Ho accompagnato mia moglie a vedere Britney Spears e la fiera del porno di Las Vegas

Ho accompagnato mia moglie a vedere Britney Spears e la fiera del porno di Las Vegas

Ho deciso di sposarla quando l'ho vista ballare "Toxic".
27 gennaio 2017, 8:53am

Per gli ultimi 34 anni l'intero mondo del porno si è incontrato ogni gennaio a Las Vegas per mostrarsi le tette e scambiarsi le merci nei quattro giorni della fiera di Adult Video News. L'evento annuale permette ai fan di entrare in contatto con qualunque protagonista dell'industria vietata ai minori e di comprare qualunque sex toy sul mercato da quelle specie di tori meccanici erotici a dildo giganti a tema fantascientifico. Il mio rapporto con il mondo del porno è iniziato quasi vent'anni fa; prima quando ho lavorato al Big Brother Skateboarding Magazine di Larry Flynt, poi quando ho iniziato a recensire porno per VICE con la mia serie Skinema, che poi è diventata anche un libro e una serie di documentari. Lo scorso weekend, per la prima volta in oltre un decennio, mi sono ritrovato all'ammucchiata di AVN come rappresentante dei miei nuovi datori di lavoro, Penthouse, e per ragioni totalmente egoistiche mi sono portato dietro anche la mia bellissima moglie. I giorni delle fantasie di sesso a tre all'interno di eventi come questi sono ormai passati, ho imparato nel corso degli anni che ogni pensiero sconcio abbandona la mente di ogni lavoratore del porno nel momento in cui ti vedono mano nella mano con una ragazza. Sono anche arrivato ad accettare che non sono per niente bravo a parlare con la gente. Come Larry David, sono bravissimo a creare situazioni di tensione e imbarazzo grazie alle mie battute fuori luogo che fanno ridere solo me. Nel corso degli anni mia moglie è diventata piuttosto brava a farmi uscire da conversazioni scomode con la sua piacevolezza. Mi sono reso conto che è molto meglio se non esco mai di casa senza di lei.

La moglie di Chris intenta ad adorare Britney.

Per ringraziarla dei quasi vent'anni che ha passato a tenermi lontano dai guai, mi sono organizzato per realizzare uno dei suoi sogni: un concerto a sorpresa di Britney Spears. Quando ci siamo messi insieme, mia madre faceva la maestra di danza per un gruppo di bambine piccole, insegnando loro jazz, tip-tap e hip-hop. I miei piedi si odiano tra di loro e non sono in grado di tenere il ritmo di niente, ma ricordo la mia meraviglia nel vederla ballare per la prima volta. Al saggio di fine anno del 2004 decisi che l'avrei sposata. Lei e le altre insegnanti misero in scena una coreografia del singolo di Britney Spears "Toxic", dal suo album più volte di platino In The Zone, e fu una cosa quasi pornografica. Nel corso degli ultimi 13 anni, ogni volta che ho sentito quella canzone la mia mente è tornata automaticamente alla visione di mia moglie che roteava come una spogliarellista agitando una sedia come fosse in Flashdance. Mi chiedo ancora come mai i genitori delle studentesse non si siano lamentati o non abbiano coperto gli occhi delle loro figlie. Forse l'hanno fatto e io ero troppo distratto da mia moglie per accorgermene.

La canzone in sé ha un significato speciale per noi, perché a quei tempi ero dipendente dai farmaci e stavo cercando di ripulirmi. Mentre abbandonavo un vizio ne prendevo un altro, visto che cominciavo a non poter più fare a meno di mia moglie. Come recita il testo della canzone: "Basta un assaggio del veleno paradiso, sono dipendente da te / Non lo sai che sei tossico?" Nel giorno che sarà ricordato per sempre come il più triste e squallido Inauguration Day nella storia degli Stati Uniti, circondato da tutte le fantastiche tette e culi dell'industria dell'erotismo, ho scelto di tirare pacco a tutte le feste porno a cui ero stato invitato e annegare le mie frustrazioni politiche al concerto di Britney Spears. La mia idea era che se c'era qualcosa in grado di distrarmi dall'uomo cattivo sarebbe stata mia moglie che ballava su una versione live di "Toxic" e, che cazzo! Ha funzionato. Per tutte le due ore dello show mi sono dimenticato completamente del mostro dentro la Casa Bianca. Miss Spears era più bella, più brava e più intonata che mai, secondo mia moglie, fan della prima ora. Di questi tempi mia moglie fa la personal trainer e ha notato il tono muscolare impressionante di Britney, constatabile da chiunque anche da una parte all'altra dell'auditorium, meno che da me. Non ci vedo molto bene.

