Pubblicità
Attualità

'Evil Genius' su Netflix sembra uscito dai tuoi incubi peggiori

Abbiamo parlato con i creatori della nuova docuserie Netflix di uno dei casi più agghiaccianti della cronaca nera degli ultimi anni, cominciato con un fattorino della pizza e dell'esplosivo.

di Sarah Bellman
16 maggio 2018, 4:00am

ATTENZIONE: Questo articolo contiene dettagli su Evil Genius: The True Story of America’s Most Diabolical Bank Heist.

Il 28 agosto 2003 doveva essere un giorno d'estate come tutti a Erie, in Pennsylvania. Tutto è cambiato quando un fattorino della pizza di mezz'età è entrato in una banca con dell'esplosivo artigianale lucchettato intorno al collo.

L'uomo era Brian Wells, nome che rimarrà per sempre sinonimo di una delle più efferate rapine della storia recente: una macabra caccia al tesoro finita male e diventata l'ossessione di tanti appassionati di true crime.

Ma Wells è solo uno dei protagonisti di un pluriomicidio trasformato in incubo—insieme a lui ci sono Bill Rothstein, che viveva vicino a una delle ultime tappe di Wells prima della rapina, e Marjorie Diehl-Armstrong, variamente etichettata come femme fatale, malata psichiatrica, vittima di se stessa, e morta in carcere nel 2017.

Le loro storie sono solo apparentemente scollegate, ma raccontarle senza perdersi o inciampare nel cospirazionismo che si sono lasciate alle spalle è complicatissimo. Ed è qui che entra in gioco la nuova docuserie di Netflix Evil Genius: The True Story of America’s Most Diabolical Bank Heist.

L'ultima fatica dei fratelli Duplass—che segue il recente successo di Wild Wild Country—mette in nuova luce i protagonisti di questa vicenda grazie al filmmaker Trey Borzillieri e al suo rapporto giornalistico con Diehl-Armstrong, che poi ha gettato le basi di questo documentario, realizzato nel corso degli ultimi dieci anni.

Abbiamo contattato Borzillieri e la co-regista di Evil Genius Barbara Schroeder qualche giorno prima del lancio della serie, ora disponibile.

VICE: Questo caso è così ingarbugliato che deve essere stato assurdo esserci dentro fin da quasi l'inizio.
Trey Borzillieri: Vero? La cosa interessante e unica di Evil Genius è che il fatto che la partecipazione di Marjorie ci ha permesso di entrare nella cospirazione, e sentire una verità più profonda direttamente da lei.
Barbara Schroeder: Quando Trey è venuto da me con tutte queste informazioni io ho pensato, "Aspetta un secondo. Questo è un caso molto complesso, ma dietro c'è anche un'oscura storia d'amore." Ero molto incuriosita. La mente potrebbe essere questa donna con la sua serie di amanti morti. È un caso unico. È il modo migliore di descriverlo.

È interessante vedere Marjorie in un modo in cui non potremo vederla mai più, visto che è morta. Com'era la vostra relazione, c'è qualcosa che non mostrate nella serie?
Borzillieri: Lei era piena d'energia. Dato che l'ho contattata prima che finisse sotto indagine, per lei sono diventato una specie di cassa di risonanza. Onestamente, era anche complicato per come era fatta lei. Era chiaro fosse una sociopatica, e faceva paura perché aveva già ucciso, in passato. Era bravissima a mentire. Per cui cercare di metterla ai ferri corti e tirarle fuori la verità era difficile. Ho lavorato sul nostro rapporto per molti anni, sperando che un giorno sarebbe servito a qualcosa.
Schroeder: Trey ha subito abusi verbali pesantissimi. A un certo punto, lei ha detto che avrebbe "portato in tribunale i suoi coglioni."

Una cosa che mi ha davvero colpito, Trey, è quella scena da brividi in cui cerchi di parlare con Bill Rothstein. Ora che sai tutte le cose che sono venute fuori dopo, quando ci ripensi, cosa vedi?
Borzillieri:
È stato pauroso. Allora l'FBI l'aveva eliminato dalla lista dei sospetti, quindi la mia speranza era di avvicinarmi a un uomo che voleva pulirsi la coscienza dopo essere stato accusato ingiustamente. Ma è stato esattamente l'opposto. C'era una sensazione di colpevolezza nell'aria. Ho sentito qualcosa.

Questa storia non è particolare solo per chi si interessa di true crime, ma anche per gli appassionati di film horror. Anche se non sono proprio speculari, film come Saw III - L'enigma senza fine, 30 Minutes or Less hanno dei parallelismi con questo caso. Anche qui ci sono cacce al tesoro, vittime colpevoli, menti criminali, colpi di scena, femme fatale e demonizzazione delle malattie mentali. Quando lavoravate a questa serie, avete notato una somiglianza con i film horror?
Borzillieri: Certo. Io sono cresciuto con i film dell'orrore. Mi hanno influenzato in modi strani. Se eri piccolo negli anni Ottanta, erano ovunque. Quando ho cominciato a interessarmi al caso, ho letto che c'era una torre radiotelevisiva dove Brian Wells aveva consegnato la sua ultima pizza. Mi ha ricordato moltissimo il film Se7en. Poi ho appreso che in un freezer accanto a quella stradaccia c'era un cadavere. Come in Fargo. Tutti i film si sono 'ritrovati' qui. Non mi crederai, ma stavano già girando Saw quando è esplosa questa storia. Quindi Saw non è derivato da questa vicenda.

Davvero? Ho sempre pensato che i registi ne avessero letto. Mi viene in mente anche Black Mirror, ma è assurdo—nessuno l'ha associato al caso.
Schroeder: Io l'ho visto e ho pensato, "Aspetta un secondo." Ho chiamato mio marito e gli ho detto, "Guarda qua. È come Evil Genius."
Borzillieri: Quando è uscito 30 Minutes or Less nessuno si immaginava che da questo caso potesse venir fuori anche qualcosa di comico. Marjorie era arrabbiata di certo. [ Ride] Ah, se lo era. Diceva che il film aveva una pessima influenza sulla sua immagine. Pubblicità negativa. Ma le piaceva da morire stare al centro dall'attenzione, quindi avrà anche gongolato.

Che influenza hanno casi simili sulla cultura popolare?
È stato scioccante. Era ovviamente pensato per finire sui giornali. Questi casi bizzarri, che siano massacri o crimini mai sentiti prima, ora sono tutti i giorni su internet. Ma quando questo caso è esploso, la cosa più d'impatto era che la morte di Brian Wells fosse stata immortalata in video. E il video è stato divulgato con una email virale. Lo trovavi sul dark web. È stato l'inizio dei video virali di morte in diretta. Il passo successivo sono stati i video di decapitazioni.

Nel documentario avete inserito il footage.
Sì, ma spero tu abbia notato che abbiamo blurrato la reale esplosione alla fine. Magari lo vorranno vedere anche le famiglie, chi lo sa? Non volevamo che diventasse troppo gratuita, come cosa. L'abbiamo solo usata per far vedere l'assurdità e la crudeltà di farlo saltare in aria. È stata un'esecuzione pubblica, ma nessuno è mai stato processato per questo omicidio.

Segui Sarah Bellman su Twitter.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da VICE e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.
Tagged:
Netflix
true crime
evil genius
Brian Wells
Trey Borzillieri
Barbara Schroeder