Capitale".

Gli agenti della Guardia di Finanza di Fiumicino hanno posto i sigilli a 32 terreni e 75 immobili per un valore di 28 milioni di euro, alcuni dei quali concessi in locazione alla "Domus Caritatis" di Tiziano Zuccolo e alla "Eriches 29" di Salvatore Buzzi.

Buzzi è uno dei 47 imputati, insieme a Massimo Carminati, nel maxiprocesso che ha preso il via il 5 novembre scorso a Roma. Le udienze dei 47 imputati continueranno fino a luglio, quando sono attese le prime sentenze.

Foto via GDF.

La 'fiamma' di Mussolini

Si tratta di uno yacht di 23 metri di lunghezza e 4,70 di larghezza, costruito nel 1912 in Germania con legno di teak stagionato e mogano.

Originariamente varata con il nome di Konigin II, l'imbarcazione fu acquistata nel 1935 dal gerarca fascista Alessandro Nobile, che la ribattezzò Fiamma Nera prima di donarla a Mussolini.

Le cronache raccontano che il Duce utilizzasse la barca per i suoi incontri segreti con Claretta Petacci, la sua amante storica.

Alla vigilia della caduta del regime, Fiamma Nera fu affondata dal suo armatore nel porto di Rapallo per impedire che finisse nelle mani dei tedeschi o degli americani.

Nel dopoguerra l'imbarcazione fu restaurata dal conte Sereni, che le diede il nome di "Serenella" per tagliare ogni legame con il suo passato scomodo.

Dopo una serie di passaggi di proprietà, la barca è stata infine acquistata da una delle società sottoposte oggi a sequestro, le cui quote - riferisce la Guardia di Finanza - sarebbero state intestate a un prestanome, "pluripregiudicato e nullatenente."

Leggi anche: Le città italiane dovrebbero revocare la cittadinanza onoraria a Mussolini?


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook

Tagged:
VICE News
mussolini
fascismo
Italia
Duce
Mafia Capitale
sequestro
guardia di finanza
buzzi