Foto della Romania negli anni Novanta, subito dopo il crollo del comunismo

Il fotografo Vali Pană ha immortalato la città subito dopo il crollo del comunismo.

|
29 agosto 2016, 8:10am

Questo articolo è apparso originariamente su VICE Romania

Come tutte le repubbliche socialiste sovietiche, il regime comunista della Romania aveva l'ambizione di superare l'occidente in termini di industrializzazione. Per aumentare la produttività, il governo spesso trasferiva intere comunità contadine da aree rurali ai sobborghi della capitale, Bucarest. Qui questi ex contadini vivevano in appartamenti ed erano costretti a trovare lavoro come operai, ma conservavano le loro tradizioni—facevano ancora il sapone con il grasso animale sui tetti, allevavano animali nei loro appartamenti e cucinavano di fronte a casa come avevano sempre fatto.

Era ancora così dopo la caduta del regime, nel 1989, quando il fotografo Vali Pană ha cercato di immortalare quel mondo. Il risultato è una serie di fotografie scattate nei primi anni Novanta, in cui si vede una città che si sta abituando ad essere europea, dove nessuno si sorprende se un carretto o una mandria di pecore bloccano il traffico su una soprelevata.

Una donna il cui carro ha una ruota sgonfia aspetta che qualcuno gliene procuri una nuova. Nelle regioni più povere della Romania si trovano ancora carri trainati da cavalli che bloccano le strade, ma non a Bucarest

Una donna fa del sapone con del grasso animale

Alcuni tifosi mangiano semi di girasole e parlano a telefono mentre aspettano l'inizio di una partita al Rapid Stadium di Bucarest.

Molte chiese a Bucarest per fare spazio a progetti di edilizia popolare socialista. Questa si è salvata

Pendolari si accalcano su un camion per attraversare la città. Camion di questo tipo sono ancora utilizzati dalla polizia di Bucarest

Un matrimonio all'inizio degli anni Novanta in Romania, con una limousine americana presa a nolo

Uno dei ristoranti di pesce più antichi della Romania ha comprato uno storione beluga gigante e l'ha piazzato di fronte alla vetrine, adagiato sul ghiaccio, per mostrare la freschezza del suo pesce

La città vecchia di Bucarest, che negli anni Novanta era un mix di case occupate, strani negozi e pub loschi e che oggi ospita locali costosi, hotel di lusso e negozi

Una donna vende semi di girasole sul marciapiede

Un venditore ambulante si riposa dietro il suo banchetto

Un ingorgo causato dalla pioggia nella zona nord di Bucarest. Negli anni Novanta la maggior parte delle persone guidavano Dacia, la versione sovietica di una Renault

Il Cimitero degli Eroi della Rivoluzione, a Bucarest. Moltissimi giovani hanno perso la vita nella rivoluzione che ha rovesciato il regime comunista nel 1989