Pubblicità
Attualità

'Rapita alla luce del sole' è il true crime più folle e frustrante di Netflix

I fatti che succedono nel documentario sono così incomprensibili che il pubblico non sa come reagire.

di Jamie Lee Curtis Taete
05 febbraio 2019, 7:00am

Foto per gentile concessione di Skye Borgman.

Per parafrasare Tyra Banks, mai NELLA MIA VITA ho gridato tanto a un televisore quanto guardando Rapita alla luce del sole. Ecco una lista parziale delle cose che ho detto durante i 90 minuti di messa in onda:

  • “Perché??”
  • “Gli ha fatto una sega??”
  • “Ma perché lo facevi dormire nel letto di tua figlia??”
  • “Cosaaa??”
  • “Cazzo ma chiama l'FBI!!”
  • “Com'è possibile che manchino 40 minuti?? Che altro può succedere??”
  • “Nooooo!!”

Il documentario parla essenzialmente di una storia di manipolazione—che può essere un tema incredibilmente potente, ma anche sapendo quanto suscettibili siamo tutti al controllo di forze esterne, non sono riuscito a capire né a empatizzare con le azioni della famiglia al centro di Rapita alla luce del sole.

Non voglio fare spoiler entrando nei dettagli delle molte, moltissime cose assurde che succedono nel film. Quindi mi limiterò a dire che è un documentario su una ragazzina che viene rapita da un pedofilo, Robert Berchtold. Due volte. Entrano in gioco gli alieni, un incendio, uno psicoterapeuta fasullo, i mormoni, e la sega più sbagliata del mondo. È uno dei film più assurdi e frustranti che io abbia mai visto.

Il film è stato presentato nel 2017 ai festival, ma ha cominciato a far parlare di sé quando a inizio di quest'anno è stato aggiunto al catalogo di Netflix.

Ho parlato con Skye Borgman, regista del film, producer e direttore della fotografia, per capire com'è andata, e cosa pensano i Broberg—la famiglia del film—del prodotto finale.

Attenzione: l'intervista che segue contiene dettagli di Rapita alla luce del sole.

VICE: Come sei venuto a conoscenza della storia?
Skye Borgman: I Broberg ci hanno scritto un libro nei primi anni Duemila. L'ho letto e mi ha lasciata sconvolta: voleva capire come fosse potuta succedere una cosa del genere.

Non voglio dire che tu abbia fallito nella tua missione di documentarista, ma guardandolo continuavo a chiedermi, che cosa stanno facendo? Tu pensi di esserne uscita con più risposte di quante ne avevi all'inizio?
Sì, sicuramente. Soprattutto perché nel libro non si parla delle relazioni sessuali dei genitori [con Berchtold].

Capito.
E non appena ho scoperto queste relazioni—non voglio dire che tutto ha avuto senso, ma posso capire un po' come la vergogna e la negazione siano state usate per ricattarli. Mi sembra che molti elementi abbiano avuto un ruolo. La loro religione, il fatto che fossero così devoti ha giocato una parte fondamentale in alcune delle loro decisioni.

'Quanto' erano mormoni, e quanto pensi sia stato importante per l'accaduto?
Sono molto coinvolti nella Chiesa mormona. Lo erano allora, lo sono anche ora. Penso che abbia avuto un grande influsso sulla loro creduloneria del tempo, ma penso anche che sia quello che ha tenuto insieme la famiglia. E anche oggi, quando ci parli, ti rendi conto che vogliono dare fiducia alle persone. Preferiscono fidarsi che non fidarsi, anche con tutto quello che gli è successo. E questa, penso, è una caratteristica che li ha resi vulnerabili a un malintenzionato che si è infiltrato nella famiglia.

Sembrano persone molto gentili. È stato difficile intervistarle e non giudicare troppo duramente le loro decisioni?
Le interviste sono state brutali. Per tutte le persone coinvolte. Entravano in gioco un sacco di emozioni, ed erano interviste lunghe. Per quanto mi riguarda, non è stato tanto durante le interviste che ho iniziato a giudicarli. È stato durante il montaggio. Lì ci sono stati momenti in cui li giudicavo, e altri in cui no. E lo stesso capitava con Berchtold. A volte mi sembrava di provare sincero affetto per loro, e a volte per niente. Durante il montaggio ho attraversato tutte le diverse emozioni e vari livelli di comprensione.

Hai rivisto la famiglia dopo l'uscita del documentario? Loro l'hanno visto?
Sì, l'hanno visto.

Cosa ne pensano?
Sono molto grati. Penso davvero che per loro sia stato catartico. Sono anni che si portano dietro questa storia, e il senso di colpa e la vergogna, e penso davvero che il loro intento sia quello di raccontare la loro storia perché sia d'aiuto a chi si trova in quella situazione, perché non succeda di nuovo. Dopo aver visto il film sono venuti da me e mi hanno detto che sono molto contenti che sia uscito. Anche oggi Mary Ann ha fatto un post su Facebook sul fatto che il film può salvare delle vite. Non riesco a immaginare per che altro motivo qualcuno potrebbe decidere di rivelare così tanto di sé davanti a una telecamera, se non per un fine superiore.

Io dopo mezz'ora ho messo in pausa e ho scritto ad altre quattro persone credo, dicendo, "Smettete di fare quello che state facendo e guardate questo film."
Perché secondo te l'hai fatto? Perché non riuscivi a crederci?

Non solo è incredibile, ma non riesci nemmeno a capire le motivazioni che muovono le persone.
Già.

E poi, ovviamente, nel film succedono cose abbastanza scandalose. Penso che a tutti quelli a cui ho scritto, ho scritto qualcosa tipo Oh mio dio, il padre gli ha fatto una sega.
Lo so.

Immagino che se l'avessi guardato in una sala piena di gente, l'avrei detto ad alta voce.
Alla prima proiezione è stato interessante il fatto che su quel momento il pubblico sia scoppiato a ridere. Io sono rimasta molto sorpresa. Ed è successo a ogni proiezione. È stato strano perché non me lo aspettavo, ma è una reazione che si è verificata sempre uguale: penso che la gente fosse così sorpresa e a disagio che non sapesse che fare, se non ridere.

Immagino che ai festival la reazione sia stata diversa da quella della gente su Netflix no?
È interessante, il pubblico online ha avuto una reazione estremamente negativa nei confronti dei genitori.

Tu sei 'protettiva' nei confronti della famiglia quando vedi commenti simili?
Sì. Be', Bob Broberg è morto circa un mese e mezzo fa. La sua famiglia è abituata a sentirne di tutti i colori, forse non al livello di ora, ma comunque erano preparati. Penso davvero che la cosa per loro più dura al momento sia la morte di Bob, ma sono contenta che lui non stia vedendo i commenti che escono.

Altre novità sulla famiglia? È cambiato qualcosa da quando avete finito di girare?
No. Cioè, se la cavano bene. È difficile per loro stare sotto i riflettori, ma comunque vogliono che la gente sappia che esistono i predatori sessuali, e che queste persone sanno approfittarsi dei più deboli e degli ingenui e dei creduloni.

Perché per me era importante far capire che questa famiglia era continuamente bombardata di eventi assurdi. Così bombardata da perdere il controllo sulle loro figlie, e volevo che il film trasmettesse questa sensazione.

Segui Jamie Lee Curtis Taete su Instagram.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI.