Perché queste sfogline sono l'unico, vero esempio di controcultura rimasto a Bologna