Come brand e influencer hanno approfittato del Covid-19 per raccontarci cazzate sul cibo