News

Sulla 'rapina a Bruce Sterling' a Napoli e lo stato delle fake news in Italia

Non solo la rapina non è mai avvenuta, ma i giornali si sono pure inventati le dichiarazioni dello scrittore americano.
11 dicembre 2017, 12:59pm

In Italia sembra essere scoppiata una gravissima emergenza: quella delle “fake news.” Nella vulgata corrente—cavalcata un po’ da tutti—le notizie false sono ovunque, minano alla base il nostro sistema democratico e sono prodotte da siti di disinformazione e troll (quasi sempre russi).

In questo tipo di narrazione, però, sono diverse le cose che non quadrano—tra cui il concetto stesso di “fake news,” che ormai è diventato un’arma politica utile solo a colpire i propri avversari, e l’artificiosa divisione dell’ecosistema mediatico in buoni e cattivi.

A questo proposito, recentemente avevo ricostruito la storia della “sposa bambina” venduta a un fantomatico musulmano di 35 anni in provincia di Padova, e di come l’errore iniziale di un quotidiano cartaceo si fosse riverberato più o meno ovunque. Questo fine settimana, invece, una notizia completamente falsa ha visto protagonista lo scrittore americano Bruce Sterling, uno dei padri del cyberpunk.

Per iniziare, un po’ di contesto: il 7 dicembre 2017 Sterling era a Napoli per parlato alla Apple Developer Academy—il campus a San Giovanni a Teduccio sorto grazie alla collaborazione tra Apple e l’università Federico II—nell’ambito di un incontro chiamato “Creare Ponti. Per un modello mediterraneo di impresa 4.0.”

Il giorno dopo, tuttavia, sul Corriere del Mezzogiorno ad avere risalto non è l’intervento dello scrittore, ma uno “spiacevole episodio” verificatosi nei pressi della Stazione Garibaldi. Secondo il quotidiano, Sterling e la moglie Jasmina Tešanović sarebbero stati rapinati “con tanto di pistola”: “I ladri hanno preso soldi, carte di credito e passaporti gettando entrambi nello sconforto e nel panico.”

Nel commentare l’accaduto lo scrittore avrebbe detto che “in Texas giro con la pistola, in Italia invece non è consentito, ma qui mi sentirei a mio agio,” e aggiunto: “Di questa parte d’Italia conosco il passato e l’immondizia.” La presunta rapina è stata poi ripresa da altre testate locali e nazionali.

Peccato che questa scena alla Gomorra (menzionata, ovviamente, nell’articolo) non sia mai avvenuta. O almeno, non in questi termini.

Su Facebook Jasmina Tešanović, attivista e scrittrice, ha scritto, nell’ordine, che: sono “TUTTE BALLE”; la vittima dello “scippo minore” (senza pistola) non era Sterling ma lei; il marito “non ha mai detto questo.” La donna si è poi lamentata del trattamento ricevuto dalla polizia mentre faceva la denuncia, e ha detto che la peggiore rapina della sua vita l’ha subita nella civilissima Torino.

Contattata dal Secolo XIX, Tešanović ha ribadito che a essere stata scippata è lei, e che nessuno dei due ha mai parlato con i giornali. Quindi, anche il virgolettato attribuito a Sterling è falso—o meglio, completamente decontestualizzato.

Nel suo intervento alla Apple Academy, infatti, lo scrittore ha ragionato intorno agli stereotipi. “Io sono texano e per il resto del mondo sono uno dal grilletto facile che gira con la pistola in tasca,” ha detto. “Ed è così: quando sono in Texas giro armato. In Italia non posso farlo, forse potrei qui a Napoli, potrei facilmente avere una pistola addosso, perché le hanno gli uomini dei clan, come descritto da Gomorra.”

Insomma, la falsa rapina a Bruce Sterling dimostra ancora una volta che le “fake news” non sono esclusivo appannaggio di un pugno di bufalari che vuole alzare soldi pubblicando cazzate; al contrario, spesso e volentieri le notizie false sono fabbricate anche dagli stessi giornali che un giorno sì e l’altro pure denunciano i pericoli della disinfomazione.

Segui Leonardo su Twitter