Lo chef che a Roma ha lasciato la stella per fare la carbonara più buona del mondo