Il peperoncino più piccante del mondo ha mandato un uomo all’ospedale

È la prima volta che succede.
11 aprile 2018, 6:30am
Immagine: Shutterstock / Composition: Rachel Pick

Il Carolina Reaper è il peperoncino più piccante del mondo, secondo il Guinness World Records. In termini di piccantezza pura, misura in media 1,6 milioni secondo la scala di calore Scoville (un jalapeno, al confronto, in genere si attesta sotto i 10.000).

Mentre ci sono altri peperoncini che ambiscono allo stesso titolo, tra cui il temibile ”Pepper X,’ il Carolina Reaper resta ancora un peperoncino con cui non scherzare. A sottolinearlo è un nuovo paper pubblicato su BMJ Case Reports, che descrive come un uomo di 34 anni, in condizioni di salute regolari, è finito in ospedale a causa di una ”cefalea a rombo di tuono” dopo aver ingurgitato un singolo Carolina Reaper durante una gara di resistenza alla piccantezza dei peperoncini.

”Subito dopo aver mangiato il peperoncino, ha iniziato a provare dolore,” mi ha raccontato al telefono il dottor Kulothungan Gunasekaran, uno degli autori dello studio. L'uomo ha avuto conati di vomito, forti dolori al collo, violenti attacchi di mal di testa della durata di qualche secondo — per molti giorni, la cosiddetta ”cefalea a rombo di tuono.” Alla fine, è andato al pronto soccorso.

”È stato sottoposto a un lungo esame, ma non sono riusciti a trovare le cause,” ha raccontato Gunasekaran, medico dell'Henry Ford Hospital di Detroit. Il paziente infine è stato sottoposto a una TAC che ha evidenziato come parecchie arterie nel suo cervello si fossero ristrette. I medici gli hanno diagnosticato la sindrome di vasocostrizione cerebrale reversibile — una restrizione temporanea delle arterie che può causare mal di testa intensi e improvvisi. Fortunatamente per lui, in genere si risolve da sola.

Quindi, che cosa è successo?

Gunasekaran ha spiegato che, poiché questa è la prima descrizione di un caso simile nella letteratura medica, non ci sono stati studi casuali verificati, come avviene di prassi nella ricerca clinica. Quindi, è difficile capire esattamente perché mangiare il peperoncino sarebbe associato a questo effetto. Altri piccoli studi hanno suggerito che la capsaicina, in parole povere la sostanza che rende piccante il peperone, può potenzialmente causare spasmi vascolari. ”Due testimonianze di casi precedenti hanno mostrato che la capsaicina potrebbe causare il restringimento dei vasi sanguigni nel cuore,” ha aggiunto.

È possibile che, in questo caso, sia accaduto qualcosa di simile nelle arterie cerebrali del paziente. I sintomi del paziente sono scomparsi con l'aiuto di farmaci antidolorifici e altre cure di supporto. In casi rari, la costrizione dei vasi sanguigni nel cervello può causare un ictus, ha spiegato Gunasekaran, anche se che non è stato documentato in un caso che riguarda il mangiare peperoncini piccanti.

Leggi Anche: Perché amiamo torturarci con gli effetti del peperoncino?

Gunasekaran ha raccomandato, se iniziate a provare dolore acuto alla testa o al petto dopo aver mangiato un peperoncino particolarmente piccante, dovreste cercare urgentemente delle cure mediche. Non è noto se la genetica o altri fattori rendano alcune persone sensibili a questo tipo di effetto.

Ora, se adorate cibarvi di peperoncini piccanti, non dovete preoccuparvi. Un sacco di persone mangiano spessissimo cibo piccante e non hanno conseguenze negative, se non quelle già note: bruciore alla bocca, alla gola, alla pancia, lacrimazione degli occhi, ”dolori addominali,” e così via. Altre ricerche hanno suggerito che mangiare peperoncini può farvi bene.

Lo fa anche chi lavora in ambito medico. ”Stavo discutendo questo caso con una delle mie infermiere. Ha raccontato di avere partecipato a quelle gare per sopportare il piccante dei peperoncini ed è andata bene,” ha spiegato Gunasekaran. Basta stare attenti: se il Carolina Reaper può causare la cefaela a rombo di tuono e conati di vomito, immaginate cosa potrebbe farvi il peperoncino Dragon’s Breath.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.

Seguici su Facebook e Twitter.