©2014 VICE Media LLC

    The VICE Channels

      Sono stato alla Playboy Mansion (e non ci tornerei mai)

      February 6, 2013

      Di Jamie Lee Curtis Taete

      West Coast Editor

      Un paio di settimane fa sono stato invitato alla Playboy Mansion per la proiezione del nuovo film con Jennifer Lopez e Jason Statham, Parker. Solitamente non vado alle proiezioni per la stampa perché è molto più facile scaricare il film e guardarlo a casa senza dover parlare con altra gente, ma desideravo visitare la Playboy Mansion fin dal momento in cui, diversi secondi prima, avevo scoperto che era un’opzione inclusa nel pacchetto. Dovevo ASSOLUTAMENTE andare.

      Prima della proiezione, nella hall della villa c’è stato un piccolo aperitivo, accompagnato dall'imperdibile opportunità di farsi fotografare con alcune delle Playmate™® di Playboy.

      Doveva esserci anche Hugh, ma era malato. Quindi ci siamo dovuti accontentare di questa cosa.

      La proiezione si teneva nel salone. Qui ne trovate un’anteprima esclusiva. È tratta da una scena in cui (SPOILER!!!!) Jason Statham colpisce qualcuno con qualcosa.

      Appena dopo aver scattato questa fotografia ho sussurrato qualcosa alla ragazza seduta di fianco a me, e un tipo che indossava un completo con le Converse è venuto da me per dirmi che stavo facendo troppo casino. Il completo con le Converse è l’abbinamento che odio di più in assoluto. Avete idea di quanto sia umiliante sentirsi sgridare da uno che indossa qualcosa la cui credibilità è rimasta intrappolata nei Nickelodeon Kids' Choice Awards del 2003? Orribile.

      Dovevo andarmene, quindi ho deciso di “perdermi” mentre cercavo il bagno e di vedere per quanto tempo potevo vagare per la villa prima che qualcuno mi facesse tornare alla proiezione.

      La prima cosa che ho fatto è stata cercare un bagno in cui cagare. Non mi scappava neanche, ma quante volte capita di poter lasciare un ricordino in un posto del genere? Questo è quello che si vede nel farlo, se ve lo stavate chiedendo.

      Dopo aver cagato, ho iniziato a notare quanto tutto fosse squallido. Sono forse un idiota per aver pensato che la villa sarebbe stata bella? Immaginavo che fosse quantomeno un pochino favolosa. Era quella la ragione principale per cui volevo andarci—sono gay, tra parentesi.

      Un momento, ma alla gente etero piacciono ancora le donne su Playboy? O quell’era è finita negli anni Novanta? Com’è possibile che Playboy esista ancora adesso che c’è internet? Chi si compra il giornale? Il genere di persona che porta un completo con le Converse, probabilmente.

      Comunque, quello che ho visto era molto meno bello del mio bagno di casa. Io almeno il deodorante per ambienti lo lascio nell'armadio.

      Inoltre, quelli sono UN SACCO di tamponi. Immagino che le signore qui debbano davvero infilarseli dentro a manciate, eh?

      Ovviamente questo è un bagno carino, col marmo e via così. Eppure i coprisedili esistono da una discreta quantità di tempo, e sono certo che da allora qualcuno sia riuscito a inventare un apposito contenitore. 

      Dopo aver finito i miei bisogni ho girato per un paio di altre stanze, scoprendo che la maggior parte dell'oggettistica era di tipo standard, della serie animali in ceramica e vasi pieni di bastoni. Ma c’erano degli effetti personali disseminati qua e là, tipo fotografie di Hugh con il cast di Charlie's Angels e una foto del suo recente matrimonio con una ventiseienne. (Che non possiamo pubblicare per ragioni legali.)

      C’era anche questa deliziosa statuetta da “coppia” “felice”. È pazzesco come nonostante il materiale lo scultore sia riuscito a tirare fuori ogni singola emozione.

      Questi sono i codici per chiamare i vari interni della casa. 

      Poi mi sono diretto fuori, dove ho incontrato lui.

      E sono andato a fare una passeggiata intorno alla piscina.

      Questo è la grotta, della cui esistenza—per qualche ragione—io stesso ero a conoscenza. Ma aveva un'aria piuttosto malmessa e deprimente. Guardate la seduta sulla sinistra, sembra qualcosa su cui andare in overdose durante una festa in Russia :(

      E questo era incassato nella parete. Sul serio, che cazzo è? Non può essere un telefono, ha troppi bottoni. Sono abbastanza sicuro di aver visto il Sig. Burns usarne uno, una volta.

      Quando ho scoperto che sarei andato alla Playboy Mansion, “rubare un asciugamano” è andato direttamente in cima alla mia lista mentale delle cose da fare. Ma guardate questi cosi. Mi aspettavo delle morbidissime salviette di cotone egiziano con ricamato sopra il logo di Playboy. I miei asciugamani sono meglio di questi, e uno l'ho anche trovato su un treno.

      Cazzo, mi sono davvero appena lamentato del fatto che “gli asciugamani non erano abbastanza belli da rubare”? Terribile.

      Ok, sì, è la foto di un altro bagno. Ma sembra l'immagine che potrebbe accompagnare la recensione di una località sciistica polacca da una stella  su TripAdvisor.

      In fondo a un corridoio ho trovato questa stanza. Immagino che un tempo, quando ancora la Playboy Mansion era un luogo di divertimenti, questa doveva una sorta di sala delle orge. Ma ora ha questo aspetto.

      C’era anche un altro di quegli aggeggi steampunk usciti dalla macchina del tempo. E un piccolo frigorifero che aveva almeno il doppio dei miei anni. 

      Era pieno di bottigliette d’acqua con il logo di Playboy (ne ho rubate un paio, ovviamente). Notate il nastro isolante che tiene su il congegno sul fondo del frigorifero.

      È qui che ho iniziato davvero a buttarmi giù. Niente mi infastidisce di più del vedere una cosa un tempo gloriosa che cade in declino. Una volta ho quasi pianto guardando una di quelle liste sulle “Peggiori chirurgie plastiche delle celebrità”.

      Vagare per la Mansion mi ha dato una sensazione non troppo dissimile da quando un parente muore e tu devi andare in casa sua e decidere cosa fare della sua roba. Con la differenza che, in questo caso, il parente defunto era l’industria delle riviste per adulti. O qualcosa del genere. Non so esattamente di cosa sto parlando. Ma la villa era molto, molto triste. E puzzava di vecchio.

      Poi mi hanno scovato e chiesto se mi ero perso, quindi sono tornato dentro per guardare il resto del film. Altro spoiler: Jennifer Lopez ha un sedere. 

      Nell’andarmene, sono stato circondato da gruppo di playmate per una di quelle fotografie che ero riuscito a evitare entrando. Erano senza dubbio le persone più affascinanti e carismatiche che io abbia mai incontrato in vita mia. Posso garantire che se fossi stato etero, le avrei incluse tutte e tre nel mio testamento dopo tre minuti dal nostro primo incontro. E immagino che questo spieghi molte cose.

      Qualcuno di etero, ricco e vecchio può andare a salvarle da quella triste casa decrepita? Per favore!

       

      Altre storie tristi:

      La depressione del Milano Sex Festival

      Il museo delle cere trasforma tutti in nazi e pervertiti

       

      -

      Tag: Playboy Mansion, Hugh Hefner, Playboy, deprimente

      Commenti