FYI.

This story is over 5 years old.

Ecco una lista di ogni singolo sito del Dark Web

Ma non aspettatevi di trovare chissà cosa.

Uno dei miti del dark web che le persone ripetono spesso è che i service nascosti — ovvero i siti che traggono vantaggio dalla rete Tor — sono in gran parte impossibili da scoprire.

Ma non è proprio vero. A riprova di ciò, un sito avrebbe messo in fila ogni singola combinazione di caratteri possibile capace di andare a formare l'URL di un sito del dark web.

Ciò che offre è "l'indice onion più lungo e meno utile nella galassia," si legge sul sito, creato dal ricercatore Matt Traudt.

Pubblicità

Tanto per essere chiari, il sito non solo elenca gli indirizzi onion che effettivamente corrispondono a service funzionanti, ma anche quelli che — almeno per ora — non portano a niente di operativo.

Ovviamente, la stragrande maggioranza degli indirizzi sul sito sembrano solo una serie randomica di lettere e numeri e non rivelano alcun contenuto. In tutto, la lista include 1.208.925.819.614.629.174.706.176 indirizzi di service nascosti.

Motherboard non ha accertato quanti di questi siano online al momento.

Ovviamente, i lettori non dovrebbero prendere questa lista troppo sul serio. Anzi, Traudt ha detto di averla messa insieme in un solo pomeriggio, lo scorso fine settimana.

"Le persone pensano che sia un sito stupido e senza senso. Ma si sbagliano," ha detto Traudt a Motherboard via email. Detto questo, ad ogni modo, ci sono un paio di lezioni utili da imparare.

"Compilare una lista di service onion è inutile perché la maggior parte sono online per 12 ore al giorno per una settimana e poi scompaiono," ha proseguito Traudt, aggiungendo che cercare di fare liste ancora più lunghe non farà altro che aumentare la quantità di immondizia a scapito del contenuto interessante.

Un altro punto che l'opera sottolinea è che, per quanto la lista sia enorme, si possono assolutamente trovare i service nascosti.

"Ivi si cela un'antica verità della sicurezza: l'oscurità non aiuta," ha detto via messaggio diretto su Twitter a Motherboard il ricercatore in sicurezza Alec Muffett, che ha sviluppato diversi progetti relativi a Tor.

In ultima istanza, la lista sfata il mito del dark web più pervasivo: che se continui a visitare abbastanza link criptati, troverai qualche ineffabile segreto.

"L'incapacità delle persone nel trovare service onion interessanti non è data dal fatto che si affidino alla lista sbagliata, che usino il search engine sbagliato, o che chiedano aiuto alla comunità sbagliata. Incappare in segreti mirabolanti e informazioni inquietanti non è più facile sul 'deepweb' di quanto lo sia sul world wide web ordinario," ha detto Traudt.