Il nuovo antibiotico che è stato fatto crescere nel fango

FYI.

This story is over 5 years old.

Il nuovo antibiotico che è stato fatto crescere nel fango

Ma il metodo con cui è stato scoperto potrebbe essere l'unica cosa sorprendente.
9.1.15

Erano trent'anni che non veniva scoperto un nuovo antibiotico: l'efficacia di questo nuova sostanza non è ancora stata testata sugli umani, ma per svilupparla è stata usata una tecnica che alcuni esperti del campo definiscono un "cambio di paradigma," che potrebbe far fronte alla minaccia della resistenza agli antibiotici.

"Credo sia stata una notevole scoperta e un successo," ha detto Stuart Levy, direttore del Center for Adaptation Genetics and Drug Resistance della Tufts University di Boston. "Se fosse stata un'impresa semplice e banale avrei potuto dire 'domani lo assemblo nel mio laboratorio,' ma la questione è molto più complessa."

Pubblicità

Il team di ricercatori guidato da Kim Lewis dell'Università di Boston, Massachusetts, non aveva intenzione di creare un antibiotico; stavano testando come far crescere dei batteri nel terreno. I ricercatori hanno creato un chip elettronico sul quale i batteri potessero crescere. Molti antibiotici vengono creati da batteri e funghi trovati nel terreno, ma durante tutti questi anni gli scienziati hanno avuto molte difficoltà nel lavorare con essi in laboratorio.

"La maggior parte dei batteri su questo pianeta sono 'incolti', il che significa che non crescono nelle nostre piastre di Petri, e quando dico la maggior parte intendo il 99 percento," ha detto Lewis in un'intervista per NPR. Per far sì che questi delicati batteri crescessero in modo che ci si potesse lavorare, i ricercatori li hanno isolati in compartimenti del chip, che sono poi stati coperti da membrane semipermeabili. I ricercatori hanno poi rimesso il tutto nel terreno in modo che potessero crescere nel proprio ambiente naturale. Quando la cultura batterica si è espansa abbastanza, i ricercatori hanno rimosso il chip, hanno isolato le molecole dell'antibiotico e hanno osservato il modo in cui affrontavano un'infezione.

Il risultato è stato che i ricercatori sono riusciti a isolare decine di molecole molto difficili da gestire in laboratorio, secondo lo studio pubblicato recentemente su Nature. Ma uno in particolare, che hanno chiamato teixobactina, ha mostrato di essere molto efficiente. Quando è stato messo in una piastra di Petri, la sostanza ha fatto fuori un gran numero di germi che causano infezioni intestinali, il clostridium difficile e lo stafilococco. Quando è stata testata sui topi, la teixobactina si è dimostrata efficace nel curare infezioni sulle zampe e nei polmoni.

ALCUNI ANTIBIOTICI HANNO SOLO FATTO AUMENTARE IL NUMERO DI DECESSI NEI PAZIENTI

La teixobactina sembra promettente, ma gli esperti avvertono che lo studio è ancora agli inizi: "gli studi sugli animali e in provetta NON sono predittivi dell'efficacia e della sicurezza dell'antibiotico sugli uomini," mi ha detto un ricercatore di malattie infettive con una lunga esperienza in sviluppo farmacologico (non ha voluto che il suo nome fosse diffuso.) Alcuni antibiotici molto promettenti, come il doripemen o la tigeciclina, hanno in realtà fatto aumentare il numero di decessi dei pazienti. E, nonostante i ricercatori affermino che il meccanismo inconsueto della teixobactina potrebbe significare che la sostanza sarà più efficace di altre contro la resistenza "ci vorranno anni di test clinici per sapere se la resistenza si svilupperà o meno," mi ha detto l'esperto di malattie infettive.

Secondo Levy ci vorranno un po' di anni prima che l'antibiotico venga venduto, ed è possibile che sarà molto costoso nel caso ci volesse molto tempo. Non si può ancora sapere.

La teixobactina va considerata con tutte le precauzioni del caso, ma la tecnica per scoprire l'antibiotico è la scoperta più importante di Levy e colleghi nel campo. Da quando venne diffusa la penicillina negli anni '40 sono entrati nel mercato più di 100 nuovi antibiotici. Ma negli ultimi anni il trend è rallentato di molto, dal momento che le aziende farmaceutiche hanno concentrato la propria attenzione su medicinali più remunerativi. Intanto i batteri patogeni si sono evoluti e molti vecchi antibiotici non funzionano più così bene, a causa della resistenza. Per gli esperti, quella dell'antibiotico-resistenza è una "minaccia apocalittica," e molti hanno sollecitato le case farmaceutiche e le agenzie governative a lavorare per velocizzare la produzione di nuovi antibiotici.

La tecnica usata da questi ricercatori potrebbe portare più velocemente alla scoperta di nuovi antibiotici che potrebbero essere efficaci nel combattere le malattie che hanno già sviluppato resistenza.

"Questo è un modo nuovo e innovativo per cercare antibiotici ancora sconosciuti per sconfiggere la resistenza," ha affermato Levy. "Ci dà la possibilità di far crescere qualcosa che in laboratorio non potrà mai crescere."