Interviste inventate e foto illegali: quanto in basso può ancora scendere il giornalismo italiano?