©2014 VICE Media LLC

    The VICE Channels

      High Infidelity

      November 26, 2012
      Dalla rubrica 'Tea's Tacos'

      "È eccitante starsene qui, sdraiati." Qualche settimana fa ero sul letto di una stanza d'albergo insieme a un uomo conosciuto per lavoro con cui sono andata a Firenze. Si trattava di circostanze piuttosto strane, che non starò qui a spiegare soltanto perché spero di poterlo sfruttare un altro po' per trovarmi un lavoro. "Starsene qui senza toccarsi?" Mi sentivo attratta, ma non avrei combinato niente finché non fosse stato lui a fare la prima mossa—recentemente mi sono ripromessa di andare a letto con uomini sposati soltanto se sono loro a iniziare, perché in quel modo la colpa non è mia (sono una santa). "Baciami," ha detto finalmente, e io mi sono sfilata le mutande.

      Quelli che tradiscono hanno tante scuse. Cercano un'ammirazione che non ottengono dal partner, bramano favori sessuali che il partner non gli concede, hanno bisogno di un'eccitazione che col partner non riescono a sentire—in ogni caso, incolpano l'altro per il fatto di essere degli stronzi. Ok, non tutti gli infedeli sono stronzi. Alcuni sono "brave" persone che fanno cose da stronzi.

      Mio nonno mi lasciava sempre guardare Cartoon Network, mi comprava quante caramelle desiderassi e mi ha insegnato a giocare a scacchi meglio di un russo. Era spassoso, colto e si vestiva bene, e accanto al mio letto tengo una sua foto. È il mio idolo. Ma ciò non cambia il fatto che io sappia per certo di come al suo "apice" tradisse mia nonna con ogni segretaria del suo ufficio e di qualunque altro ufficio della città. Lo so perché me l'ha raccontato mia nonna, e lei lo sa perché un giorno di molti anni fa una cameriera le disse di avere un bambino che somigliava molto al suo "bellissimo marito."  Mia nonna rispose tirandole in testa un posacenere (in tribunale, il giudice disse che avrebbe fatto lo stesso e la lasciò andare). Non so se mia nonna sia rimasta col nonno per amore, per paura del divorzio (aka la Collera Divina) o semplicemente perché accettava il fatto che a volte i begli uomini combinano delle cazzate—ma non è questo il punto. Il punto, o la domanda, è: perché fanno queste cazzate? Mio nonno non la tradiva per qualche elaborato motivo, né per problemi con il sesso o le donne (all'epoca tutti odiavano le donne, e la cosa non rappresentava alcun "problema"). Credo ci fosse una ragione più semplice. Credo lo facesse perché voleva, perché poteva, e perché pensava che non lo avrebbero scoperto (o perché non gli sarebbe fregato se ciò fosse accaduto). E credo sia così perché lo so, dato che è lo stesso motivo per cui anche io lo facevo.

      Ogni volta che tradivo un fidanzato, lo amavo ancora di più. Essergli infedele mi faceva sentire più vicina. I fine settimana trascorsi a casa "della mia amica," le serate in cui uscivo "per comprare della birra," i pomeriggi passati "a studiare," ognuno di quei momenti scatenava in me dosi di tenerezza nei confronti del mio Dolce Fidanzato Perfetto, al quale ero estremamente grata per quanto mi amasse e tenesse alla mia persona. E il fatto, coi Dolci Fidanzati Perfetti, è che sono convinti tu sia dolce quanto loro, quindi nessuno ha mai sospettato niente e io l'ho sempre fatta franca—a meno che ora non leggano questo post via Google Translate, ovviamente (e in tal caso, sto parlando degli altri fidanzati, non di te!). È come quel detto, "Se un albero cade nel bosco e nessuno è là ad ascoltarlo, fa rumore?" Ovvero, se tradisci e nessuno ti coglie sul fatto, conta? No, non veramente.

      Non scopavo con gli amici del mio ragazzo per via di qualcosa che mi è successo da piccola, né posso attribuire la colpa di questo comportamento alla "dipendenza dal sesso" o alla mancanza di autocontrollo. Lo facevo perché volevo. Tradivo perché pensavo soltanto a me stessa, cercavo attenzioni e credevo di meritare più di un cazzo. E va bene, a meno che uno dei cazzi in questione venga ingannato. L'ho capito dopo, e non ho tradito per anni—perché in quegli anni ero single.

      Eccoci alla Million Dollar Question: "Infedele una volta, infedele sempre?"

      Vorrei dire di no, ma non posso.

      Secondo me, essere fedeli è come essere vegetariani—è ammirabile, è bello, è la Cosa Giusta. La fedeltà vi renderà orgogliosi, e vi farà sentire più puri e superiori. Ma non cambierete un accidente. Voglio dire, non influirete sul mondo, e in realtà aiuterete soltanto voi stessi e forse un'altra persona. Allora, qual è il punto? Non lo so, io sono la stronza che porterebbe il fidanzato a una festa e lo mollerebbe lì per "andare a comprare le sigarette" facendo ritorno due ore dopo.

      In sostanza, credo che la tipologia di persone che tradisce avrà sempre la tendenza a farlo. Ciò non significa che siano "brutte persone", ma semplicemente che non dovrebbero avere delle relazioni. O quantomeno il genere di relazioni fatte perché uno imbrogli l'altro (#matrimonio).

      Se state insieme a una persona infedele, dovreste interrompere la relazione (a meno che anche voi non lo siate, e in quel caso va da sé che siete fatti l'uno per l'altro). Se tradite smettetela, o almeno fate tutto ciò che è in vostro potere per evitare che l'altro lo venga a sapere. Ammettere la propria infedeltà è da egoisti, perché lo si fa soltanto per sentirsi meno colpevoli. Confessando vi sentirete a posto, ma sobbarcherete il partner di un sacco di brutti pensieri che lo terranno sveglio la notte e lo costringeranno ad andare in terapia a piagnucolare di quanto probabilmente tutto sia dovuto a quei dieci kg in più dello scorso Natale. Oh, e se venite scoperti, ascoltate il consiglio di Shaggy e insistete, qualunque sia la situazione, "It wasn't me!"

      Alcune persone sono per la monogamia. Non la monogamia alla europea, dove è sottinteso l'avere un amante [o due] come attività secondaria. Parlo della monogamia da grande schermo, quella dei film in cui recitano Julia Roberts e Hugh Grant (il personaggio Hugh Grant, non quello vero, che ha tradito Elizabeth Hurley con una prostituta). Penso che quel tipo di monogamia sia possibile, anche se io non mi ci sono ancora imbattuta (a parte il caso dei miei genitori, ma tutti i genitori sono fedeli, no? NO?!)

      Per l'intero tragitto da Firenze a Milano, quell'uomo ha guidato con la sua mano tra le mie gambe. La settimana successiva mi ha scritto ogni singolo giorno, informandosi su come stesse la "sua fichetta". Poi gli ho detto di smetterla. Perché c'è un'altra nuova regola: andare a letto con uomini sposati va bene, ma solo se si tratta di una cosa da una botta e via. A meno che non mi comprino dei regali. E lui non l'ha ancora fatto.


      Segui Tea su Twitter: @TeaHacic

      La settimana scorsa: Too fucked to fuck

       

      -

      Tag: fedeltà, tradimenti, Shaggy, Tea's Tacos

      Commenti