videogiochi

Ho cercato di diventare un carabiniere giocando al videogioco dei carabinieri

GTA, scansate.
Tutti gli screenshot dell'autore.

Internet è un posto fantastico in cui le cose nascono e spariscono in fretta ma hanno il dono della quasi immortalità, e quindi rimangono lì—nei meandri dell'oblio virtuale—a vivacchiare come un tardigrado fino a quando qualcuno non le ritrova. Come quando l'altro giorno un utente di Reddit (grazie Reddit) ha fatto notare che il sito ufficiale dei Carabinieri contiene da diversi anni una serie di giochi interattivi realizzati, spiega Rai News, per "sensibilizzare ed avvicinare le nuove generazioni al mondo dell'Arma attraverso un'esperienza videoludica completa e divertente, che simula un percorso di crescita all'interno dell'Arma dei Carabinieri." Sì, avete letto bene.

Pubblicità

La schermata iniziale del gioco.

Visto che uno di questi giochi (Professione Carabiniere 3D)ha vinto il primo premio nella categoria "eEntertainment" dell'eContent Award Italy 2013 per il miglior contenuto in formato digitale e io sono anni che mi chiedo come ci si senta a essere un carabiniere, ho pensato che non ci fosse un modo migliore per passare una bella serata che giocarci. MISSIONE 1 - QUIZ

Si sa, per diventare un carabiniere bisogna superare dei concorsi pubblici e gli sviluppatori del gioco hanno pensato di simulare questa parte dell'iter con un quiz di cultura generale diviso in tre parti. A ogni parte corrispondono quattro domande a risposta multipla per un totale di 12 risposte. Per passare bisogna rispondere bene a sette domande. ¯\_(ツ)_/¯ La grafica è più o meno quella di Sarabanda e le domande spaziano da nozioni base di geografia su dove si trovi Civitanova, a questioni di natura scientifica (l'inquinamento elettromagnetico è causato dal motore a scoppio?), fino a quesiti per testare la conoscenza della lingua italiana (nel mio caso, trovare il plurale di mago). MISSIONE 2 - POLIGONO

La seconda parte del gioco consiste in un allenamento al poligono e non ho potuto fare a meno di pensare a un video che ho visto più o meno un anno fa. Nel video in questione viene mostrata una gara di tiro tra Agenti della Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Penitenziaria al poligono di Varzo. Erano lì, probabilmente di domenica, in maniera del tutto informale. Avvolti da una radiosità coinvolgente e con in sottofondo una canzone rock d'amore che scandisce i vari colpi di pistola. Cosa c'entra questo con il gioco? Probabilmente nulla, ma prima di completare la missione ho pensato fosse importante avere una colonna sonora giusta. Così ho messo su un bel disco country e sono entrato nel mood. Il livello consiste nello stare fermi, muovere l'inquadratura in prima persona e sparare ai bersagli. Puoi fare zoom ma così facendo non vedi più i punteggi. Il tutto dura una decina di secondi ed è stupendo.

Pubblicità

MISSIONE 3 - GUIDA

Per ovvie ragioni un carabiniere deve saper guidare molto bene e non poteva mancare una prova tecnica di guida. In questo momento dell'addestramento virtuale siamo su una Punto 112 in giro per la città. Bisogna raggiungere una decina di waypoint e c'è un tempo da rispettare. La grafica è in pieno stile 1996 e le macchine che trovi per strada si inceppano e ti ostruiscono il passaggio costringendoti ad abbattere lampioni. Ovviamente gli alberi ti bloccano, la Punto fa la verticale in mezzo alla piazza e tu devi resettare ogni due minuti.

MISSIONE 4 - TIRO DINAMICO

Sono quasi pronto a diventare un vero Carabiniere. Devo solo affrontare l'ultima missione: un FPS ambientato in un complesso di vicoli che potrebbe essere benissimo Agrabah. Ci sono delle sagome che sbucano dai lati e da dietro le colonne e indovinate cosa bisogna fare? Esatto, sparare.

In tutta la missione il personaggio si muove, ma la telecamera no. Sei praticamente inchiodato e l'unica cosa che devi fare è andare avanti e indietro—o meglio, in cerchio, visto che la pista è circolare—e sparare quando qualcosa ti appare davanti. Non puoi ricaricare l'arma e quindi, quando finisci il caricatore, aspetti e il gioco ti ricarica l'arma da solo. Dopo due caricatori il gioco finisce. Per fortuna. Non so se le "nuove generazioni" che hanno testato questo videogioco negli anni ne abbiano ricavato "una realistica esperienza videoludica che simula un percorso di crescita all'interno dell'Istituzione." Per quanto mi riguarda, la risposta è no—anche perché, se fosse davvero così, sarei uno dei criminali più importanti del mondo per tutte le ore che ho giocato a GTA.

Segui Leon su Twitter