Pubblicità
Munchies

Il profilo Instagram che immortala le mani delle persone che mangiano in metropolitana

"Mangiare in metropolitana richiede un mix di autosufficienza e sfrontatezza che rispetto veramente".

di Danielle Wayda; foto di Hannah La Follette Ryan
06 agosto 2018, 1:47pm

Tutte le foto di Hannah La Follette Ryan

Guardare la gente è, forse, il passatempo numero uno dei pendolari di New York.

Espressioni d’umanità abbondano sui treni e sugli autobus dei cinque distretti, ispirando molti artisti a cercare di catturare le molteplici sfumature della vita durante gli spostamenti. Hannah Ryan, una tata di 28 anni ma fotografa per passione, è un'altra di una lunga serie di artisti che cercano di afferrare l'effimera natura della vita in città. Negli ultimi tre anni del suo pendolarismo attraverso la città, ha iniziato un progetto fotografico chiamato Subway Hands, un account Instagram con oltre 40.000 follower che documenta una raccolta di mani che hanno catturato la sua attenzione.

A volte le mani appaiono posate in un momento di contemplazione, a volte innamorate di un altro paio di mani, e talvolta sono solo la metafora del girare in città - alle prese con un palo affollato durante l'ora di punta, portando borse piene di generi alimentari o sbucciando una banana per una colazione frettolosa in piedi. Non sorprende, quindi, che molte delle immagini di Ryan siano pieni di passeggeri della metropolitana che mangiano o tengono del cibo. Come gli altri piccoli atti di tregua ci concediamo sui mezzi pubblici (un breve pisolino tra le soste, un po 'di musica per attutire il trambusto), il cibo è sempre lì, a prescindere da ciò che la segnaletica del MTA ci dice. Abbiamo parlato un po' con Ryan del suo progetto, quale sia la sua opinione sui cibi puzzolenti sulla metro, e le abbiamo chiesto di curare una raccolta delle sue immagini preferite mani in possesso di cibo, che illustrano questo piccolo aspetto della vita in città.

MUNCHIES: Parlami di te. Qual è il tuo background e il tuo vero lavoro?

HANNAH RYAN: Sono una baby-sitter e fotografa di Amherst, Massachusetts. Ho 28 anni. Sono andata al college nella parte settentrionale dello stato di New York e mi sono trasferita a New York dopo la laurea, con gli occhi sbarrati e super-entusiasta. Il mio lavoro mi tiene sui treni tutto il tempo. Vivo a Brooklyn e lavoro in tutta Manhattan (per diverse famiglie). La maggior parte delle foto di Subway Hands sono state scattate durante il mio tragitto giornaliero.


Cercare di catturare NYC in un fotogramma o in un disegno è come tenere l'acqua: scivola tra le dita.

Quali erano i tuoi obiettivi per questo progetto? Cosa stavi cercando originariamente nell'immagine o stai cercando di realizzare?

Ho iniziato Subway Hands dopo un mese dal trasferimento in città, ora sono passati tre anni. Ammiro la missione della street photography e traggo molta ispirazione da esso. Analogamente, Subway Hands sta cercando di illustrare la vita della città, con un approccio diverso. L'artista Jason Polan ha un progetto in cui sta tentando di disegnare ogni persona a New York. Quel desiderio risuona davvero con me. Cercare di catturare NYC in un fotogramma o in un disegno è come tenere l'acqua: scivola tra le dita. Mi piace l'idea che forse un giorno potresti creare un mosaico delle mie foto e ottenere un'immagine più ampia e completa di New York.

Cosa attira l'attenzione di un fotografo?

Luce, colore, gesti, emozioni, geometria. I soliti sospetti.

Poiché tu non mostri alcun volto, nelle immagini che fai, [lo spettatore viene] a molte supposizioni sul genere della persona immortalata. È qualcosa di cui sei cosciente, o qualcosa che trovi sorprendente negli oggetti che le persone hanno in mano, che in qualche modo trasmettono parti delle identità delle persone anche senza mostrare i loro volti?

Sì, penso alle foto come ai ritratti. In un corso di storia dell'arte al college ho visto queste eleganti foto delle mani di Georgia O'Keeffe scattate dal suo partner Alfred Stieglitz. In una, il suo viso è visibile, ma le sue mani trasmettono l'emozione e dominano l'immagine. Quella foto è stata una delle prime ispirazioni per Subway Hands, e ha cambiato il modo in cui capisco la ritrattistica. Ci penso regolarmente quando scatto.

Le persone si arrabbiano mai, se si accorgono che le fotografi?

È passato un po' di tempo dall’ultima volta, ma succede. Mi piace pensare di essere più furtiva di quello che realmente sono. Farsi fotografare in una grande città senza contesto è diventata un’esperienza comprensibilmente ostile. Le persone si arrabbiano perché pensano che tu abbia fotografato la loro faccia. Spiegare il progetto disinnescherebbe la situazione.

Credo fermamente che esistano buoni motivi per mangiare sulla metropolitana, ma sarà sempre una questione controversa

Come qualcuno che osserva molto da vicino le persone durante gli spostamenti, quali sono le cose che hai imparato, i temi che hai incontrato o le abitudini che noti nelle persone?

Quando sto bighellonando per scattare una foto e accidentalmente catturo l’attenzione di qualcuno, la prima cosa che fanno è riposizionare le loro mani.

Perché il cibo in metropolitana è un concetto così polarizzante? Hai un'opinione sul mangiare nella metropolitana? Che cosa attira la tua attenzione sul cibo tra le mani delle persone rispetto ad altre immagini che hai fatto senza cibo ?

Mangiare in metropolitana richiede un mix di autosufficienza e sfrontatezza che rispetto veramente. Come una persona in continuo movimento e impaziente, ogni tanto faccio uno spuntino sul treno. Ricordo vividamente di essere stata sgridata per aver mangiato un bagel da un uomo che leggeva il Financial Times. Mi ha detto che quello che stavo facendo era illegale! Vedere qualcuno che mangia in metropolitana attira automaticamente il mio interesse. Sono molto curiosa del retroscena (basso livello di zucchero nel sangue?). Il mio pasto preferito in metropolitana è la colazione. C'è qualcosa di affascinante nei confronti delle persone che fanno colazione in viaggio. Credo fermamente che esistano buoni motivi per mangiare sulla metropolitana, ma sarà sempre una questione controversa. I newyorkesi sono al loro punto di rottura con la MTA e in generale sembrano più propensi a mangiare in metro.

Questo articolo è apparso originariamente su Munchies US.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram


Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali di VICE? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.