Flavia Vento scoreggia sulla politica

Di Matteo Maione


Foto via Twitter.

Le primarie del centro-sinistra si sono concluse con la vittoria di Bersani e il rammarico di tutti quelli che da Facebook sostenevano Renzi aspettando che fossero gli altri ad andare a votare. Il risultato su di me non ha avuto un grande impatto, ma non perché il futuro del nostro Paese non mi stia a cuore, anzi. Diciamo solo che mi ritengo fortunato: nella vasta galassia di renziani, bersaniani, vendoliani, grillini, post-berlusconiani e neo-democristiani, io sono un flaviaventiano. Come alcuni di voi sapranno, infatti, Flavia Vento ha annunciato che fonderà il suo partito:

Alla fine, da quello che ho capito si dovrebbe chiamare appunto Il vento del cambiamento.

In breve, l’idea le è venuta quando ha scoperto che Beppe Grillo aveva deciso di bloccarla su Twitter, dopo che lei aveva più volte dichiarato che alle prossime elezioni avrebbe votato il suo movimento.

Venuto a conoscenza della notizia, preso da un fervore che mi colpisce solo in occasione di diarree fulminanti, ho provato ad abbozzare un possibile programma elettorale, ispirandomi alle pillole che la líder máxima dispensa ai suoi seguaci tramite Twitter.

Eccoli dunque, i sette punti fondamentali che potrebbero cambiare per sempre la vita politica, sociale e sessuale del nostro Paese. 


PROGRAMMA ELETTORALE 

  • Abolizione delle guerre e dei canili


 

  • Via i corrotti da Twitter


 

  • Guerra alle grandi firme

 

  • Conversione immediata di tutti i gay

 


 

  • Adesione totale alle grandi verità rivelateci dai maya


 

  • Fine della demagogia


 

  • Abolizione della grammatica e della punteggiatura

 

Non riuscite a capire quale occasione ci si è aperta? A confronto, le armi chimiche di Assad e il nucleare iraniano sono caccolette. Se Flavia Vento vincesse le elezioni, il sistema  economico italiano crollerebbe nel giro di circa 10-15 minuti, l’Italia trascinerebbe con sé nel baratro tutte le economie dell’Eurozona e successivamente anche Stati Uniti e Cina.

Stufi di politici corrotti, tasse che aumentano, tagli alla sanità, all’istruzione? Ma soprattutto, stufi di perdere tempo con manifestazioni che non servono a nulla? Be’, ora avete un’arma che funziona davvero, minacciate di votare Vento del cambiamento alle prossime elezioni.

 

Commenta