Per gli studenti di Oxford degustare vini alla cieca è un vero e proprio sport

Ogni anno, l'Oxford Blind Wine Tasting Society affronta Cambridge in una competizione agguerrita per identificare correttamente bicchieri di vino senza etichetta.
4.11.19
Degustazione di vini oxford
Foto di Lawrie Photography. Composite di VICE Staff.

Un membro può trascorrere dalle 35 alle 40 ore alla settimana a occuparsi di "cose che riguardano il vino", che comprendono studio, degustazione e insegnamento.

Sono le 11.00 di mattina di un sabato gelido a Oxford, e sto sputando vino in una sputacchiera comune. Di solito a quest'ora del sabato starei ancora dormendo o mangiando una colazione all'inglese. Non credo di aver mai sputato prima in un contenitore comune.

Eppure, questo è un normale sabato (oltre che mercoledì e giovedì) per gli oltre 20 membri della blind wine tasting society dell'Università di Oxford. Fondata nel 1951, i membri del club si incontrano da quattro a cinque volte alla settimana per "assaggiare" vini e imparare a padroneggiare l'arte di identificare un bicchiere di vino privo di etichetta attraverso il suo colore, corpo, gusto, odore, gradazione alcolica e acidità. Usando questi elementi, i membri del gruppo imparano a indovinare l'uva con cui è fatto il vino e la sua regione di provenienza, arrivando a identificare per deduzione, il nome del vino. Si incontrano e si allenano insieme per diverse ore al mese - un membro può trascorrere dalle 35 alle 40 ore alla settimana a occuparsi di "cose che riguardano il vino", che comprendono studio, degustazione e insegnamento. Due di loro hanno dato il via a delle relazioni sentimentali grazie alla società e un altro ha conosciuto la donna che poi è diventata sua moglie grazie a questo 'sport'.

Pubblicità

"Quando le persone vengono a sapere che mi occupo di degustazione alla cieca di vini, si mettono a ridere", mi racconta Sarah Beth Amos, una fisica che fa parte della società. "Poi mi dicono: 'Dimmi tutto quello che sai'. Sai che stai facendo qualcosa di un po' strano, ma ci permette di stare in compagnia."

1570189754609-PolRogerVarsityMatch_Feb2019_LawriePhotography-4

La 66th Oxford Cambridge Blind Wine Tasting Varsity a Londra all'inizio di quest'anno. Tutte le foto per gentile concessione di Lawrie Photography.

La degustazione alla cieca di vini più che un hobby di nicchia, con possibili conseguenza sulla vita sentimentale, - è anche un'attività che può far raggiungere un certo status. Ogni anno. negli ultimi 65 anni, il team di Oxford ha gareggiato contro il team dell'Università di Cambridge per la nomina di migliori degustatori di vini alla cieca. Oxford ha vinto 41 volte, mentre Cambridge ha riportato solo 24 vittorie. Negli ultimi quattro anni consecutivi il team di Oxford si è aggiudicato la vittoria.

I membri del club, fondato nel 1951, si incontrano da quattro a cinque volte alla settimana per "assaggiare" vini e imparare a padroneggiare l'arte di identificare un bicchiere di vino privo di etichetta attraverso il suo colore, corpo, gusto, odore, gradazione alcolica e acidità.

Il giorno in cui sto imparando a sputare in un secchio senza sgocciolarmi il vino addosso, manca ancora un mese prima della competizione. Solo due persone della squadra vincitrice dell'anno precedente possono partecipare, quindi nel team di sei persone e una riserva, la maggior parte dei concorrenti gareggiano per la prima volta. Ci sono dalle 10 alle 15 persone che stanno gareggiando per un posto nel team di Oxford e tra gli aspiranti — molti dei quali si sono allenati seriamente solo per tre o quattro mesi, la sfida è molto sentita.

"A questo punto, ci stiamo provando tutti", mi dice Sam Budnyk, uno studente americano. "Non ci sono favoriti", dice Domen Presern, vice-presidente della società. ”È troppo presto. Ci sono molte altre degustazioni. Ognuna di questa viene valutata. Sappiamo che durante queste quattro o cinque settimane le persone migliorano notevolmente o semplicemente restano allo stesso livello"

È facile pensare alla degustazione alla cieca di vini come a una stronzata o una specie di 'flexata' elitaria, ma invece è una disciplina tanto seria quanto estremamente difficile. Estremamente difficile ma non impossibile, e questo non ha nulla a che fare con la qualità del vino - vengono impiegate tanto le bottiglie vendute nei supermercati quanto quelle più costose. Un paper pubblicato quest'anno (tra i cui autori ci sono anche due membri della società di Oxford) ha analizzato il tasso di successo del team in un periodo di allenamento e ha riscontrato che la sua precisione è aumentata. Nel 2017, l'Economist ha analizzato i dati del concorso di degustazione alla cieca di vini di quell'anno e ha scoperto che in media i partecipanti ottenevano dei risultati migliori rispetto all'identificazione random dei vini. Ma anche se l'allenamento permette di migliorare, le percentuali di successo sono comunque minime: riuscire a individuare correttamente anche solo il 50 per cento dei vini degustati è considerato un risultato impressionante.

"La cosa interessante è che quasi tutti quelli che tra di noi che si occupano di questa roba, fanno un lavoro scientifico o che riguarda i dati"

"Il problema è il seguente: nel mondo ci sono 1.800 varietà di vitigni - ne dovresti conoscere almeno 200 per dire di sapere quello che stai facendo", aggiunge Presern. "Inoltre, questi vitigni sono presenti anche in zone diverse del mondo, ognuna con un clima particolare. Quindi, non si tratta solo di 200 vitigni. Non devi scegliere tra 200 risposte possibili. Se includi anche le annate, potresti raggiungere tra le 3.000, 5.000, 10.000 opzioni. È assurdo".

1570189880906-PolRogerVarsityMatch_Feb2019_LawriePhotography-14

Un membro del team di Oxford mentre annusa del vino.

Amos aggiunge: "Non puoi farne una questione di ego, e non puoi avere delle pretese, perché la maggior parte delle volte sbagli. Devi stare di fronte alla gente, fare errori ed essere corretto dagli altri in continuazione."

Ciò diventa evidente nella luminosa sala del Merton College, dove la società si sta allenando oggi. Come prima cosa, sei vini bianchi vengono versati all'interno di piccoli bicchieri e allineati in fila. Tutti tacciono. Mi guardo intorno, timidamente, non sapendo come avvicinarmi ai bicchieri. Devo semplicemente…berli? La mia confusione viene notata da qualcuno a cui faccio pietà, che mi consegna un foglio di carta con puntatori e note di degustazione. Come prima cosa, devi confrontare il colore dei vini (un vino pallido, quasi verde, potrebbe essere un Sauvignon Blanc, mentre un colore oro profondo con una sfumatura rosa potrebbe indicare un Gewürztraminer). Poi, mi dicono che devo annusare. Nel bicchiere che prendo sento odore di pesca e vaniglia. Non ho idea di cosa significhi (secondo quello che c'è scritto nel foglio: potrebbe trattarsi di un Macôn Burgundy). Dopodiché, sorseggio il vino e lo tengo in bocca. Mi fa salivare, questa indica un'alta acidità del vino. Lo sputo, faccio un'ipotesi (Pinot Grigio???) e passo al bicchiere successivo. Vado avanti così per mezz'ora. Non ne azzecco uno.

Non basta semplicemente una predisposizione alla logica per indovinare i vini. Una buona degustazione alla cieca dipende anche in larga parte dal tipo di vino servito, e se esprime le sue caratteristiche con precisione.

Dopo il mio fallimento, vado a mangiare con il team in un ristorante thailandese. Tra Pad Thai di verdure e spring rolls, chiedo cosa serve per diventare dei bravi degustatori alla cieca di vino. A quanto pare, essere scienziati può essere d'aiuto.

"La cosa interessante è che quasi tutti quelli che tra di noi che si occupano di questa roba, fanno un lavoro scientifico o che riguarda i dati", mi dice Budnyk. "Qualcuno ha un approccio qualitativo, ma altri adottano un approccio molto algoritmico." "Venticinque anni fa i classicisti erano probabilmente il gruppo più rappresentato con Storia," aggiunge Presern. "Non è più il caso. Gli scienziati hanno davvero preso il sopravvento."

Non basta semplicemente una predisposizione alla logica per indovinare i vini. Una buona degustazione alla cieca dipende anche in larga parte dal tipo di vino servito, e se esprime le sue caratteristiche con precisione. Ad esempio, un vino bianco con aromi di mela e agrumi, un'elevata acidità e un corpo che va da leggero a medio, probabilmente è uno Chardonnay - in particolare, uno Chablis di Borgogna. Un bicchiere di vino rosso dal colore rubino chiaro, dal sapore di ciliegie acide con un alto tasso di acidità e tannini, è probabilmente un Barolo di Nebbiolo. Se senti l'odore di ciliegie, mi spiegano, probabilmente si tratta di un vino italiano, e quanto più questo odore di ciliegia è 'jammier', tanto più è probabile che il vino provenga da una regione meridionale italiana.

In ogni caso, nessuna delle caratteristiche appena elencate potrebbe essere applicata a un vino estremamente insolito, come uno strano riesling sloveno. Oppure vi può capitare un'annata che vi mette in crisi, rendendo la sfida estremamente impegnativa. Allora perché diavolo bisognerebbe provarci?

1570190151293-PolRogerVarsityMatch_Feb2019_LawriePhotography-51

Sarah-Beth Amos, membro della società di degustazione di vini alla cieca di Oxford.

"Penso che ci sia un aspetto sociale anche nella degustazione alla cieca dei vini", spiega Amos. ”Gli appassionati ti fanno sentire benvenuto in questo mondo, e questo è davvero bello".

Anche Andrew Lawrie, un altro membro della società, concorda. "Siamo tutti nerd e tutti quanti apprezziamo la sfida intellettuale. È un misto di conoscenze apprese da libri, elenchi e applicazione fisica. Devi davvero gustare usando al meglio i tuoi sensi, a questo devi aggiungere l'apprendimento dai libri e la pratica. Diverse volte tutto quello che sapevo sui vini era completamente diverso da quello che c'era nel mio bicchiere. È una sfida in continua evoluzione".

Questo livello di ossessione in una società universitaria sembra strano, ma posso empatizzare. Durate il mio intero secondo anno di università ho avuto un'ossessione simile, anche se non culinaria. Ero presidente della società di dibattito della mia università. All'epoca il mio ragazzo era un dibattente e il mio migliore amico era anche il mio partner di dibattito. Martedì e giovedì, tenevamo sessioni di allenamento di due ore, e i fine settimana di solito prevedevano lunghi viaggi in altre università, dove ci sedevamo per nove ore e assistendo o partecipando a numerosi round di dibattito. Dopo un anno ho abbandonato l'hobby "vagamente immorale", come lo chiama la scrittrice irlandese Sally Rooney. Tuttavia, vedo livelli simili di ossessione nei degustatori di vino alla cieca di Oxford.

"Siamo tutti nerd e tutti quanti apprezziamo la sfida intellettuale. È un misto di conoscenze apprese da libri, elenchi e applicazione fisica. Devi davvero gustare usando al meglio i tuoi sensi, a questo devi aggiungere l'apprendimento dai libri e la pratica."

"Riguardo la competitività", dice Lawrie, "È molto dura." "Richiede una quantità infinita di conoscenza," dice Presern, "ed è questo che lo rende così interessante. Ci sono cose su cui puoi continuare ad interrogarti per il resto della tua vita".

Un mese dopo aver imparato a sputare in contenitore comune al Merton College, mi unisco alla blind wine tasting society di Oxford per un'altra sessione di allenamento. Mancano solo tre settimane alla competizione, e il mood è molto serio ma anche eccitato. Parliamo di cosa indosseranno le persone invitate e di alcuni dei grandi nomi del mondo vino che parteciperanno. Non li ho mai sentiti nominare.

1570190301182-PolRogerVarsityMatch_Feb2019_LawriePhotography-82

La società di degustazione alla cieca di vini di Cambridge il giorno della competizione.

Entro la fine della sessione di allenamento, mi convinco che vincerà il team di Oxford. Tuttavia, sono curiosa di conoscere anche il parere degli avversari, così chiamo Tom Ogden, presidente della Cambridge Blind Wine Tasting Society. Lui mi dice che sta andando all'allenamento della sua squadra, ma non scende abbastanza nel dettaglio da rivelarmi qualcosa di utile.

"Quando ho iniziato a farlo, non bevevo vino", mi racconta. "Di solito, ogni anno nel team di Cambridge ci sono un sacco di persone che arrivano al mese di ottobre senza aver mai comprato, assaggiato o saputo nulla sul vino". Come possono pensare di avere delle chance? "Le squadre variano da un anno all'altro, e Oxford ha avuto molta continuità con la tendenza ad avere persone che si sono fermate a lungo. Hanno anche avuto alcune tra le più brave persone di sempre in questa disciplina." Ma Ogden è ottimista. "Quest'anno ci siamo davvero impegnati", dice. "Penso che abbiamo davvero delle buone possibilità di vincere".

L'Oxford Cambridge Blind Wine Tasting Varsity si svolge presso l'Oxford Cambridge Club nel centro di Londra. La giuria include Jancis Robinson, una leggenda nel mondo della degustazione alla cieca di vini. L'unica volta che mi rivolge la parola è per correggermi quando sbaglio il suo nome chiamandola 'Janice.' Anche l'edificio dove si svolge la gara incute lo stesso timore: le donne sono state ammesse qui dentro come membri a pieno titolo solo dal 2001, inoltre bisogna rispettare un dress code rigoroso. Anche se è possibile considerare la degustazione alla cieca di vino come un passatempo da nerd per persone ossessionate dal nozionismo, piuttosto che un hobby molto posh a base di vino costoso, è difficile non sentire l'elitarismo di cui è imbevuto la competizione che si svolge oggi.

I degustatori controllano il colore dei vini, sollevandoli controluce oppure usando un foglio di carta bianca per capirne la tonalità esatta. Risucchi, deglutimenti, gorgheggi, sputi. Il tutto continua per ore, mentre gli assaggiatori annotano le loro risposte su dei fogli A4.

Amos e Budnyk fanno parte del team, assieme ad altre quattro persone. Per le prossime tre ore, i concorrenti di Oxford e Cambridge siedono uno di fronte all'altro su un tavolone in una stanza intitolata a un re che non ho mai sentito nominare prima. Un cronometrista di Pol Roger, che sponsorizza la competizione, versa i vini che hanno etichette ricoperte da un panno nero. Poi, scatta il cronometro.

Come prima cosa, nel silenzio più assoluto, i degustatori controllano il colore dei vini, sollevandoli controluce oppure usando un foglio di carta bianca per capirne la tonalità esatta. Poi, gradualmente, la sala inizia a riempirsi di suoni che caratterizzano la degustazione competitiva dei vini. Risucchi, deglutizioni, gorgheggi, sputi. Il tutto continua per ore, mentre gli assaggiatori annotano le loro risposte su dei fogli A4. Quando il tempo è scaduto, i membri delle squadre escono, impazienti di discutere tra loro le risposte proprio come degli studenti dopo un esame. Clint Wong, capitano del team Oxford, l'unico concorrente che ha già preso parte alla competizione in passato, esce dalla stanza scuotendo la testa.

Accompagno tutti all'enoteca storica Berry Bros. & Rudd per bere un po' di Champagne, mentre nel club i giudici esaminano le note di degustazione lasciate dai concorrenti. I degustatori vengono valutati sia per la loro capacità di identificare correttamente un vino, che per la loro capacità di fornire un'analisi corretta del suo gusto, anche non individuano esattamente il vino. In effetti, azzeccare il vino corretto è molto difficile.

1570190373438-PolRogerVarsityMatch_Feb2019_LawriePhotography-61

Janice Robinson (estrema sinistra) e altri giudici segnano le due squadre.

Quando giunge il momento di annunciare il vincitore, e scoprire se i mesi di allenamento hanno dato i loro frutti, le squadre ritornano nel club. Dopo un breve intervento, Cassidy Dart di Pol Roger annuncia i vincitori. Il team di Cambridge ha battuto quello di Oxford, interrompendo così i quattro anni consecutivi di sconfitte. Il team di Oxford è abbattuto, mentre quello di Cambridge esplode in un applauso.

L'Oxford Cambridge Blind Wine Tasting Varsity si conclude con un pranzo accompagnato da un bel po' di alcol, come se chiunque non avesse già bevuto vino a sufficienza. Tutti sono comprensibilmente allegri e Ogden, che ha capitanato il team di Cambridge, si alza per tenere un discorso. "È incredibile che riusciamo a fare questo", dice, la sua voce commossa. Se ci pensate, riusciamo ad entrare qui, e ad apprezzare il vino per il resto della nostra vita, sia che vinciamo sia che perdiamo. Significa molto per noi. Francamente, questo è un regalo che è impossibile da ripagare".

Dopo il tempo trascorso con la società di Oxford, di sicuro apprezzo molto di più il vino e tutte le sue complessità in termini di sapore, aroma e tonalità - anche se non sono assolutamente più capace di prima a identificarli correttamente.

Questo articolo è originariamente apparso su VICE UK.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram