salute

Come la pillola anticoncezionale può distruggerti la vita

Ansia, depressione, perdite di sangue costanti e anche danni permanenti: cinque ragazze raccontano di come hanno cominciato a prendere la pillola senza farsi tante domande, ma si sono presto trovate a fare i conti con gravi effetti collaterali.
05 ottobre 2016, 10:18am

Insomma, è venuto fuori che prendere la pillola contraccettiva quando sei una ragazzina può renderti più incline alla depressione. Ottimo.

Alcuni ricercatori danesi hanno recentemente preso in considerazione più di un milione di donne di età compresa tra i 15 e i 34 anni, ciascuna per sei anni. Hanno scoperto che quelle che prendevano contraccettivi orali combinati avevano il 23 percento di probabilità in più di essere depresse rispetto a quelle che non li prendevano, e quelle che prendevano contraccettivi progestinici arrivavano addirittura al 34 percento. Quanto alle adolescenti, quelle che prendono la pillola hanno fino all'80 percento di probabilità in più di essere depresse.

Ovviamente, non è una sorpresa. Se non hai personalmente sperimentato gli effetti collaterali dei contraccettivi ormonali, di sicuro hai almeno un'amica che ci è passata—pianti isterici, o un nodulo che compare improvvisamente nel seno. In rari casi, botte d'ansia. Ancora più raramente, disturbi della vista.

Abbiamo parlato con alcune ragazze delle loro esperienze con la pillola, da quelle relativamente normali a quelle del tutto inusitate, per capire cosa stiamo facendo al nostro corpo.

CELLULE ESPLOSE

Un paio d'anni fa mi sono svegliata con un mal di testa terribile, e tutta la stanza vibrava di quelle che sembravano particelle d'oro—che non è nemmeno lontanamente carino e divertente come potrebbe sembrare. Pensando fosse solo un brutto mal di testa, l'ho ignorato e ho continuato con la mia vita. Una settimana dopo mi è comparsa una nube grigia in un occhio e il mio medico di base ha insistito che andassi di corsa all'ospedale.

È venuto fuori che ho una malattia molto rara dell'occhio che si chiama maculopatia, che ha causato l'implosione e morte delle mie cellule oculari dell'occhio sinistro. I "brillantini dorati" che ho visto erano le mie cellule che morivano. È una condizione talmente rara che non erano nemmeno certi se fosse colpa della pillola o della caffeina, ma dato che odio il tè e il caffè e che tutti i casi che riuscivano a ricordare erano successi a giovani donne che prendevano la pillola, fate i vostri calcoli. Non c'è una cura, mi hanno solo detto di tenermi lontana dai contraccettivi ormonali, per non peggiorare la situazione. La nube grigia nella mia visione rimarrà per sempre.

Grazie mille, pillola!

—Kim, 26 anni

ANSIA, TANTA ANSIA

Ho cominciato a prendere la Cerazette [_una minipillola progestinica_] all'inizio di dicembre, perché non volevo assumere estrogeni a causa di una storia famigliare di malattie vascolari. In tre settimane mi sono ritrovata a essere così in ansia che quasi pensavo di avere un attacco di cuore. Ero così depressa che piangevo ogni giorno e pensavo sarei morta. Era terribile. Ho perso ogni appetito sessuale, mi sono convinta che tutti mi odiavano e non riuscivo a dormire. Il ciclo mi veniva a caso: dopo una settimana che la prendevo ho cominciato a sanguinare e avere crampi per nove giorni, Natale incluso. La odiavo.

Ho smesso di prenderla dopo un attacco di panico così forte che pensavo di essere sul punto di un infarto. Durante le due settimane successive ho continuato a essere stanchissima, ad avere terribili mal di testa da stress, e a sentirmi così depressa e ansiosa da stare fisicamente male. Quando sono tornata all'università a metà gennaio il medico mi ha detto che il mio corpo era come scioccato da tutta quell'ansia. È stato tremendo, e il mio ciclo non è mai del tutto tornato alla normalità—è ancora irregolare e molto doloroso.

—Lucy, 21 anni

MESTRUAZIONI PERENNI

Tutte le pillole mi causano una perdita di sangue continua. Ho sempre le mestruazioni.

