Le periferie di Roma sono sempre più un parco giochi per palazzinari