FYI.

This story is over 5 years old.

Canada

25 euro per un grappolo d'uva: i prezzi sono fuori controllo nel nord del Canada

Il cibo è sempre stato caro nelle comunità settentrionali come Clyde River, dove la frutta e la verdura fresche devono essere trasportate per via aerea. Ultimamente però le cose stanno peggiorando.
11.4.16
Grapes at a Nunavut store in January. (Photo via Facebook)

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Niore Iqalukjuak ha appena acquistato un po' di cibo al supermercato, in un villaggio nell'estremo nord del Canada. Due sacchetti pieni, ma nemmeno troppo, e un conto salato: 265 euro.

"Volevo comprare anche della pancetta stamattina, ma l'ho rimessa sullo scaffale: non volevo pagarla 23 euro," ha spiegato a VICE News giovedì il residente di Clyde River, cittadina nella regione di Nunavut.

Pubblicità

E non è solo la pancetta a essere così cara. L'uva, per esempio, costa tra i 23 e i 25 euro al grappolo, per un peso di circa 700 grammi.

In centro a Toronto, circa 3000 chilometri più a sud, l'uva si trova costa tra i 3,50 e i 4 euro al grappolo, mentre la pancetta costapoco più di 5 euro a confezione.

Il cibo è sempre stato caro nelle comunità del nord del Canada come Clyde River, dove la frutta e la verdura fresche devono essere trasportate per via aerea. Ultimamente però le cose stanno peggiorando.

"È diventato tutto ancora più caro, senza dubbio," dice Iqalukjuak a VICE News.

L'impennata dei prezzi sembrerebbe essere dovuta, in parte, alla svalutazione del dollaro canadese e alla scarsa qualità dei prodotti del sud degli Stati Uniti, colpiti da gelate e siccità, da dove provengono alcuni dei prodotti venduti in Canada durante l'inverno.

"Abbiamo lottato per avvicinare i prezzi a quelli del resto, ma sembra esserci un confine invisibile che una volta passato fa raddoppiare il costo del cibo e di altri beni," dice Iqalukjuak.

Un nuovo studio pubblicato dall'Università di Toronto e finanziato dall'Istituto canadese per la ricerca sulla sanità conferma che il problema sta peggiorando.

Lo studio ha scoperto che il 60 per cento dei bambini del Nanuvut, nel 2013 e 2014, hanno vissuto in "famiglie con incertezza alimentare" — una definizione che include sia i nuclei familiari in cui ci si preoccupa di rimanere senza cibo, sia quelli in cui realmente si rimane senza cibo per giorni.

Foto via Facebook

"Questa incertezza è cresciuta nel Canada del nord, specialmente nella regione di Nunavut e nelle province Marittime, nel corso del 2014. Nel Nunavut e nei territori nord occidentali, la prevalenza è cresciuta ai massimi livelli osservati dall'inizio del monitoraggio nel 2005 – 48,1 per cento e 24,1 per cento [della popolazione], rispettivamente."

I bambini che vivono patendo la fame hanno più possibilità di sviluppare asma e depressione, riporta lo studio, mentre per gli adulti si riscontrano peggioramenti per quanto riguarda la salute fisica e mentale, con tassi di incidenza più alti per depressione, diabete e malattie cardiache.

Pubblicità

I dati sono così allarmanti che gli autori dello studio dicono di "suggerire uno stato d'emergenza" da imporre all'attenzione dei governi provinciale, territoriale e federale.

A Clyde River esiste un piccolo banco alimentare per chi non ha abbastanza soldi da acquistare il cibo. Ma la mancanza di fondi fa sì che non sempre ci siano alimenti da distribuire, racconta Iqalukjuak. Quando le persone della comunità raggiungono livelli di sopportazione disperati, lanciano appelli alla radio chiedendo se qualcuno abbia degli avanzi da condividere. La maggior parte delle volte, c'è chi offre qualcosa.

"Fa parte dello stile di vita del luogo e non è così inusuale," dice a VICE News.

"Avere un tetto sotto cui dormire è a volte più importante che avere di che nutrirsi."

L'autore principale dello studio ha richiesto che si agisca in maniera collettiva.

"Non si è registrata nessuna significativa riduzione nel paese negli ultimi due anni, nonostante molte strategie volte a ridurre la povertà in molte province," avrebbe dichiarato in un comunicato stampa l'autore principale dello studio Valerie Tarasuk, secondo la CBC.

Iqalukjuak, che è stato sindaco di Arctic Bay al tempo in cui il governo precedente aveva annunciato di voler risolvere il problema, ha detto che la strategia del governo conservatore non ha funzionato.

"Abbiamo il Programma per la Nutrizione a Nord che dovrebbe ridurre il costo di cibi nutrienti," spiega. "Ma per qualche motivo questo non sembra aver aiutato a ridurre i costi, il governo paga i negozi; e poi i negozi hanno il potere di prezzare il cibo. Le cose devono cambiare."

Iqalukjuak, tuttavia non ha nessuna soluzione immediata da suggerire ai legislatori: "Non ci sono rimedi semplici," conclude.


Segui VICE News Italia_ su Twitter, su Telegram e _su Facebook

Segui Hilary Beaumont su Twitter: @hilarybeaumont