Ho cominciato con i contraccettivi orali combinati quando stavo per compiere 16 anni. Per i primi mesi è andato tutto bene, ma in seguito o avevo le mestruazioni o avevo perdite. Perciò mi hanno cambiato pillola, ma non è servito a niente. Poi mi è venuto un acne terribile, e mi hanno dato la minipillola, che non ha migliorato né l'acne né le perdite. Quando un anno dopo ho lasciato il mio ragazzo, ho smesso di prendere la pillola, e in un attimo non perdevo più sangue!

Oh, e quando avevo cominciato una terapia per l'acne, mi avevano detto che poteva inficiare l'azione della pillola, perciò avevo dovuto prendere la pillola e usare il preservativo, perché se fossi rimasta incinta c'era la probabilità che il bambino nascesse deformato per tutti i farmaci che prendevo. Dovevo tornare a casa dall'università ogni mese per andare dal medico e fare un test di gravidanza.

Insomma, gli ormoni mi hanno reso la vita un inferno. Ma ora va tutto bene, ho la spirale. Sono fortunata ad aver scoperto cosa funziona per me.

– Clara, 21 anni

TETTE INDECISE

Ho preso a intermittenza un contraccettivo orale combinato per quattro anni, e ho messo su peso. Sì, sì, grazie a tutti i medici maschi che mi hanno detto che non ci sono prove che la pillola ti renda grassa—certo, però la verità è che ti fa venire fame, che ha senso, dato che il tuo corpo pensa di essere incinta.

E poi mi ha fatto crescere le tette—che è stato un bene. Ma il problema era che durante la settimana di pausa, o se facevo delle interruzioni, tornavano normali. Perciò ora ho un sacco di smagliature, e la tetta sinistra si è svuotata. Che incubo.

Ma, onestamente, la cosa peggiore è che la contraccezione è una mia responsabilità, non dell'uomo. E i maschi non si rendono conto di quello che le donne devono sopportare, mentalmente o fisicamente, perché loro possano non preoccuparsi di niente. Che è il motivo per cui sono felice se questa cosa delle iniezioni contraccettive per uomini è vera.

– Sofia, 22 anni

È SOLO UN ESPERIMENTO!

Ho compiuto 17 anni, ho avuto il mio primo fidanzato e deciso che volevo prendere il controllo. Sono andata al consultorio e, a causa dei mal di testa, mi hanno detto che non potevo prendere contraccettivi orali combinati perché aumentavano il rischio di infarto. Ho detto all'infermiera che avevo dei problemi di depressione, ma nessuno mi ha informato dei rischi che la "minipillola" comporta per la salute mentale—mi hanno detto solo che ci sarebbero volute "un paio di settimane" per "adattarmi".

Ho cominciato a prenderla quel giorno stesso. Dopo circa un mese avevo la pelle rovinata, cambiamenti repentini d'umore, nausea costante e scoppiavo in lacrime a caso. Ho cominciato ad avere mestruazioni abbondanti e dolorose, a volte facevano così male che non riuscivo ad alzarmi dal letto e ad andare a scuola. Non capivo cosa mi stesse succedendo, finché non ho scoperto che erano tutti effetti collaterali della pillola. Ho smesso subito di prenderla.

Dopo aver provato una pillola diversa con un partner diverso, e aver vissuto effetti simili, un nuovo medico mi ha fatto notare che la pillola non è proprio una cosa da prendere alla leggera. È un'invenzione relativamente nuova e ancora in via di sviluppo, e non siamo in grado di determinare gli effetti che ha sulle varie persone. Questo medico mi ha anche detto che quanto a me, se volevo continuare con la contraccezione ormonale dovevo farmi carico dei rischi.

In pratica, mi ha detto di "sperimentare" con il mio giovane e fertile corpo e sperare che un giorno questo si adatti agli ormoni e gli effetti collaterali finiscano. Ed eccomi di nuovo qui con la pillola, con una diagnosi di disturbo d'ansia che potrebbe o meno dipendere da essa. Non voglio diventare l'ennesima ragazza dipendente dagli antidepressivi, ma nemmeno voglio essere una madre adolescente. Mi piace il sesso e mi piace essere felice. Ma mi sembra che, finché prenderò la pillola, dovrò considerarle due scelte che si escludono a vicenda.

– Georgia, 19 anni

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: