Cultura

Foto inquietanti di love hotel giapponesi abbandonati

Il fotografo Shane Thoms è andato in giro per il Giappone, a fotografare ciò che resta degli hotel dedicati all'infedeltà e alle notti da una botta e via.

di Nicole de Souza
19 novembre 2019, 10:45am

La cultura giapponese asseconda la crudezza umana con un pragmatismo sorprendente. I loro gabinetti ti lavano con gentilezza il sedere, mentre esiste una categoria di hotel dedicata all'infedeltà e alle notti da una botta e via. Viaggiando per il Paese, è impossibile non imbattersi lungo le autostrade nei famosi "love hotel," kitsch e graziosi, con i prezzi orari ben esposti.

I love hotel sono emersi come risposta alla tradizione culturale per cui la maggior parte delle giovani coppie vive con tutta la famiglia e ha poca privacy. Per quanto esistano da tempo, il termine moderno deriva dall'Hotel Love ufficiale, aperto a Osaka nel 1968. L'industria dei love hotel in Giappone è fiorita dalla bolla economica degli anni Ottanta, prima di raggiungere il suo apice alla fine degli anni 2000, con una frequenza stimata di due milioni di visitatori in tutta la nazione ogni giorno.

Ma oggi, il settore non è più quello di una volta. La popolazione, sempre più anziana, è meno interessata alle sveltine clandestine. Nel 2015, circa un quarto delle persone tra i 18 e i 39 anni si sono descritte come sessualmente inattive, che è un valore il 20 percento più alto rispetto a vent'anni fa—e l'industria degli hotel dell'amore è tenuta a galla dai turisti.

Paradossalmente, questa crisi ha fatto sì che la linea che separa i love hotel dagli hotel normali sia diventata più sottile e confusa. Oggi, con le Olimpiadi 2020 a un passo, il governo ha iniziato a spingere perché i vari esercizi si ripuliscano degli elementi più crudi, per attirare visitatori internazionali.

Ciononostante non ci sono abbastanza turisti per tenere in vita tutti i love hotel, così molti chiudono o vengono abbandonati. Abbiamo parlato con Shane Thoms, un fotografo australiano di Melbourne che ha documentato questi luoghi ora dimenticati.

1573556939987-love4

VICE: Ciao Shane, quando hai sentito parlare per la prima volta dei love hotel abbandonati in Giappone?
Shane Thoms: Ho la passione dei luoghi abbandonati, e dato che amo molto il Giappone, volevo combinare le due cose. Così mi sono messo in viaggio per le campagne del paese, dove trovavo questi edifici abbandonati, mi intrufolavo dalle finestre e scattavo foto. A un certo punto mi sono accordo che esisteva un tipo specifico di edificio in cui continuavo a imbattermi: i love hotel.

1573556966517-love3

Sai quanti ne hai visitati finora, più o meno?
Ne ho visitati tantissimi. Probabilmente 20 o 30, forse di più? Ho mucchi di foto. Alcuni sono difficili da scattare, perché sono stati dilapidati; altri stanno sprofondando nel terreno perché sono fatti solo di legno e non c'è tanto da fotografare. Ma quelli con gli arredamenti interni e i letti più sfarzosi sono molto più fotografabili.

1573556990363-love2

Quali sono i tuoi preferiti?
Il Motel Fuu è uno dei miei preferiti. È un posto incredibile. L'ho fotografato nel 2013, e per metà è in piedi ancora oggi. I love hotel in genere hanno un tema e la facciata esterna lo riflette. Ma in questo motel ogni stanza aveva un tema diverso.

C'era quella medievale, quella tradizionale Giapponese, una spa a tema Grecia, e una nautica, dove il letto era a forma di barca. Le persone sceglievano la stanza in base a un certo feticismo, immagino.

