salute

Come ho imparato a fregarmene e accettare la mia pancia

È inutile parlare di body positivity se poi nessuna modella plus-size ha la pancia.
13 giugno 2017, 6:58am

Mai come ora i corpi formosi sono osannati da media mainstream e industria della moda. Sports Illustrated ha messo Ashley Graham, una modella plus-size, in copertinauna mossa editoriale molto apprezzata. Poi è stato il turno di un'altra modella curvy piuttosto nota, Hunter McGrady. La Dove da tempo fa campagne pubblicitarie in cui veicola "corpi reali". E non è la sola.

È impossibile scorrere la pagina "Cerca" di Instagram senza essere bombardati da profili sexy pieni di curve femminili, carne, forme—chiamatele come volete. E sotto le foto compaiono miriadi di commenti con emoji di cuoricini (apprezzamento) o goccioline (apprezzamento ed eiaculazione). In un certo senso, è quello per cui abbiamo lottato, no? Eppure, c'è qualcosa che non mi quadra. Tutta questa body positivity mi fa sentire esclusa, perché c'è una cosa che tutte queste modelle non hanno: la pancia.

I corpi che compaiono negli spot e nelle campagne pubblicitarie sulla body positivity tendono a mostrare donne con cosce abbondanti, silhouette più piene, sederi e fianchi più rotondi. Va bene. Ma finché non ci metteremo anche la pancia, rimarremo ben lontani dal risolvere la problematica degli standard di bellezza femminili.

Ovviamente ci sono modelle plus-size con la pancia, come Tess Holiday (che nel 2015 è stata proclamata da People "la prima supermodella del mondo taglia 52", e che da allora è diventata ancora più famosa). Ma sono una minoranza ristretta rispetto alle modelle con i fianchi scolpiti e gli addominali in vista. Il che mi fa sentire, ancora una volta, esclusa—solo che questa volta fa ancora più male, perché mi sembra che tutte le altre, invece, siano state incluse.

Quando parlo del mio corpo, mi descrivo come "perennemente incinta di sei mesi." Quando ancora cercavo di fare qualcosa per dimagrire, la situazione era paradossale: dimagrivo ovunque tranne che sulla pancia. Anche la mia famiglia ha provato ad aiutarmi—per il mio diciottesimo compleanno mia madre mi ha regalato un abbonamento in palestra, pensando che sarebbe stato ben accetto. Ironia della sorte, la mia forma corporea dipende invece in larga parte, come quasi tutte le forme, dalla genetica.

Quasi tutte le donne della mia famiglia hanno la pancia. Ma questo non mi ha impedito di auto-accusarmi per la mia—anche quando ho accolto la body positivity e cominciato ad accettare le mie curve, comunque della pancia volevo sbarazzarmi. Mangiavo solo quinoa e cavolo nero, e mi chiedevo perché non se ne andasse.

Nelle foto cercavo sempre di nasconderla. Mi vestivo appositamente per nasconderla. Mi sembrava che fosse anche normale, dato che tutto il resto ormai mi andava bene—non importa quanto sei sicuro di te, c'è sempre una cosa che non ti piacerà di te stesso. Ma dopo averci ulteriormente riflettuto, ho capito che odiavo la mia pancia (letteralmente): mi impediva di assomigliare a quei corpi plus-size che all'alba di questo decennio hanno cominciato a spuntar fuori ovunque. Avrei dovuto amare il mio corpo, eppure ancora non ero "curvy" nel modo giusto.

Sarah Murnen, psicologa e professoressa di Gender Studies al Kenyon College, in Ohio, ha studiato la sessualizzazione dei corpi femminili negli ultimi 25 anni, e sostiene di non credere che la body positivity porti ad accettare corpi più grassi. Al contrario, ha portato alla ribalta quelli che lei chiama "ideali rotondeggianti": un corpo più rotondo dello standard solo in determinati punti. "È un ideale che si basa al 100 percento sull'essere sexy," ha spiegato.

Il problema è che corpi simili vengono proposti come uno strumento di liberazione per le donne, quando escludono a loro volta altri tipi di corpi come il mio. Questo non vuol dire che proporre ragazze formose e sexy non vada bene—fino a circa un decennio fa, in televisione e sulle riviste praticamente c'erano solo ragazze magrissime.

Sarebbe bello venissero inclusi più tipi di corpi—ma siamo noi a dover lavorare a questa inclusione, noi donne che non rientrano nella categorie delle modelle plus-size. Non è qualcosa che verrà dalle aziende, che hanno un prodotto da vendere o stampare. E se ci saranno sicuramente quelli che diranno che rendere sexy la pancia (o qualsiasi altra parte del corpo ritenuta poco sexy) è molto difficile, rimane il fatto che dovremmo imparare a distinguere oggettificazione sessuale e accettazione di sé.

Non possiamo sentirci imbarazzate quando vorremmo sentirci desiderate, e non c'è niente di sbagliato nel desiderare attenzioni—io ne desidero tutto il tempo, e per ottenerle ho cercato di rendere il mio corpo simile a un corpo ideale. Nascondevo la pancia (e le smagliature, la cellulite, i peli) perché avevo paura che i ragazzi la notassero. Non mi faceva sentire sicura di me, perché mettevo la sicurezza in me stessa nelle mani degli altri.

Ora la mia pancia è libera. Non la tengo più in gabbia. La metto in mostra, metto in mostra tutto il mio corpo.

Mi sento desiderabile. E mi piace sentirmi desiderabile per come sono. Non mi importa niente se alla gente non piace quello che vede. Se non ti piaccio non voglio venire a letto con te, quindi la tua opinione è del tutto irrilevante.

Ci sarà sempre qualcuno che ti dà addoss.o Ma se ci sosteniamo a vicenda—se facciamo squadra nel mostrare corpi "non convenzionali"—le cose negative ci scivoleranno addosso, fino al momento in cui i nostri corpi saranno finalmente considerati convenzionali.

Segui Alison su Twitter.