Britney Spears fotografata da Denise Truscello.

Toxic.

Secondo la tradizione di Las Vegas, è stato tutto ciò che un fan potesse desiderare. Spears ha cantato tutte le sue hit comprese "Oops!… I Did It Again", "Crazy" e la cover di "I Love Rock N Roll" di Joan Jett. I costumi erano sfarzosi e sexy e a un certo punto è stata sospesa a 15 metri sopra il palco vestita da angelo. La scenografia funzionava alla perfezione—a un certo punto si è trasformata da chitarra gigante in albero gigante. Mia moglie si è divertita dall'inizio alla fine, anche se io me lo sono vissuta come un ragazzino ansioso che fa il conto alla rovescia prima di Natale. Ogni canzone ci avvicinava un po' a "Toxic". Non conosco tutto il catalogo di Britney—quello è competenza di mia moglie—ma se c'è una cosa che conosco è l'inizio di "Toxic". Me lo sono canticchiato in testa migliaia di volte, ogni volta che ho avuto una fantasia su mia moglie. Ho atteso le prime note con il fiato sospeso per quasi due ore, ma non sono mai arrivate. "Non la canta?" ho chiesto a mia moglie. "Deve cantarla!"

Alcune canzoni dopo mi ero arreso, finché mia moglie non mi ha dato di gomito: "Eccola!" "No", ho risposto, "questa è troppo lenta. Non è l'inizio". E invece, Britney ha rallentato la prima strofa, finché, alla seconda, il tempo ritorna quello normale e lei salta dalla cima dell'albero verso il pubblico, assicurata a dei cavi che la tengono sospesa. Io ero in estasi. Non sapevo se guardare Britney o mia moglie. Alla fine ho deciso di fissare gli occhi su mia moglie e filmare Britney con il mio iPhone per guardarla più tardi. Mia moglie mi aveva detto di essersi dimenticata i passi che aveva inventato per "Toxic" 13 anni fa, mentre io li ricordavo alla perfezione. Per fortuna non c'è stato bisogno di mostrarglieli, visto che appena partita la canzone se li è immediatamente ricordati. Vedere mia moglie ballare in quel modo di nuovo dopo tutti questi anni è stato il miglior regalo che potessi ricevere, specialmente in un giorno così doloroso. Grazie, Miss Spears.

Rendendosi conto del terrore e della disperazione dell'Inauguration Day pervadere il suo pubblico, Britney ha appositamente concluso il suo spettacolo con la hit "Keep on Dancing Till the World Ends". Il pubblico ha lanciato un ruggito, sapendo bene che il nostro nuovo comandante in capo potrebbe davvero far finire il mondo molto presto. Ho visto genitori preoccupati abbracciare i propri figli, mentre amanti etero, gay e trans piangevano nelle braccia gli uni degli altri—siamo tutti spaventati del domani. Mentre scendeva il sipario, ho sentito uno spettatore urlare "Fuck Donald Trump!" È stato come se parlasse a nome di tutto il pubblico. Be', a parte me. Io ero troppo impegnato a cantare "Toxic".

Segui Noisey su Facebook e Twitter.

Altro su Noisey:

Tutto il mondo voleva vederla cadere, ma Britney è ancora in piedi

Il carpool karaoke di Britney ti farà venir voglia di essere il suo migliore amico

Chi può essere il Justin Bieber italiano?