FYI.

This story is over 5 years old.

Siria

In foto: com'era il quartiere curdo di Aleppo prima dei bombardamenti delle milizie islamiste

Sheikh Maqsoud è un quartiere di Aleppo a maggioranza curda, i cui 30.000 abitanti rimasti resistono ai bombardamenti delle milizie islamiche. A dicembre 2012, abbiamo trascorso una settimana con gli abitanti e la milizia curda YPG.
19.5.16
Due miliziani dell'YPG di guardia a Sheikh Maqsoud, con la fortezza di Aleppo sullo fondo. (Imma David Meseguer/VICE News)

La tregua tra il regime siriano e l'opposizione raggiunta il 27 febbraio scorso è ormai solo un ricordo. Nelle ultime settimane, i combattimenti tra l'esercito siriano e l'opposizione si sono intensificati soprattutto nella città di Aleppo, uccidendo più di 350 civili.

Entrambe le parti hanno condotto bombardamenti indiscriminati, e sono stati attaccati addirittura due ospedali. Il primo attacco effettuato dagli aerei del regime aveva come obiettivo l'ospedale di Al-Quds - sostenuto da Medici Senza Frontiere e da altre organizzazioni - e gli edifici adiacenti, e ha causato almeno 55 morti. Tra le vittime si conta anche l'ultimo pediatra rimasto ad Aleppo, il dottor Mohamed Wasim Maaz.

Pubblicità

Il secondo attacco contro un ospedale è avvenuto il 3 maggio scorso quando, secondo l'agenzia governativa SANA, alcune "organizzazioni terroristiche" hanno attaccato con dei missili l'ospedale di Al-Dabit, nel quartiere di Al-Muhafaza, controllato dal governo.

L'Osservatorio siriano per i diritti umani ha riferito di almeno 19 morti e 80 feriti a causa dei razzi sparati dalle fazioni islamiste sulle zone occidentali di Aleppo.

Mentre i morti nelle zone controllate dal governo o dall'opposizione ricevono l'attenzione dei media, c'è un quartiere di Aleppo di cui si parla appena. Si tratta di Sheikh Maqsoud, un quartiere a maggioranza curda situato a nord della città.

Quando a luglio 2012 la guerra è arrivata ad Aleppo, i ribelli hanno preso il controllo della parte orientale, mentre il governo di Bashar al-Assad si è aggiudicato i quartieri occidentali. I sobborghi di Ashrafiyeh e di Sheik Maqsoud sono rimasti sotto il controllo della milizia curda Unità di Protezione Popolare (YPG).

Da quando il Partito dell'Unione Democratica (PYD) - la principale formazione politica dei curdi in Siria, ideologicamente affine al Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) - ha preso il controllo di vaste aree nel nord della Siria e di questi sobborghi di Aleppo, ha voluto tenere lontani dai propri territori il regime, l'opposizione e i gruppi come il Fronte al-Nusra e lo Stato Islamico.

Fino al 2013 questa zona della città è rimasta ai margini della guerra, ma da allora sia il governo che l'opposizione hanno bombardato Sheikh Maqsoud per distruggere l'YPG e conquistare quest'area strategica.

Pubblicità

I progressi fatti dall'esercito siriano dall'inizio dell'anno e la possibilità di completare l'accerchiamento della città, isolando la zona controllata dai ribelli, hanno portato all'intensificarsi della lotta per la conquista di Shekh Maqsoud.

La testimonianza della disperazione di una famiglia a Sheikh Maqsoud.

Chi in realtà sta colpendo con forza questo quartiere - dove ancora risiedono 30.000 abitanti - è la fazione islamista dell'Esercito della Conquista, coalizione formata, tra gli altri, dal Fronte al-Nusra - l'affiliato di al-Qaeda in Siria - e da Ahrar al-Sham. Proprio la settimana scorsa Amnesty International ha pubblicato un rapporto in cui denuncia l'uso di armi chimiche da parte del gruppo ribelle su Sheikh Maqsoud.

Secondo lo stesso rapporto, solo nel mese di aprile almeno 83 civili, di cui 30 bambini, sono stati uccisi a causa dell'uso di "armi dell'inferno" da parte dei gruppi dell'opposizione. Di solito questi mortai artigianali sparano, senza alcuna precisione, le bombole del gas utilizzate per cucinare riempite di polvere da sparo.

A dicembre 2012, quando Aleppo stava già sopportando la guerra civile da più di un anno e mezzo, VICE News ha visitato Sheikh Maqsoud e ha passato una settimana con i suoi abitanti e con l'YPG. Questo è quello che abbiamo visto in un quartiere che non sarà mai più lo stesso.

Tutte le foto sono di David Meseguer/VICE News.

Questa zona residenziale funge da confine tra Sheik Maqsoud e il complesso residenziale di Bani Zeid. Al momento, si tratta di un'area di pesanti combattimenti tra i gruppi islamici e l'YPG. (Foto di David Meseguer/VICE News)

Alla fine del 2012 la guerra era già arrivata ad Aleppo. L'YPG ha istituito decine di posti di blocco per tenere lontani i combattimenti tra il regime siriano e l'opposizione. (Foto di David Meseguer/VICE News)

Sheikh Maqsoud si trova su una collina a nord della città. Durante i primi mesi della guerra, i giovani salivano qui per osservare la guerra dal vivo. (Foto di David Meseguer/VICE News)

Attualmente, circa 30.000 persone resistono ai bombardamenti dei gruppi islamici a Sheikh Maqsoud. Dal quando la guerra è arrivata ad Aleppo a luglio 2012, migliaia di persone che vivevano in questo quartiere hanno lasciato la propria casa e si sono dirette verso la regione di Afrin, o hanno trovato rifugio in altri paesi. (Foto di David Meseguer/VICE News)

Dall'inizio delle ostilità, decine di miliziani curdi sono stati arruolati dall'YPG per proteggere il "Piccolo Kurdistan di Aleppo" dal regime e dai gruppi dell'opposizione.(Foto di David Meseguer/VICE News)

Durante i primi mesi della guerra, i negozi di Sheikh Maqsoud erano ben forniti di cibo e provviste. Ora la situazione è completamente diversa. (Foto di David Meseguer/VICE News)

Una tipica colazione siriana in una casa privata di Sheikh Maqsoud. Oggi, il quartiere è completamente assediato ed è sempre più complicato far arrivare i beni di prima necessità. (Foto di David Meseguer/VICE News)

Un giovane miliziano dell'YPG prepara un tè sul fronte situato sul perimetro di Sheikh Maqsoud. (Foto di David Meseguer)

Nonostante la guerra, verso la fine del 2012 il traffico a Sheikh Maqsoud e nelle zone controllate dal regime e dall'opposizione era abbastanza scorrevole. (Foto di David Meseguer)

Come in tutta la Siria, la vita di questo quartiere a maggioranza curda si svolge in strada. La pioggia di proiettili ha costretto i 30.000 residenti che ancora resistono a rimanere al chiuso per rimanere al sicuro. (Foto di David Meseguer/VICE News)

I miliziani dell'YPG controllano accuratamente tutti i veicoli che entrano nella zona per evitare qualsiasi tipo di infiltrazione. (Foto di David Meseguer/VICE News)

Tre bambini si scaldano in strada accanto a un fuoco, in attesa che qualcuno si fermi a comprare le sigarette nel loro negozio improvvisato. (Foto di David Meseguer/VICE News)


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook

Segui David Meseguer su Twitter: @davidmeseguer