1573557055186-LH8

Che altri tipi di hotel hai visto?
Di recente sono stato in uno vicino a Niigata. La maggior parte dei love hotel sono abbastanza carini, questo invece era molto cupo. C'erano graffiti sulle pareti—con scritte cose orribili. Qualcuno aveva scritto persino "villaggio rosso," un termine per indicare che quello era un luogo oscuro. C'era un'energia orribile nelle stanze. Sono ossessionato dai film horror, che è il motivo per cui mi immergo in questi posti, ma quello era particolarmente disgustoso.

1573557111350-LH5

È difficile trovare questi posti?
In realtà no. Ci sono tanti edifici abbandonati in Giappone. Un sacco di attività falliscono e le persone se ne vanno lasciando tutto lì, per passare alla successiva occasione. Non si portano via niente perché lo ritengono intriso di energie negative e senso di fallimento. Se fossero in città, posti simili verrebbe demoliti per fare spazio ad altro. Ma in campagna costa tanto demolire e non ha senso ricostruirci niente, se non c'è nessuno nei paraggi. I love hotel erano pensati per trovarsi in luoghi segreti, ti ci imbatti solo se guidi per le montagne o per le campagne.

1573557134680-LH2

È legale entrare in un edificio abbandonato?
Be', è violazione di domicilio, non dovresti. Ma risalire ai proprietari è praticamente impossibile. Io sono curioso e mi piace condividere queste storie.

Che precauzioni prendi per proteggerti dai rischi intrinsechi agli edifici abbandonati?
Uso il buonsenso. Non c'è elettricità, quindi saranno bui. I pavimenti saranno probabilmente appiccicosi o scivolosi. L'amianto può essere un problema, così come la muffa nera. Indosso una maschera per non respirare. In genere mi piace essere solo durante le esplorazioni, perché preferisco essere responsabile solo della mia sicurezza—ma ogni tanto porto mia mamma con me.

1573557154871-LH4

Sei mai stato in un love hotel ancora in funzione? Non con tua mamma, dico in generale.
No, mai successo. Quando ho iniziato a girare in macchina per il Giappone, tra il 2010 e il 2011, una volta il buio mi ha sorpreso mentre ero in mezzo al nulla. Così ho parcheggiato davanti a un hotel a ore, ma non trovavo l'entrata. Su tutte le porte c'era una lucina rossa, con una fessura per inserire la carta di credito. Se pagavi, la porta si apriva. Non c'era reception. Non l'avevo capito, quindi mi sono messo a bussare a tutte le porte—dietro le quali probabilmente c'era gente che faceva sesso. Quella è stata la cosa più vicina a dormire in un love hotel che abbia mai fatto.

1573557177612-sex-museum-2

Hai trovato cose particolarmente spinte negli hotel abbandonati?
Ho trovato valanghe di preservativi. Un sacco di sex toy. Ho trovato bambole, roba del genere. Spesso sono sotto i letti o negli armadi, ma non le tocco, non mi ci avvicino neanche.

1573557230697-LH1FINAL

Sei entrato anche in un museo del sesso abbandonato, che ha chiuso alla fine del 2014. Perché ha chiuso, secondo te?
Non ne ho idea. Immagino che le persone non siano più interessate al sesso da quelle parti. O forse è come per i love hotel, ed è colpa delle condizioni di vita che cambiano. Se vivi in una casa più occidentalizzata, anziché in una tradizionale washitsu, non devi più uscire per avere certe esperienze. Puoi farlo chiuso dietro una porta. Il museo del sesso è stato demolito, nel frattempo. Era in una zona abbastanza popolare, probabilmente l'hanno raso al suolo per costruirci qualcos'altro.

Cosa hai imparato da tutte queste esperienze?
Credo mi stiano facendo riflettere su come è cambiato il Giappone. Questi alberghi erano super popolari negli anni Ottanta. A metà degli anni 2000 ne vedevo ancora parecchi aperti e attivi, mentre ora sono molti meno. Sembra una metafora del crollo del tasso di nascite.

Guarda altre foto di Shane sul suo sito, o seguilo su Instagram

Tagged:
osaka
giappone
Love Hotel
urbex