Thristian Richards, il DJ alla scoperta delle origini della World Music
Sponsored

Thristian Richards, il DJ alla scoperta delle origini della World Music

Thristian Richards è dj e cofondatore di Boiler Room. Ma la cosa più importante per lui è comprendere a fondo i legami tra la musica e i luoghi in cui si è evoluta—dall'hip hop della New York anni Settanta al grime della Londra dei primi Duemila.
16.6.16

"Mi piace far conoscere suoni nuovi a un pubblico più vasto: tradurli, analizzarli e far sì che le persone si aprano all'ascolto," mi dice Thristian Richards, DJ e co-fondatore di Boiler Room, davanti a una tazza di té ai Brownsood Studios di Londra.
Chiunque abbia seguito il programma di Richards Dark and Lovely su NTS Radio, visto i suoi set su Boiler Room nel corso degli anni, o lo abbia ascoltato suonare nei party garage (quando in East London succedevano ancora queste cose), saprà che non è un'esagerazione.

Pubblicità

Definire i gusti musicali di Richards eclettici sarebbe troppo semplicistico. Nulla per lui è troppo bizzarro o inaccessibile, e la sua sete di scoprire nuovi suoni è apparentemente inestinguibile, così come il suo desiderio di andare alla scoperta delle vere origini dei vari generi musicali—di capire dove, come e quando sono nati quei suoni così diversi.

"Sono orgoglioso di essere riuscito a costruirmi una posizione in cui posso permettermi di viaggiare," dice Richards. "Prima di lavorare a Boiler Room, Gilles [Peterson, il DJ radio con cui Richards ha lavorato per oltre dieci anni] è andato in Sudafrica ed è tornato con un sacco di storie da Johannesburg e Cape Town. Volevo farlo anche io. Non volevo ascoltare le storie da chi ci era stato—volevo andare sul posto."

Ma prima di andare sul posto, a Richards è toccato scoprire la musica nuova proprio come qualsiasi altro teenager cresciuto negli anni Novanta: ascoltando la radio e guardando MTV.

"Mi sono interessato alla garage inglese ascoltando Kiss FM alla fine degli anni Novanta," dice. "Il programma di DJ EZ iniziava alle due di notte ogni martedì. Io mettevo la sveglia, infilavo una cassetta nel registratore e poi mettevo la sveglia 45 minuti dopo, per spegnere il registratore. Poi la ascoltavo la mattino, mentre andavo a scuola."

Il modo in cui consumiamo la musica è cambiato molto da allora, ma l'amore e la passione di Richards per la radio non si sono mai attenuate. Ha scritto la tesi sul Wordlwide Show di Peterson su Radio 1, prima di iniziare a lavorare per lui poco dopo la laurea, e adesso ha un suo programma su NTS Radio. "Il mio programma è diventato il motivo numero uno per cercare nuova musica," dice.

Collage di Hisham Bharoocha.

È evidente che Richards sia un patito di nuova musica, ma quello che lo interessa di più è capire come la musica è inestricabilmente legata al luogo in cui si evolve. Il grime, per esempio, è un prodotto dell'East London dei primi anni Duemila, proprio come l'hip hop è figlio della New York degli anni Settanta.

"La musica trae ispirazione ed è determinata da diversi fattori—la politica, la cultura, il tempo, la geografia o gli strumenti e le risorse disponibili al momento. Puoi avere a disposizione uno studio enorme, o solo un paio di suonerie sul telefono. Ma se l'espressione è sincera, può venire solo da lì." Infatti, il successo di Boiler Room è dovuto tanto al talento di Richards e dei co-fondatori Blaise Belville e Femi Adeyemi, quanto al momento in cui è nato.

"Il tempismo è stato perfetto sotto diversi punti di vista," dice Richards. "Internet era abbastanza veloce da permettere lo streaming video, Twitter e Facebook stavano sbocciando, e gente come Jamie xx, James Blake e Mount Kimbie se ne stavano uscendo con un sound diverso. Noi abbiamo solo colto lo spirito giusto."

Ora che non cura più la gestione giornaliera di Boiler Room, Richards può continuare il suo viaggio alla scoperta della musica che ama. La sua prossima tappa? L'Angola, dove vuole scoprire le radici del kuduro. "L'Angola copre molte aree musicali a cui sono interessato, ma non ci sono mai stato. Non sono stato nemmeno in Senegal, in Nigeria o in Ghana. E per quanto riguarda la musica che passo io, questi posti sono davvero importanti."

Il Kuduro è abbastanza noto, ma sono in pochi a conoscere le sue vere origini. "Negli ultimi tempi, il sound kuduro va di moda a Lisbona, è considerato 'figo', ma esiste già da un po', soprattutto in Angola. Quello che sta accadendo a Lisbona è bellissimo e racconta una storia di separazioni culturali e ghettizzazione, ma credo che senza capire cosa sta succedendo in Angola non si possa capire appieno il kuduro."

Ed è chiaramente il bisogno di capire a guidare Richards. "Un sacco di generi sono cambiati," dice. "Voglio andare alle radici di questi fenomeni, voglio capire chi, nel caso del kuduro, si è inventato questa danza folle e questi suoni eccentrici. Da dove viene quel tamburo? Certo, ci sono molti video su YouTube, ma la cultura musicale in un posto come l'Angola è diversa—si tratta di cercare cassette nei mercati o di parlare con un tizio che ti porta da un altro tizio. Voglio costruire la mia esperienza personale quando vado in posti come quello, invece di leggerne su un libro. Sono pronto a dire: 'Non ho la minima idea di cosa tu stia parlando, ma fammi vedere'."