Perché Spotify ha abbassato il volume delle canzoni
Immagine: Flickr / Orin Zebest / Composizione: Jason Koebler

FYI.

This story is over 5 years old.

Perché Spotify ha abbassato il volume delle canzoni

Le vostre orecchie apprezzeranno la fine della "Loudness War."

Una versione di questo articolo è apparsa originariamente su Motherboard Brasile.

Alla fine di maggio, Spotify ha effettuato una modifica ai suoi file musicali che non è stata notata da quasi nessuno degli utenti del servizio. Ciò che è risultato evidente agli ingegneri del suono e ai patiti musicomani è che Spotify ha abbassato il volume a qualunque traccia presente sulla sua piattaforma.

Sfruttando un software chiamato Dynameter, una serie di audiofili ha fatto delle misurazioni a partire da alcune playlist popolari come la Global Top 50 e album di generi come il soul e il metal, e hanno scoperto che il catalogo Spotify è diventato più silenzioso.

Pubblicità

Parliamo di "loudness" (gamma dinamica del suono) per descrivere la percezione umana di un determinato suono. Quando ascolti qualcosa, quindi, ciò che conta davvero è come lo percepisci, e non i valori che vengono segnati sul fonometro.

Era solo il 2011 quando la European Broadcasting Union, una delle principali organizzazioni di broadcasting del mondo, ha stabilito una unità di misura per la gamma dinamica con lo standard EBU-R128, chiamato LUFS (acronimo per Loudness units relative to Full Scall). Questa unità, infatti, è più utile dei decibel quando si tratta di comprendere la percezione umana del volume

A differenza dell'RMS, un'altra misura utilizzata per determinare il volume medio di una produzione audiovisiva, il LUFS ignora le basse frequenze e invece si concentra su quelle medie e quelle alte sopra i 2 kHz — lo spettro di frequenza più sensibile per le nostre orecchie. Un urlo, per esempio, viene maggiormente percepito a livello di volume rispetto a un basso, anche se gli RMS indicano un valore più alto per il basso. Questo perché la voce umana risuona nelle fasce medie dello spettro sonoro.

LUFS è stato creato per approssimare al meglio il funzionamento del nostro udito.

Ciò che gli ingegneri del suono hanno capito è che Spotify ha ridotto l'indice LUFS di qualunque traccia della sua piattaforma da -11 LUFS a -14 LUFS, un valore in linea con quelli di piattaforme musicali avversarie come YouTube (-13 LUFS), Tidal (-14 LUFS) e Apple Music (-16 LUFS). In pratica, il volume che arriva alle orecchie umane sarà maggiormente controllato, e probabilmente nemmeno vi accorgerete di questo cambiamento.

Pubblicità

Abbiamo contattato Spotify per un commento sulla riduzione dei LUFS: "Spotify prova sempre nuovi metodi per beneficiare i propri utenti. Le recenti modifiche all'esperienza di playback sono parte di questo mutamento sempre in corso."

Quindi, perché è così importante?

Un suono migliore

Inizialmente, l'approvazione dello standard EBU-R128 non era mirato alle piattaforme di streaming e al mondo della musica. L'intenzione era di normalizzare i pattern sonori dei contenuti televisivi. Sapete no la storia delle pubblicità che hanno il volume più alto rispetto al resto? L'obiettivo dello standard EBU-R128 era di allineare queste differenze e standardizzare il volume dei canali TV.

Una delle tecniche più usate per pompare la percezione del volume di una canzone è attraverso la compressione. Può essere eseguita attraverso degli hardware specifici o grazie a dei programmi durante il processo di mastering. Come implica il nome, questa tecnica comprime le onde sonore. Così facendo viene imposto un tetto ai picchi delle onde, favorendo l'incremento di intensità delle onde più basse. Immaginate di prendere un elettrocardiogramma e di pareggiare il frastagliamento dei battiti così da avere picchi in alto e in basso più vicini tra di loro.

"Gli ingegneri, impegnati a potenziare il suono, ne hanno sacrificato la qualità."

"Se comprimi un orchestra e il violinista sta suonando da solo, finirai per sentire quel violino molto forte," spiega Pedro Luce, produttore musicale brasiliano. "Quando il resto dei musicisti si unisce con gli altri strumenti, finirai per sentire tutto alla stessa intensità." La compressione intensifica i momenti più calmi e vuoti della canzone.

Pubblicità

Avete capito il problema, no? Una canzone è fatta di momenti più calmi e altri più agitati. Nella vita reale, una chitarra che suona da sola non ha la stessa intensità che ha quando viene accompagnata da una batteria. Quando la compressione viene utilizzata in maniera esagerata, rende tutto più rumoroso, privando così la traccia di dinamica. È come ascoltare sempre quell'amico rompipalle che urla quando è ubriaco.

"Nell'industria musicale brasiliana sono molti i generi musicali che abusano della compressione," mi ha spiegato il produttore Nando Costa. "Nella musica country, che include artisti mainstream, ci sono molte produzioni e mix che sono fortemente distorti. La voce che senti è strozzata. La batteria sembra suonata con uno stuzzicadenti. È il risultato di un audio estremamente limitato e compresso. Gli ingegneri, impegnati a potenziare il suono, ne hanno sacrificato la qualità."

Anche sapendo tutto ciò, producer, artisti e etichette discografiche preferiscono scommettere su suoni rumorosi e molto compressi. Tra le altre cose, la credenza popolare è che un suono più rumoroso sia maggiormente riconoscibile in mezzo alle centinaia di canzoni che ogni giorno ascoltiamo in maniera più o meno diretta. Purtroppo, per la maggior parte delle orecchie, la rumorosità viene spesso scambiata come sinonimo di qualità. La sfida per vedere quale artista avrebbe creato la canzone più rumorosa e 'grassa' ha inaugurato la 'Loudness War'.

Pubblicità

La corsa per il volume più alto è partita in contemporanea con l'arrivo dell'era digitale per la musica, quando i CD erano ancora il mezzo principale di distribuzione del suono. Prima di allora, quando il vinile regnava, c'erano delle limitazioni fisiche che assicuravano che la compressione non fosse esagerata; un disco troppo rumoroso poteva far saltare la puntina, rovinando così l'intera esperienza musicale. Questi limiti sono venuti a mancare con l'arrivo del CD. Era come un'autostrada senza limiti di velocità, così la corsa alla compressione ha cominciato a raccogliere adepti.

In più, nell'era del vinile, era normale sentire un album intero di un artista. Non c'era modo di paragonare rapidamente tracce provenienti da dischi e artisti diversi, quindi non c'era bisogno di far saltare una traccia rispetto a un'altra. Questa pratica ha cominciato a scemare con l'arrivo del CD perché era più facile cambiarlo grazie allo stereo, ed ha fatto passi ulteriori una volta arrivato l'MP3, che ha permesso di riprodurre le canzoni in sequenza casuale. Oggi giorno, nell'era delle playlist, è difficile trovare persone che ascoltino due canzoni dello stesso artista di seguito. Il risultato è che la musica prodotta è diventata sempre più compressa e rumorosa. Date un'occhiata a questa grafica generata dal sito Sample Magic.

Questo grafico mostra la differenza di volume tra il 1965 e il 2013.

A rendere le cose ancora peggiori, la mancanza di dinamica non è il solo effetto collaterale della troppa compressione. Quando limiti un'onda sonora, crei una distorsione nelle onde vere e proprie che può andare a distorcere la musica. "Più lavora il più compressore, più grande sarà la distorsione nella musica," spiega Costa.

Pubblicità

Uno dei dischi più simbolici in questo senso è Death Magnetic dei Metallica. Quando è stato pubblicato molti dei fan si erano lamentati della suo compressione. Non c'era dinamica ed era pieno di momenti di distorsione totale. Nei mesi successivi, la band ha pubblicato il gioco Guitar Hero: Metallica che includeva delle versioni rimasterizzate e più silenziose della stesse canzoni.

