Cultura

Una psicologa mi ha spiegato perché preferisco le relazioni a distanza

Sono solo uno spirito libero, oppure ho dell'ansia profonda e inconscia dell'intimità?
19.2.19
Giovane donna parla al telefono
Kevin Laminto.

Quando è iniziata la relazione con il mio ragazzo, vivevamo a distanza per forza di cose. Lui stava in Germania, io negli Stati Uniti, senza la possibilità di risiedere in Germania per più di sei mesi l'anno. Dopo nove mesi, la mia situazione lavorativa è cambiata: finalmente avevo la libertà di decidere dove abitare e ho ottenuto il permesso di residenza in Germania. Pensavo che saremmo andati a vivere insieme, ma dopo aver trascorso qualche mese con lui, ho capito che avevo bisogno di più tempo per me. Volevo provare a vivere in altre parti del mondo, e adoravo avere il letto tutto per me. Ora io e il mio ragazzo stiamo insieme da due anni e mezzo, io passo qualche mese all'anno con lui e il resto del tempo stiamo insieme a distanza, per scelta.

Pubblicità

Sebbene mi piaccia passare tempo con lui, a volte mi chiedo se il mio rifiuto di vivere con lui o vicino a lui non significhi che in realtà non voglio impegnarmi. Sono solo uno spirito libero, oppure ho dell'ansia profonda e inconscia per quanto riguarda la sfera dell'intimità?

Alcuni psicologi credono che il fatto di preferire le relazioni a distanza potrebbe rappresentare il timore di un impegno a lungo termine, il rifiuto a condividere o un'opinione incerta nei confronti del partner. "Nel caso di coloro che scelgono di vivere relazioni a distanza, quello che percepisco io come terapeuta è che devono fare un grosso lavoro sulla condivisione della propria vita con un'altra persona," dice Marissa Nelson, psicologa esperta in relazioni familiari e coniugali a Washington, DC, e alle Bahamas. "Se trovi sempre scuse per non fare il passo in più nella tua relazione, il problema potrebbe essere che ti piace la relazione a distanza per via dei suoi momenti brevi ma intensi, prima e dopo i quali puoi semplicemente tornare a essere te stesso."

Chi preferisce le relazioni a distanza potrebbe anche aver paura di perdere di vista se stesso e i propri obiettivi nel caso in cui dovesse legarsi troppo al partner, in modo letterale ma anche figurato, spiega Amy McManus, terapeuta specializzata in relazioni di Los Angeles.

Questa è una delle ragioni per cui Ashley Uzer, autrice di 25 anni e consulente di base a Washington DC, preferisce le storie a distanza. "Sono il tipo che si lascia distrarre dai ragazzi," mi spiega. "Devo imparare a trovare il giusto equilibrio tra la mia vita e la relazione, e dimenticare il concetto che avere un compagno significa obbligatoriamente fare tutto insieme."

Pubblicità

In altri casi, preferire le cose a distanza significa non essere pronto ad affrontare i problemi seri di una relazione. "Certo, è facile non dare peso alle macchie di dentifricio nel lavandino quando condividi il bagno solo una volta al mese," dice McManus. "Parlo piuttosto dei problemi veri e più grandi che devono essere affrontati quando hai una relazione stabile e convivi con l'altra persona, o almeno vivi nella stessa città—tipo l'incredibile quantità di alcol che beve l'altra persona, il modo in cui ti tratta davanti ai suoi amici, il modo in cui dà priorità al lavoro rispetto alla relazione, o i temi importanti su cui avete opinioni completamente opposte."

Questo modello, tuttavia, può portare le persone a evitare di lavorare sui propri difetti come partner, spiega McManus. Uzer ha osservato lo stesso problema nella sua relazione precedente. "Il fatto che lui fosse lontano mi permetteva di ignorare i sentimenti negativi che nutrivo nei confronti della nostra relazione," dice.

Se una persona non vuole trascorrere molto tempo con il proprio partner, McManus ipotizza che questo potrebbe celare la paura della vulnerabilità. "Dovremmo capire in quale momento della loro vita hanno assimilato il concetto che le relazioni non siano fonte di supporto, amore e soddisfazione" dice. Molte persone hanno appreso, dai propri genitori o da altre figure di riferimento durante l'infanzia, che le relazioni hanno più aspetti negativi che positivi, che portano più problemi che altro. E ancora oggi, dentro di loro, nonostante desiderino creare dei legami, non si sentono sicuri, spiega.

Pubblicità

Ma alcuni esperti non vedono nessun problema nel preferire le relazioni a distanza. "Per alcuni, la relazione a distanza funziona meglio perché permette a entrambi di rimanere autonomi e indipendenti," dice Kryss Shane, assistente sociale a New York che lavora su temi come sesso, genere e relazioni. "Inoltre, alcuni preferiscono pianificare con anticipo il tempo che passeranno con il partner, inserirlo in calendario, prepararsi adeguatamente e attenderlo come un momento prezioso."

È il motivo per cui, anche dopo la fine della sua ultima relazione a distanza, Uzer si è ritrovata "per caso" a conoscere e frequentare persone che vivevano a più di tre ore da lei. "Così posso fare le mie cose, coltivare le amicizie e poi andare a trovare il mio ragazzo quando voglio per passare un weekend romantico insieme," dice.

"Mi piace il fatto di poter andare sempre in vacanza con la mia ragazza, per poi tornare alla mia vita di tutti i giorni," spiega Michael Stusser, giornalista di Seattle. "Mi è sempre piaciuto passare del tempo da solo—e con le persone che amo ma per brevi periodi. Così ho capito che la relazione a distanza poteva funzionare."

"Le relazioni a distanza possono essere un vantaggio per gli introversi, che tengono molto ai loro spazi, e ai loro luoghi cari che non sempre sono pronti a cambiare," dice Shane. Mentre alcuni approfittano della relazione a distanza per distaccarsi emotivamente dall'altra persona, con una buona comunicazione e l'impegno, non deve per forza accadere

Pubblicità

"Il numero di coppie che vivono lontane ma sono comunque felici è più alto di quello che potremmo pensare, sebbene la società ci voglia far credere che esiste solo un modello di relazione possibile," dice Patrick Tully, psicologo esperto in relazioni coniugali di Los Angeles, che ha osservato questa tendenza tra i suoi clienti. "Le relazioni non-tradizionali sono estremamente comuni, e io spero che la società sia sempre più comprensiva nei confronti di chi sceglie di vivere una relazione diversa da quella classica che ci hanno costretto ad adottare. Le persone possono comunque amarsi e darsi supporto pur vivendo in posti diversi, e anzi, è piuttosto sano che ognuno abbia il suo spazio e del tempo per sé, al di fuori della coppia."

La cosa più importante è che entrambi siano d'accordo sulle modalità. Per esempio, stabilire insieme se la relazione sarà per sempre a distanza oppure se uno dei due vorrà prima o poi avvicinarsi all'altro. "Non importa quale sia l'obiettivo, l'importante è che le due persone lo condividano," dice Shane. "Questo fa sì che entrambi abbiano in mente lo stesso futuro e che non ci siano fraintendimenti."

Ma allora come fai a sapere se stai solo evitando una relazione intima oppure se davvero preferisci relazioni non-tradizionali? Una delle domande utili in questo caso è se hai davvero voglia di passare del tempo con il tuo partner, di rivederlo ogni volta, dice McManus. La domanda principale, tuttavia, è perché preferisci la relazione a distanza. Forse è per via della carriera, o perché entrambi avete una vita piena e appagante ma in due posti diversi?

"Se sei felice e soddisfatto della tua vita a casa e della tua relazione, e anche il tuo partner lo è, il fatto che abbiate deciso di vivere in città diverse non dovrebbe riguardare nessun altro al di fuori di voi due," spiega McManus. "D'altra parte, se quando devi andare a trovare il tuo partner ti sembra un peso, o se hai un passato pieno di relazioni a distanza, potrebbero essere segnali negativi."

Se ti ritrovi in questa descrizione, forse la terapia potrebbe essere una buona idea per analizzare il tuo comportamento e per capire cosa ti sta trattenendo dall'avere una relazione soddisfacente con una persona che vive vicino a te. "Ho avuto clienti che sono venuti da me proprio per questo motivo," mi dice, "e in terapia hanno capito cose di sé che li hanno aiutati a crescere, a cambiare e a costruire relazioni sane e amorevoli—anche con persone nella stessa città."

Questo articolo è comparso su Tonic.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI.