maggiordomo
André Meester. Tutte le foto dell'autrice.
soldi

La mia vita da maggiordomo per un mega ricco

Fare il maggiordomo sembra un lavoro strano, oggi, ma i regali occasionali da 160.000 euro non sembrano niente male.
13.10.20

Da sei anni André Meester lavora come maggiordomo, prendendosi cura dei bisogni di un gentiluomo olandese di 56 anni per 60 ore alla settimana. Ho incontrato André, che di anni ne ha 38, nella dimora del suo datore di lavoro, nei pressi di Hoorn, a 40 chilometri da Amsterdam.

Quando sono arrivata, Meester ci ha tenuto a farmi vivere per un attimo la vita di una persona che ha un maggiordomo—mi ha accolta, poi ha preso il mio cappotto e mi ha servito una fetta di torta fatta in casa e un caffè in una tazza di costosissima porcellana cinese.

Ho chiesto a Meester, che ha insistito per chiamarmi “madame” (mentre si riferiva al suo datore di lavoro come “il padrone”), di raccontarmi la sua vita e i suoi doveri di tutti i giorni.

VICE: Ciao André, questa casa è immensa!
André Meester: Sì, ha cinque piani. Il padrone possiede un’altra casa dall’altra parte della strada e ne ha una terza a Dubai. Sviluppa software e vive con il compagno. Entrambi amano l’arredamento classico e avere un maggiordomo che indossa un’uniforme alla vecchia maniera. Lavoro per lo più in questa casa, ma quando va via per i fine settimana spesso lo accompagno. Ho la mia stanza negli hotel dove soggiorniamo, porto le buste dei suoi acquisti quando facciamo shopping e mi preoccupo di prenotare tutto.

Pubblicità

Cosa fai in una giornata tipo?
Sono qui circa 60 ore alla settimana. Dal lunedì al venerdì lavoro dalle sette di mattino alle sette di sera. Preparo la colazione, il pranzo e la cena, gli servo il caffè quando richiesto. Apro sempre la porta personalmente quando torna e faccio la spesa. I miei compiti variano—a dicembre, per esempio, mi sono occupato di decorare la casa per Natale. Il mio capo adora questa festività. Allestiamo sempre un albero alto due metri in cucina, devo costruire un’impalcatura per decorarlo. Dopo dicembre ho sempre il rifiuto per gli alberi di Natale per un po’.

Vado dal panettiere, dal fruttivendolo, dal macellaio e dal pescivendolo—deve essere sempre tutto fresco. Il padrone decide cosa vuole per cena nel pomeriggio, quindi faccio la spesa due volte al giorno. Porto anche i suoi vestiti in lavanderia, gli pulisco le scarpe e preparo torte. Gli piacciono quelle fatte in casa—croccanti fuori, morbide dentro. Organizzo anche le pulizie, che sono affidate a due inservienti.

1567424083893-butlerbijdeur

André Meester, sulla porta di casa

Capitano richieste interessanti?
Il padrone ama guardare film. Se in un film c’è un piatto che lo ispira, gli piace che venga preparato il giorno dopo. Di recente erano i ravioli cinesi, così ho dovuto scoprirne la preparazione. Mi ha chiesto anche di preparare quindi ho imparato a fare anche quelli.

Stai al suo fianco tutto il tempo?
No, sono sempre alla mia postazione di lavoro in cucina. Il padrone mi manda messaggi quando ha bisogno di qualcosa, come una tazza di caffè o il pranzo. Sono al suo fianco solo quando ha bisogno che sia lì.

Pubblicità

Cosa succede se vuole un caffè mentre sei a fare la spesa?
Devo tornare in fretta. Non dico mai di no. Se ho quasi fatto con la spesa, torno subito a casa. Se sono appena uscito, torno indietro.

Lavori tutto il giorno o hai del tempo libero per te stesso?
Ho tra le quattro e le cinque ore al giorno libere, se non è una giornata impegnativa. Per passare il tempo, guardo un sacco 24Kitchen [un canale televisivo olandese dedicato alla cucina] o guardo il telefono. Il padrone talvolta mi porta fuori a cena, quando siamo in viaggio.

Come amici?
No, non ho mai quel ruolo. Il mio predecessore sì. Ha lavorato qui per 14 anni, ma ci sono stati problemi perché la loro relazione è diventata troppo amichevole. Io mantengo una distanza professionale. Quando il padrone mi chiede di andare a cena, non parlo molto. Non scivolo mai nel personale—resto in disparte. Dico sempre “sì,” anche se talvolta penso “no.”

1567424770500-butlerinhuis

Meester dentro la casa.

Sei sempre così educato?
Sì, sono fatto così. È come sono stato educato. Lavoro nel settore da quando avevo dieci anni; aiutavo nell’hotel di mio zio. Poi ho fatto il barista all’Hotel Krasnapolsky ad Amsterdam. Un giorno, mia madre ha visto un annuncio online per un maggiordomo privato. Ho fatto il colloquio e sono stato assunto il giorno successivo. Per me, questo è il lavoro definitivo. Il legame di fiducia nella relazione è molto speciale.

Non ti dispiace avere un ruolo così subordinato?
No, è una domanda che mi fanno in tanti, ma io non mi sento uno zerbino. Il padrone mi chiede sempre se posso fare una certa cosa. Non è che suona un campanello e mi dà un ordine.

Pubblicità

Quanti soldi ha?
Non ne ho idea. Ma so che una delle sue auto vale 1,8 milioni di euro, e ne ha 14 in tutto. Potrei controllare il suo conto proprio ora perché ho tutte e sei le sue carte di credito. Ma non lo farei mai.

Non ha bisogno delle sue carte di credito?
No. Quando gli servono soldi contanti, chiede a me di fare un prelievo per lui.

Ricevi mai regali di lusso?
Una Mercedes-Benz SL… è abbastanza di lusso? Per il mio anniversario di tre anni di lavoro con lui, ho potuto scegliere un’auto da 160.000 euro. Inoltre, ricevo spesso bei regali. Di recente, il mio portafoglio si è rotto e lui me ne ha fatto avere uno Cartier. Quel portafoglio costa più di quanti soldi abbia mai contenuto.

Quanto guadagni?
Guadagno 4.200 euro netti al mese. È meno che in altri paesi—molti maggiordomi guadagnano tra i 5.000 euro e i 15.000 euro al mese, ma io ho dei fine settimana liberi. E il fine settimana lavoro per terzi, per cene importanti, per esempio. Cucino, servo e pulisco. La mia tariffa è 35 euro all’ora, e in genere lavoro per circa 10 ore consecutive in tutto.

Vorresti lavorare qui per il resto della tua vita?
Mi prendo cura del mio capo e gli cucino pasti sani, per cui spero di restare finché non sarà il momento di andare in pensione. Ma se dovesse succedere qualcosa al padrone, improvvisamente, sarei senza lavoro. Per quanto ne so, non mi ha incluso nel testamento.