Dei ricercatori della University Hospital of Copenhagen, della Technical University of Denmark e della University of Aalborg, hanno pubblicato uno studio in cui venivano paragonate due versioni dell'album. Qui sotto, è possibile vedere un paragone tra un estratto di 30 secondi della canzone 'My Apocalypse.' È possibile vedere come la band sia riuscita a ottenere la cosiddetta "brick wall compression," una traccia in cui non c'è spazio per alcuna dinamica.

Riducendo l'indice LUFS, Spotify sta dicendo all'industria musicale che non c'è motivo di creare suoni più rumorosi di quelli di tutti gli altri. Tutto ciò che arriva sulla piattaforma sarà e suonerà alla stessa maniera. Anche se una traccia viene masterizzata molto rumorosamente, il volume sarà automaticamente ridotto. Così facendo, Spotify obbligherà l'industria a lavorare in maniera diversa. Le canzoni dovranno giocare su altri fattori oltre il volume per attrarre l'attenzione.

"Se hai un audio molto compresso, diventerà meno ingombrante per la mancanza di dinamica," spiega Costa. "Quando abbassi la gamma dinamica di quel suono, avrai la sensazione che suoni a un volume molto più basso."

Pubblicità

In altre parole, le canzoni con gamma dinamica superiore ai -14 LUFS suoneranno più basse su Spotify rispetto a quello che sono state compresso sotto quel valore magico. Nando Costa fa questo paragone nel video qui sotto: tra la canzone di un artista locale masterizzata a -13 LUFS e una canzone dei Metallica da Death Magnetic. La prima suona molto meglio grazie alla standardizzazione di Spotify.

Su questo sito, puoi vedere graficamente ciò che succede quando una canzone molto rumorosa vede il proprio volume ridotto su Spotify.

"A volte la musica non è colpa della composizione se una traccia non funziona, ma da come viene presentata," spiega Costa. Per questo, Spotify aiuterà a portare fine alla Loudness War, e di conseguenza dovrebbe aiutare a migliorare la qualità della musica in generale, con più dinamica e suoni più puliti.

Ma questo non è l'unico risultati dei nuovi standard sul volume di Spotify.

Proteggi le tue orecchie

Avete presente il senso di pace che percepite quando smettete di ascoltare musica e vi godete un po' di pace e silenzio? Succede anche alle persone che ascolterebbero continuamente la loro musica, e la sensazione è associata a un fenomeno chiamato "affaticamento uditivo."

"Gli effetti dell'affaticamento uditivo sugli ascoltatori sono ben noti, anche se le persone non collegano sempre questi effetti al termine affaticamento," ha spiegato il Dr. Tanit Ganz Sanchez, professore associato alla School of Medicine della University of Sao Paulo (FMUSP) e fondatore del Ganz Saches Institute, una struttura specializzata nel trattamento delle problematiche dell'udito.

I sintomi includono affaticamento vero e proprio, irritabilità e insonnia.

Sanchez spiega che abbiamo un piccolo muscolo la cui funzione è proteggere il nostro udito chiamato stapedio. La funzione di questo organo è di barricare l'entrata di suoni molto aggressivi nelle nostre orecchie. Restringe il dotto uditivo e funziona come un filtro, così che il suono si ammorbidisce prima di arrivare all'orecchio vero e proprio. Il problema è che un'esposizione prolungata a volumi intensi può affaticare questo muscolo. Insomma, il muscolo a un certo punto dice basta, lasciando vulnerabile l'oreccho.

Imponendo un tetto ai LUFS, Spotify sta contribuendo alla salute dei suoi clienti. Vale la pena ricordarsi che Apple è già stata denunciata da persone che hanno perso il loro udito dopo aver ascoltato troppo il loro iPod

"Da un punto di vista medico, la riduzione della rumorosità è un sogno," spiega Sanchez.