FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Arvida Byström vuole che la guardiate fare sesso

È un'artista, e lo fa per insegnarci qualcosa sulla monogamia.
07 febbraio 2013, 3:40pm

Vi è mai capitato di uscire da una lunga relazione esausti, depressi e pieni di disprezzo per voi stessi, ripromettendo ai vostri poveri corpi appassiti che non li costringerete mai più a nulla di vagamente simile? Arvida Byström, femminista, fotografa e artista capisce perfettamente il vostro problema. Non propriamente il vostro problema, quello sarebbe strano: secondo lei, il concetto di una relazione monogama è assolutamente arcaico e inutile.

Oggi si trasferisce alla Wayward Gallery di Londra assieme a un altro artista, Tim Kelly, per prendere parte a un’installazione della durata di una settimana durante la quale metteranno in streaming lo sviluppo della loro relazione a beneficio del mondo. Ciò includerà il sesso, una registrazione audio della prima esperienza di Tim in un rapporto anale e un video del viso di Arvida mentre si sottopone a una ceretta integrale.

Ho chiamato Arvida per fare una chiacchierata sul perché non crede nelle coppie fisse.

VICE: Ehi Arvida, molti ti riconosceranno come fotografa per il tuo lavoro con il collettivo The Ardorous.
**Arvida: **Sì, la fotografia è il mio principale mezzo espressivo. In effetti la prima cosa ufficiale che ho fatto era per VICE, quando avevo 16 anni—mi sembra fosse una serie di autoritratti. Da allora ho per lo più cercato di mettere in discussione i generi attraverso la mia fotografia.

Evidentemente abbiamo un ottimo gusto. Perché il salto verso le installazioni e la videoarte?
Non è stato proprio una scelta. Per parecchio tempo ho sentito che la fotografia non era proprio la mia arte. Era come se la usassi come mezzo espressivo perché la conoscevo molto bene, ma quando voglio davvero dire qualcosa la trovo dispersiva. Non è sempre l’ideale; nel caso di questo progetto fare dei video sembrava più appropriato.

Come si è sviluppato questo progetto?
Ho conosciuto Tim quando faceva couchsurfing a casa di un amico. Era appena uscito da una lunga relazione e si sentiva strano nei confronti del sesso—credo fosse anche perché era molto ferito e aveva paura di fare lo stesso a qualcun altro. Tutto a un tratto ha pensato di essere un misogino, e io ho dissentito. Fondamentalmente ci siamo ubriacati e abbiamo deciso di lavorare a un progetto che mettesse in discussione le relazioni e il femminismo, alla fine del quale avremmo fatto sesso per la prima volta. Il giorno dopo ne ho parlato e lui ha detto, “Dico un sacco di cose stupide quando sono ubriaco,” ma da lì la cosa si è evoluta in un’opera.

Quindi non stavate insieme quando avete deciso di farlo?
All'epoca eravamo solo amici, ma non pensavo che sarebbe stato problematico. Ora la cosa si è sviluppata e abbiamo una relazione, il che è strano perché ovviamente non abbiamo ancora fatto sesso con penetrazione. Ha davvero cambiato le dinamiche di ogni cosa.

Ci credo. Ci puoi dire qualcosa in più del progetto?
È incentrato sulle relazioni, e sulla monogamia. Normalmente non ho relazioni esclusive—trovo che sia un concetto piuttosto problematico. In più, è in gioco la trasparenza di un rapporto; solitamente non faccio in modo che la gente sappia cosa succede nelle mie relazioni anche se non mi dà fastidio espormi. Ora sto facendo il contrario. È una cosa assolutamente nuova per me.

Sei nervosa all’idea di fare sesso di fronte a una telecamera?
Non proprio. Nel senso, non lo faccio più ma è già successo. Credo che Tim sia più preoccupato di me. Molti aspetti di questo progetto preoccupano più Tim di me.

Non sono cose che la gente condivide spesso così sinceramente. Perché lo fate?
In passato, una donna sceglieva un uomo di successo perché questo doveva provvedere a lei e ai suoi figli. Le cose ora sono diverse, non devi sposare qualcuno per essere accettata, né devi avere figli; puoi usare il preservativo. C’è un grosso cambiamento nel modo in cui vediamo e creiamo le relazioni e tutto ciò sta accadendo naturalmente. Noi ci domandiamo: è importante essere monogami al giorno d’oggi?

Altro su Arvida Byström:

Cottarelle

Ci siamo innamorati di The Ardorous