Pubblicità
Attualità

Donald Trump si è offeso perché la Danimarca non vuole vendergli la Groenlandia

"Cos'è, uno scherzo?" Ha commentato un ex Primo Ministro danese a proposito del piano del presidente degli Stati Uniti di comprare l'isola artica.

di Tim Hume
21 agosto 2019, 1:52pm

Immagine: AP Photo/Alex Brandon

Donald Trump ha cancellato il viaggio che avrebbe dovuto fare in Danimarca, dopo che il primo ministro del paese si è rifiutata di dare corda al suo piano di comprare la Groenlandia, la più grande isola sul pianeta.

"La Danimarca è un paese molto speciale con persone incredibili, ma sulla base delle dichiarazioni del primo ministro Mette Frederiksen, per la quale non c'è interesse a discutere l'acquisto della Groenlandia, posticiperò il nostro incontro previsto tra due settimane a un'altra volta," ha twittato con tono piccato martedì sera.

"Il Primo Ministro è riuscita a risparmiare un bel po' di spese e sforzi sia agli Stati Uniti che alla Danimarca nell'essere così diretta. La ringrazio per questo e attendo con ansia di riprogrammare il nostro incontro in futuro!"

Un portavoce della Casa Bianca ha confermato che la visita di Trump in Danimarca, originariamente prevista per il 2 e 3 settembre è ora annullata, una mossa che la portavoce della Casa Reale Danese, Lene Balleby, ha descritto come "una sorpresa totale."

La Danimarca non ha mai espresso la minima intenzione di vendere la Groenlandia, un territorio autonomo del Regno di Danimarca e Frederiksen aveva definito "assurda" e uno scherzo qualsiasi ipotesi di acquisto dell'isola da parte di Washington.

"La Groenlandia non è in vendita... La Groenlandia appartiene alla Groenlandia," ha detto ai giornalisti domenica, definendo l'idea "una discussione assurda."

"Per fortuna, l'epoca in cui si faceva compravendita di paesi e popolazioni è finita. Ed è giusto così. A parte gli scherzi, saremmo felici di stabilire una relazione strategica ancora più affiatata con gli Stati Uniti."

I danesi erano rimasti sconcertati all'idea che Trump volesse davvero comprare l'isola, e molti si erano chiesti se la proposta bizzarra fosse davvero seria. Ma domenica, Trump ha confermato alla stampa di avere intenzione di discutere la potenziale vendita durante il suo viaggio, dicendo che "di base è un grande affare immobiliare."

Poi, ha innervosito i danesi ulteriormente, twittando un'immagine photoshoppata di una Trump Tower piazzata in mezzo alle casette colorate di un villaggio della Groenlandia.

Frederiksen non ha ancora fatto dichiarazioni in risposta al viaggio annullato, ma altri danesi non hanno tardato a esprimere il proprio sconcerto e fastidio davanti all'arroganza di Trump.

"Quindi, il Presidente degli Stati Uniti ha cancellato il suo viaggio in Danimarca perché non c'era interesse a discutere la vendita della Groenlandia," ha twittato l'ex Primo Ministro Helle Thorning-Schmidt. "Cos'è, uno scherzo? È un insulto profondo agli abitanti di Groenlandia e Danimarca."

Il deputato conservatore Rasmus Jarlov ha invitato Trump a "mostrare più rispetto." "Come danese (e conservatore) è una cosa che stento a credere. Per nessuna ragione Trump crede che una parte (autonoma) del nostro paese sia in vendita. Poi annulla con sprezzo la visita per cui tutti si stavano preparando," ha twittato.

"Ci sono parti degli USA che sono in vendita? L'Alaska?"

L'isola, che si estende per oltre 2 milioni di chilometri quadrati, sembra un palio improbabile per cui scatenare una disputa tra paesi occidentali alleati. Per lo più coperta di ghiaccio, ha una popolazione di soli 50.000 abitanti, che contano su un supporto economico annuale di quasi 600.000 dollari da parte della Danimarca.

Ma la Groenlandia è anche ricca di risorse naturali come carbone, zinco, rame e ferro, e occupa una posizione strategica da un punto di vista geopolitico, tra l'Atlantico del Nord e i mari artici. Grazie a un trattato di difesa con la Danimarca, Washington opera una base aeronautica importante nel nord della Groenlandia, che costituisce una parte critica del sistema di allarme missilistico americano.

Questo articolo è apparso originariamente su VICE US.