Pubblicità
Droga

Una banda di spacciatori di Padova aveva persino un volantino, ed è pazzesco

I tre della "Famiglia Corolla" sono stati arrestati per spaccio nella bassa padovana, e questo è il volantino con cui pubblicizzavano le loro offerte.

di Mattia Salvia
19 marzo 2018, 10:43am

Questo fine settimana è stata arrestata a Padova una banda di spacciatori che aveva escogitato un modo molto particolare di promuovere le sue attività: un volantino con tanto di sconti, promozioni 3x2, "gentili omaggi" per i clienti che portavano un amico, e "prezzi speciali e trattative riservate" per chi era in cura al Sert.

Secondo quanto dichiarato dal capitano dei carabinieri Enrico Zampolli, il gruppo si faceva chiamare "Famiglia Corolla" dal nome dell'auto a bordo della quale si appostavano fuori da alcuni Sert a Piove, Monselice e Rovigo—con lo scopo di adescare tossicodipendenti in cura, tentarli con le loro offerte convenienti e farli tornare ad assumere droga. A quanto pare il volantino, che veniva mostrato dal finestrino quando avvicinavano dei potenziali clienti, era una precauzione adottata per non dover parlare, sfuggendo così alle intercettazioni ambientali.

Secondo i carabinieri, grazie a questo modo di operare i tre erano diventati un punto di riferimento per lo spaccio di cocaina (e di hashish) nella bassa padovana. Adesso i carabinieri stanno indagando sui canali di approvvigionamento usati dai tre, visto che il giro di spaccio che avevano messo su era decisamente consistente.

Via.

A parte la tristezza del caso di cronaca, il volantino in sé sembra un catalogo dell'Esselunga con le foto dei prodotti, il prezzo e le relative offerte. "Prendi al volo l'affare" esordisce prima di presentare un tariffario dei pezzi delle varie sostanze. C'è "la bianca a partire da" 50 euro al pezzo (che, si specifica, è 0,5 grammi), ma due pezzi vengono 80 euro invece che 100 e addirittura "acquistando n. 10 pezzi, n. 2 sono IN OMAGGIO!!!" Lo stesso vale per il fumo: 10 euro al grammo, 18 euro per due grammi e "per acquisti superiori a 10 pezzi, euro 8,00 cad."

Oltre a queste offerte c'era poi un messaggio diretto proprio a ex tossicodipendenti: "Sei in cura al S.E.R.T.? Per te prezzi speciali e trattative riservate." E un invito a portare un amico per ricevere "un gentile omaggio" lanciato in modo da ampliare la clientela.

I tre geni del marketing in questione erano residenti a Bagnoli, in provincia di Padova: Mohamed En Naji, di 30 anni, suo fratello Kamal, di 22, e la moglie di questi, Sofia Taouil, anche lei 22enne. Sono stati arrestati con l'accusa di "spaccio aggravato e continuato."

Segui Mattia su Twitter

Tagged:
padova
Italia
crimine
spacciatori