Abbiamo fatto il "tour della cleptocrazia" tra le ville dei miliardari russi a Londra

VICE News è stata invitata al primo "tour della cleptocrazia" di Londra—abbiamo fatto un giro per Londra per vedere gli immobili di lusso di proprietà di uomini d'affari e oligarchi russi, ucraini e kazaki.

|
09 febbraio 2016, 11:00am

Foto di Sally Hayden/VICE News

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato 

Un viaggio, a bordo di un autobus, per vedere da vicino lo sfoggio della ricchezza russa a Londra — la versione british dei tour tra le ville delle star a Hollywood.

Giovedì un gruppo di attivisti, commentatori e dissidenti russi ha affittato un autobus di lusso a Londra per inaugurare il "tour della cleptocrazia", per vedere gli immobili di proprietà di uomini d'affari e oligarchi russi, ucraini e kazaki che, secondo gli organizzatori, hanno delle fonti di guadagno discutibili.

VICE News è stata invitata a partecipare al tour con un mese in anticipo, ma il punto di partenza è rimasto segreto fino al giorno prima dell'evento — si trattava del Victoria Embankment, collocato di fronte al Ministero della Difesa. 

Prima di salire, ai passeggeri è stato consegnato un volantino disegnato come il tabellone del Monopoli, raffigurante le foto delle proprietà, fra gli altri, del proprietario del Chelsea Roman Abramovich, dell'ex capo della polizia segreta kazaka Rakhat Aliyev, dell'uomo più ricco dell'Ucraina Rinat Akhmetov, e dell'ex senatore russo Andrey Guryev, che possiede la colossale Witanhurst House, un edificio londinese secondo per dimensioni solo a Buckingham Palace e del valore di 300 milioni di sterline. 

Una mappa che indica le abitazioni di lussi di proprietà di ministri del governo russo e di amici di Vladimir Putin. (Foto di Sally Hayden/VICE News)

Poi sono arrivate le guide turistiche. Vladimir Ashurkov, importante alleato dell'attivista dell'opposizione russa Alexei Navalny e CEO della Fondazione Anti-Corruzione, ha preso la parola per primo. Ha preso in esame il caso di Igor Shuvalov, il quinto più importante funzionario governativo russo che, ha detto, "da vent'anni muove i fili dell'economia russa."

Shuvalov è un dipendente del governo da 18 anni e, stando ad Ashurkov, non ha altre fonti di guadagno ufficiali, ma il suo appartamento a Whitehall vale più di 80 volte il suo reddito annuale. Sua moglie è una multimilionaria che, secondo Ashurkov, ha guadagnato investendo i suoi soldi in imprese lanciate da uomini d'affari russi che ottenevano contratti dal governo.

Ashurkov - a cui lo scorso anno è stato concesso l'asilo politico nel Regno Unito - ha terminato il suo discorso affermando che qualsiasi battaglia per la democrazia e la sicurezza nazionale dovrebbe essere anche una lotta alla corruzione. "Per parafrasare David Cameron: Londra non è un posto per accumulare il vostro denaro sporco."

"L'autobus di lusso" usato per il "Tour della Cleptocrazia," partito dal Victoria Embankment, lungo il Tamigi. (Foto di Sally Hayden/VICE News)

Roman Borisovich - un attivista contro la corruzione che ha lavorato al documentario di Channel 4 From Russia With Cash, in cui ha smascherato gli agenti immobiliari disposti a vendere le loro proprietà a quelli che sembravano riciclatori di denaro sporco - era uno degli organizzatori del tour, e fungeva anche da "guida turistica." 

A VICE News ha spiegato che l'obiettivo dell'iniziativa è quello di creare "maggiore consapevolezza per far luce sul problema della cleptocrazia," ma anche "porre domande riguardo alla moralità dei vantaggi derivanti da quei paesi e i loro facilitatori."

Leggi anche: La Russia sta cingendo in Polo Nord in un abbraccio amorevole e militarizzato

Il pullman si è fermato a Belgrave Square, anche nota come "Red Square," la "Piazza Rossa," per il numero di russi importanti che ci vivono. Il magnate dell'alluminio Oleg Deripaska avrebbe pagato 25 milioni di sterline per il numero 5 nel 2003, mentre l'oligarca esiliato e critico di Putin Boris Berezovsky, morto nel 2013, aveva diversi appartamenti al numero 26. Stando alla cartina che ci è stata fornita, il proprietario del Chelsea FC Abramovich e Len Blavatnik, l'uomo d'affari nato in Ucraina e definito l'uomo più ricco del Regno Unito nell'ultima Sunday Times Rich List, possiedono proprietà nelle vicinanze che valgono rispettivamente 90 e 300 milioni di sterline.

Andrew Foxall, direttore del Centro di Studi Russi al think tank britannico The Henry Jackson Society. (Foto di Sally Hayden/VICE News)

Un altro organizzatore, il giornalista Ben Judah, che ha lavorato in Russia, ha affermato che la corruzione è fondamentale per comprendere come funziona il ventunesimo secolo.

"Si stima che ogni anno un trilione di dollari lasciano illegalmente i paesi poveri diretti verso i paesi ricchi," ha detto.

Judah ha sottolineato che se la corruzione è "spesso vista come una cosa molto astratta... quando i soldi vengono rubacchiati dai bilanci dei paesi più poveri, le persone muoiono,"—perché i soldi mancanti portano a una riduzione dei servizi pubblici.

A Londra, "la vostra società può essere definita furfante e truffaldina" e potete comunque acquistare delle proprietà, ha detto, aggiungendo che non dovrebbero essere puniti solo gli acquirenti, ma anche gli avvocati, gli agenti immobiliari e tutti coloro che hanno permesso la transazione. 

"La proprietà [di immobili] a Londra è diventata una delle principali operazioni di riciclaggio di denaro nel mondo," ha dichiarato.

Una casa del valore di 5 milioni di sterline a Kensington, nella zona ovest di Londra, che si ritiene essere di proprietà di Roman Rotenberg, figlio di Boris, sottoposto alle sanzioni americane e dell'Unione Europea dopo l'annessione della Crimea. (Foto di Sally Hayden/VICE News)

Durante il tour, è stato enfatizzato ripetutamente il fatto che gli acquirenti di molte delle proprietà più costose di Londra rimangono anonimi perché utilizzano società fittizie offshore per acquistare gli immobili. I palazzi e gli appartamenti di lusso spesso rimangono vuoti, e svolgono la funzione di "deposito" per mantenere al sicuro le loro finanze.

Gli attivisti hanno detto ai passeggeri che quasi uno ogni dieci immobili a Westminster è di proprietà di una società anonima, rispetto al 7,3 per cento degli immobili in quartieri esclusivi come Chelsea e Kensington e al 4,5 per cento di quelli nel distretto della City di Londra, dove hanno sede molte tra le banche e gli studi legali più importanti.

Leggi anche: Cosa c'è dietro alle accuse reciproche di Russia e Turchia sul petrolio dello Stato Islamico?

"La bolla immobiliare a Londra ci sta rendendo più poveri, e sta iniziando anche a spezzarsi e a sfilacciarsi," con i giovani e le famiglie lavoratrici costrette a lasciare la capitale perché non possono permettersi di comprarvi una casa, ha detto Judah.

Gli affitti a Londra sono notoriamente costosi: un bilocale o una stanza in un appartamento stanno diventando sempre più cari per coloro che guadagnano uno stipendio medio. Un attivista che ha partecipato al tour come "turista" ha detto a VICE News che recentemente stava cercando casa, e che aveva visto una stanza sopra un negozio di pollo fritto che costava quasi settecento sterline. Era cara "e puzzava costantemente di pollo," ha spiegato. 

Una delle proprietà su cui si è soffermato il tour era la stazione della metro di Bompton Road, ora in disuso—era di proprietà del Ministero della Difesa prima di essere venduto nel 2013 per 53,5 milioni di sterline al miliardario ucraino Dmitry Firtash, che attualmente sta combattendo la richiesta di estradizione negli Stati Uniti dove è accusato di corruzione. Anche l'immobile accanto è di proprietà di Firtash, e ci dice che ci sia una piscina nel seminterrato. (Foto di Sally Hayden/VICE News)

Andrew Foxall, direttore del Centro di Studi Russi al think tank britannico The Henry Jackson Society, ha parlato di un altro variopinto personaggio russo: Boris Rotenberg, ex presidente del club calcistico Dinamo Mosca che era solito esercitarsi nel judo insieme a Vladimir Putin. 

Rotenberg è sulla lista delle sanzioni di Stati Uniti e Unione Europea da quando l'esercito russo è intervenuto in Ucraina, quindi ha trasferito il suo patrimonio al figlio, ha detto Foxall. Suo figlio è proprietario di una casa a Knightsbridge del valore di 3,3 milioni di sterline, acquistata tramite una società con sede a Cipro.

Gli organizzatori hanno un altro tour in programma a New York ad aprile. Borisovich ha detto che vorrebbero estenderli a Miami, Beverly Hills, Costa Azzurra e "in qualsiasi altro posto in cui si manifesta il problema."

Leggi anche: Una settimana in prima linea nella guerra ucraina dimenticata dal mondo 

Ha detto che hanno cercato di tenere "nascosta" l'organizzazione dell'evento, ma che hanno usato fonti di informazione pubbliche e sono contenti di collaborare con le organizzazioni di lotta alla corruzione in tutto il mondo.

"Serve un cambiamento legislativo per fermare la proprietà anonima degli immobili. Non per evitare che continui, ma per richiedere alle società proprietarie di qualsiasi bene - incluse le proprietà immobiliari nel Regno Unito - di passare attraverso la stessa procedura di chiunque altro. Dichiarare i direttori, gli azionisti e i beneficiari effettivi."

Chido Dunn, un investigatore del riciclaggio che lavora per Global Witness, ha parlato del proprietario di un immobile del valore di 9,3 milioni di sterline a Hampstead. L'uomo è legato all'ex capo della polizia segreta kazaka Rakhat Aliyev, che è stato trovato impiccato in una prigione austriaca a febbraio 2015, dove era in attesa del processo per l'omicidio di due banchieri. (Foto di Sally Hayden/VICE News)

A bordo del pullman c'era anche Robert Barrington, direttore esecutivo della ONG Transparency International UK, che ha detto a VICE News: "Il cosiddetto investimento di capitali corrotti nelle proprietà immobiliari del Regno Unito è uno scandalo in bella vista, e il tour della cleptocrazia è un ottimo modo per evidenziare quello che abbiamo già davanti."

"È un insulto verso qualsiasi concetto di società basata sullo stato di diritto, un insulto agli abitanti di Londra che sono esclusi dal mercato immobiliare e soprattutto un insulto ai cittadini dei paesi a cui è stata rubata questa ricchezza."

Una ricerca pubblicata da Transparency International lo scorso anno ha mostrato che più di 36.000 immobili londinesi sono di proprietà di società segrete offshore. 

Un summit anti-corruzione organizzato dal governo britannico è in programma a Londra nel 2016. 

Roman Borisovich, l'attivista anti-corruzione che ha fatto da guida turistica durante il tour. (Foto di Sally Hayden/VICE News)


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook

Segui Sally Hayden su Twitter: @sallyhayd

Altro da VICE
Vice Channels