Ho lavato il mio cane con lo shampoo per cani di Big Boi degli Outkast

Lo sapevate che Big Boi alleva cani? E che produce prodotti per lavarli? Noi no!
29 novembre 2016, 9:56am

È una figata avere un cane, vero? Significa avere qualcuno da abbracciare per diciannove ore di fila mentre vi guardate tutte le stagioni di Sex and the City di fila dopo essere stati mollati. Significa essere sempre accompagnati da un aspirapolvere portatile; il vostro cane mangerà qualsiasi pezzo di cibo dovreste far cadere a terra, il che significa molto meno sbattimento da parte vostra. Poi, volete mettere quanti like prendete con un cane? Le foto che faccio al mio ne prendono molti di più di quelle che scatto alla mia orribile, orribile faccia. 

Avere un cane è, però, anche piuttosto difficile. Nessuno, sull'internet dei cani, vi avviserà mai che i cani sono davvero, davvero sporchi: continueranno tutti solo a postare bellissime e adorabilissime foto di doggos e shoobers e sausages. Prima di riuscire a insegnare al vostro cane dove si fa la cacca, troverete la sua pipì su qualsiasi superficie di casa vostra. Grazie al mio cane, Arthur, non abbiamo più un tappeto. Cioè, li avevamo. Ma ora sono tutti rovinati. Inoltre, i cani adorano portarvi animaletti morti in casa e strusciarli contro i vostri mobili. Mangiano la cacca di altri animali, e a volte anche la loro.

Ma la cosa più schifosa che il mio cane fa, se lo lasciamo libero per più di trenta secondi in qualsiasi luogo all'aperto possiamo trovarci, è sguazzare in qualsiasi sostanza fangosa riesca a trovare. Dobbiamo lavarlo molte più volte di quante il nostro veterinario consigli: una volta ogni sei settimane, più o meno, dato che ha una pelle piuttosto secca per colpa delle zecche che si è beccato quest'estate. È una storia lunga, ma vi basti sapere che è un amico sempre pronto a coprirsi la schiena di merda.

Tutto questo per dire che io sono praticamente il cliente perfetto per il nuovo shampoo per cani di Big Boi. Degli OutKast. 

Perché dovete sapere che qualche mese fa Big Boi si è messo in affari con tale Bobbi Panter, un tizio che si auto-definisce "un guru della toelettatura naturale", e assieme hanno prodotto assieme la "Big Boi and Bobbi," una linea di shampoo per cani. Tutto è nato da Big Boi, che oltre a fare il rapper ricco e famoso ha anche un allevamento di bulldog americani, francesi e inglesi. Si chiama Pitfall Kennels e vende cuccioli a 1500 dollari l'uno, più o meno. Questi cuccioli dorati venivano lavati proprio con uno shampoo di Bobbi, e Big Boi ha quindi pensato di salire sul carrozzone dei prodotti per animali per evitare di dover fare mai più un featuring che non voleva fare per arrivare a fine mese.

Lo shampoo in questione costa 14 dollari e 99 a bottiglietta sul loro sito, più spese di spedizione. Quella che avete appena letto è una frase che non mi sarei mai aspettato di scrivere parlando di uno dei migliori rapper di sempre. Insomma, potrebbe sembrarvi tanto ma in realtà se avete un minimo di familiarità con il fantastico mondo della toelettatura non è tanto. Cioè, se andate a rifornirvi al LIDL sicuramente potete risparmiate qualcosa, ma non avreste l'immagine del tizio che canta "Ms. Jackson" sull'etichetta.

Ad ogni modo: ci sono volte tre settimane perché lo shampoo arrivasse a casa mia. È stato un tempismo perfetto, dato che due giorni dopo è sorto un bisogno urgente di fare il bagno ad Arthur, che aveva appena pensato di rotolarsi in una pila di foglie secche probabilmente piena di carcasse di scoiattoli. Quindi ho preso lui, un best of degli Outkast e la mia bottiglia di shampoo—che "idrata e rende più morbida la pelle e la pelliccia del vostro cane curando pruriti e pelle morta"—e ho aperto l'acqua della vasca.

Arthurha una paura fottuta dell'acqua, e ha un rapporto con il bagno totalmente opposto rispetto a quello che ha con la cacca. Lo hanno trovato, abbandonato, qualche mese fa in Georgia, dove Big Boi è nato, in mezzo alla devastazione lasciata dall'alluvione che ha colpito la regione a inizio 2016. I canili si erano riempiti, e l'hanno mandato in Wisconsin, dove l'abbiamo adottato. Ho seguito le istruzioni sulla bottiglia—che mi avvisava che "bastava usarne poco per avere un grande risultato," cioè il modo che le compagnie di prodotti per cani hanno per avvisarti che se finisci subito lo shampoo che hai comprato è solo colpa tua—e ho iniziato a fare il bagno ad Arthur. Non so che altro dirvi su questo versante se non che l'ho strofinato ovunque e l'ho tirato fuori dalla vasca prima che le sue ghiandole anali esplodessero dal panico (è successo, più di una volta).

Comprare prodotti sponsorizzati da qualche VIP mi fa sempre sentire come se fossi una vera vittima del consumismo. Insomma, non ho mai creduto per un secondo che a George Foreman fregasse qualcosa dei barbecue che continua a vendere imperterrito. Ma il fatto che Big Boi usasse lo shampoo di Bobbi al suo allevamento da prima che si mettesse in affari con lui dà una certa aria di sincerità al tutto. Insomma, è dai tempi di ATLiens che fa nascere e crescere cani, e ama davvero i cani più che qualsiasi altra cosa.

Non posso dire veramente se lo shampoo di Big Boi sia "migliore" degli altri prodotti che ho usato in passato. Tutto quello che so è che aveva un profumo decisamente più buono del solito. L'unico lato negativo è stato che il suddetto profumo non è durato molto dopo il bagno; ma la cosa potrebbe anche essere dovuta al fatto che Arthur fa schifo, e gli è venuta la diarrea tre giorni dopo perché il suo pancino non è riuscito a gestire la scatoletta di cibo deluxe che gli abbiamo dato per essersi comportato bene durante il bagno. Detto questo, è stato splendidamente assurdo avere una scusa per spararmi Stankonia durante uno sbattimento clamoroso come solo fare un bagno alla creaturina che mi caga in giardino sa essere.

Segui Noisey su Facebook e Twitter.