Tech by VICE

Questa comunità dell'Artico sta letteralmente sprofondando nell'oceano

Per alcune delle persone che vivono a Tuktoyaktuk, nei Territori del Nord-Ovest, trasferire le loro case è l'unica soluzione per salvarsi dal mare che sale rapidamente e divora la terra intorno a loro.

di Weronika Murray
14 febbraio 2020, 10:57am

La casa di Noella è uno dei quattro edifici di The Point in lista per un trasferimento urgente. Tutte le foto di Weronika Murray, dove non specificato diversamente.

Nel 1994, quando Sandy e Sarah Adam si sono trasferiti a The Point, Tuktoyaktuk, nella parte più a nord dei Territori del Nord-Ovest, avevano un grande giardino e una spiaggia che li separava dal mare.

Ora, i frangiflutti sulla spiaggia sono l'unica cosa che protegge la loro casa dalla forza distruttiva del Mare di Beaufort.

Sandy Adam on The Point, August 2018. He said he doesn’t allow his grandchildren to play on the rip-rap anymore as the boulders have become dangerously unstable.
Sandy Adam on The Point, August 2018. He said he doesn’t allow his grandchildren to play on the rip-rap anymore as the boulders have become dangerously unstable.

Sandy ha detto che nonostante i frangiflutti e i geotessili siano stati aggiunti tre anni fa, la struttura di rinforzo sta già scivolando nell'acqua. "Troppa, davvero troppa" della sua proprietà è stata portata via dalle onde, dice Sandy, scuotendo la testa.

Tuktoyaktuk, una comunità Inuvialuit di circa 950 persone, è una delle prime comunità in Canada costretta a trasferirsi per colpa dell'impatto del riscaldamento globale. Nonostante diversi tentativi di proteggere la costa dall'erosione negli ultimi decenni, l'oceano continua ad avanzare, per via della stagione dei ghiacci più corta, del livello del mare che sale, e del disgelo del permafrost.

The Point, an area at the end of Tuktoyaktuk’s scenic Beaufort Drive.
The Point, un'area all'estremità di Tuktoyaktuk.
Map of Tuktoyaktuk by Hunter French.
Mappa di Tuktoyaktuk, creata da Hunter French.

A partire dal 2016, sei edifici sono già stati rimossi dalla costa; si trattava per la maggior parte di edifici pubblici.

La casa di Adam, così come quella di Noella Cockney a The Point, sono due delle quattro case in lista per urgente ricollocazione. La frazione di Tuktoyaktuk ha ricevuto 800.000 dollari per sovvenzionare il trasferimento delle quattro case in nuovi lotti a Reindeer Point, a circa sei chilometri da lì.

The ocean-facing side of The Point, August 2019.
Il lato di The Point che affaccia sull'oceano. Agosto 2019.
Erosion projection map of Tuktoyaktuk to 2100, courtesy of Natural Resources Canada.
Mappa con proiezione del processo di erosione Tuktoyaktuk fino al 2100, per gentile concessione del Dipartimento di Risorse Naturali del Canada.

Ma il trasferimento non è ancora stato fatto—il processo è complesso, perché avviene tutto sul permafrost. Gli edifici in queste zone sono tipicamente appoggiati su palafitte o blocchi, e sui nuovi lotti devono essere stese palate di ghiaia che abbia riposato almeno un anno (un ciclo stagionale completo di scongelamento e congelamento), così che le case non sprofondino nel terreno.

In tutto questo, poi, il grosso dei lavori di costruzione viene condotto in inverno, perché il terreno è più stabile. Se lavori sul permafrost o ci guidi veicoli con carichi pesanti quando la temperatura è sopra lo zero, si trasforma in una palude.

Ora, stanno parlando di cercare di rafforzare di nuovo la costa.

Thawing permafrost creates an undercut in the eroding shore while the top layer that freezes and thaws seasonally is temporarily held together by vegetation.
Il permafrost in disgelo crea un vuoto nella costa erosa mentre il livello più superficiale che si sgela e ricongela stagionalmente viene tenuto insieme in modo precario dalla vegetazione.
Geotextile meant to reinforce Tuktoyaktuk Beach, tattered by the waves.
Geotessili che dovrebbero rinforzare la spiaggia di Tuktoyaktuk Beach, lacerati dalle onde.

"A essere onesti, non ho idea di cosa succederà. Ora che l'inverno è qui nessuno ne parla o sembra preoccupato," ha detto Cockney, aggiungendo che l'ufficio amministrativo della frazione "non ha dato aggiornamenti a nessuno di noi su cosa si farà."

Esempi drammatici della velocità dell'erosione sono ben visibili per tutta la costa canadese del Mare d Beaufort.

An aerial view of shore erosion and exposed ground ice at Peninsula Point, about five kilometres west of Tuktoyaktuk. The ground in the area is 90 percent ice.
Vista aerea della costa in erosione e del ghiaccio profondo esposto a Peninsula Point, a circa cinque chilometri a ovest di Tuktoyaktuk. Il terreno qui è al 90 percento ghiaccio.

L'Isola di Tuktoyaktuk, uno sputo di terra lungo un chilometro che siede frontale a The Point, funge da barriera naturale che protegge il porto di Tuktoyaktuk. All'attuale ritmo di erosione, è previsto che sia spazzata via nei prossimi 20 o 30 anni, stando a un report della W.F. Baird & Associates Coastal Engineers, che la frazione ha assunto per studiare una possibile soluzione.

La stagione delle acque aperte intorno a Tuktoyaktuk è passata da 95 giorni a 110 giorni dal 1975, e le proiezioni dicono che aumenterà di altri due mesi entro il 2060, stando al report di Baird.

Secondo Dustin Whalen, che lavora per il Dipartimento di Risorse Naturali del Canada (NRC), alcune sezioni dell'Isola di Pelly, un'isola remota che si trova a circa 100 chilometri a occidente di Tuktoyaktuk, recedono anche di 30-40 metri all'anno.

An aerial view of the eroding shore of Pelly Island.
Vista aerea della costa in erosione di Pelly Island.
Pelly Island is one of the fastest eroding islands in the world, with sections of its coast receding up to 40 metres a year.
Pelly Island è una delle isole la cui costa si sta erodendo più in fretta, con sezioni che recedono di 40 metri all'anno.

Su Pelly, senti solo l'acqua che sgocciola e scorre via, mentre il permafrost scoperto si sgela. Riesci persino a sentirne l'odore, uguale a quello della terra bagnata. Devi stare attento a dove metti i piedi perché ci sono crepacci profondissimi nella tundra, dove i blocchi crepati stanno iniziando a separarsi dal resto dell'isola.

Non sappiamo ancora che impatto—e di che portata—avrà sul lungo periodo il disgelo del permafrost sull'ambiente che lo circonda. Per chi vive a Tuktoyaktuk, dove la pesca e la caccia di sussistenza sono parte del modo di vivere, l'acidificazione degli oceani e l'effetto che ha sulla vita marina, oltre alle concentrazioni elevate di mercurio nei pesci e negli animali selvatici sono questioni preoccupanti tanto quanto l'erosione della costa e l'avanzamento del mare.

A boy pulls a fishing net in Tuktoyaktuk’s inner harbour.
Un ragazzo tira una rete da pesca nella parte interna del porto di Tuktoyaktuk.
1572643532417-image7
Sarah Adam guarda i lotti di terra disponibili, nell'agosto 2018. Ha detto che la cosa più importante per lei è che il nuovo posto sia sicuro e i bambini possano giocare fuori.

Per quanto riguarda Cockney e i coniugi Adam, accettano il fatto che non vivranno ancora per molto a The Point, e attendono con ansia il giorno in cui non dovranno più preoccuparsi che il mare ingoi la loro casa.

Weronika Murray è una fotografa e giornalista che vive a Inuvik, nei Territori del Nord-Ovest. Ha iniziato a documentare l'impatto del cambiamento climatico sulle comunità e sui paesaggi dell'Artico nel 2017. Seguila su Instagram.