FYI.

This story is over 5 years old.

Ho provato schiantarmi con una BMW, ma non ci sono riuscito

Il futuro del lusso sono le macchine auto-guidanti controllate da uno smartwatch e i controlli gestuali.
8.1.15
​Immagini: Derek Mead

Provare a farsi un selfie mentre ci si sta schiantando con una BMW "probabilmente non è una buona idea," mi ha detto un addetto stampa della fabbrica di macchine bavarese. Peccato, questa macchina è il mio selfie stick.

Mio zio una volta mi ha raccontato la storia di un tizio che, dopo qualche partita e diverse birre, è andato nella piazzola di un parcheggio e ha cominciato a scaraventare il suo Maggiolino contro le altre macchine. Se avesse guidato la BMW i3 di prova che ho guidato io oggi, non avrebbe fatto neanche un'ammaccatura.

Pubblicità

Sono sicuro che puoi distruggere questa macchina, se ti impegni—forse ti dovresti lanciare da un dirupo, o aspettare di raggiungere i 130 chilometri all'ora prima di fare una decisa sterzata a destra—ma girando per un parcheggio di Las Vegas, non sono riuscito a colpire nemmeno un singolo ostacolo.

Ho provato a speronare questo oggetto, ma i sensori della macchina non erano esattamente dell'idea.

La tecnologia (nome commerciale: ActiveAssist) è parte degli attuali sforzi di BMW per mostrare quanto riesce a rendere i guidatori meno stupidi e i risultati sono impressionanti. Dei sensori laser posti attorno alla macchina mappano costantemente i dintorni del veicolo, e il sistema applica automaticamente i freni se c'è il rischio che tu finisca contro un palo o che raschi uno specchietto su un muro. Come ha detto il Dr. Mortiz Wurling di BMW, c'è un motivo se i garage dei parcheggi sono coperti di vernice.

Durante un normale utilizzo, il sistema è un ottimo aiuto per questioni da tutti i giorni in uno spazio stretto. Dopo un pessimo tentativo per un parchiggio parallelo, potevo tranquillamente andare avanti e indietro con la sicurezza che la macchina avrebbe frenato automaticamente quando sarei stato troppo vicino ai muri, e ciò mi ha permesso di parcheggiare facilmente. Ma anche quando lanciavo la macchina verso un oggetto immobile—diciamo che 30 chilometri all'ora, quindi non esattamente veloce, ma abbastanza per degli spazi stretti—il sistema prendeva il sopravvento e bloccava la macchina senza problemi.

Pubblicità

Wurling ha detto che la tecnologia è ancora in fase di sviluppo, quindi non è ancora chiaro quando arriverà su una macchina che puoi acquistare. Ma chi ha bisogno di un assistente nel parcheggio? Che ne pensi di una macchina che si parcheggia da sola?

Usare il tuo smartwatch per chiamare la tua macchina è una cosa proprio da James Bond.

Un altro concept era un city car i3 che può orientarsi in un parcheggio, trovare posto libero e parcheggiarsi da sola, tutto senza interazione umana. Quando la rivuoi indietro, le fai un fischio e ti viene a prendere. Ovviamente, questa caratteristica si controlla con lo smartwatch.

La tecnologia è ancora abbastanza in forma di concept da non avere una data di lancio, secondo l'esperto di guida automatica di BMW, Georg Tanzmeister. Ma sicuramente funziona, come ho imparato in un viaggio in solitaria sul sedile passeggero. Essere trasportato in giro da un'intelligenza artificiale rimane una cosa molto strana, ma non necessariamente spiacevole.

Il sistema richiede mappe dettagliate dei parcheggi per funzionare, mappe che secondo Tanzmeister potrebbero arrivare da software di, appunto, mapping, semmai il sistema dovesse arrivare sul mercato. A partire da queste, la macchina usa il suo set di laser, non il GPS, per orientarsi nello spazio.

In circostanze controllate ma realistiche, ha lavorato bene. Ora, a questo bisogna pensare: "chi ha bisogno di un valletto formato smartwatch e dell'abilità di parcheggiare come un neonato ubriaco senza alcuna ripercussione?" Ecco, come forse hai già sentito, il target demografico di BMW sono le persone ricche e nel settore super-competitivo delle auto di lusso, la corsa all'automazione regna suprema.

Ciò è evidenziato ancora dai nuovi interni del marchio, che includono un tablet che permette ai passeggeri posteriori di controllare tutto: dall'inclinazione del sedile, alla radio, alla navigazione. Come ha fatto notare l'ingegnere BMW Markus Ablassmeier, gli chauffeur sono un fattore importante nel mercato asiatico, e fornire un servizio a persone che si siedono solamente dietro è la chiave per il successo.

L'ingegnere di interfaccia Verena Reischi mostra cosa fare quando la manopola del volume è troppo lontana.

I tablet sono una cosa, anche se sono da ricconi, ma la tecnologia di rilevamento gestuale di BMW è semplicemente una figata. Anche se è limitata a solamente un quartetto di gesti, poter disegnare un cerchio in aria per alzare il volume o scartare con un movimento di dita una telefonata a cui non volete rispondere è un segno del lusso del futuro.

I controlli gestuali non entreranno sul mercato per almeno altri due o tre anni, quindi dovremmo ancora premere pulsanti. Ma se sei economicamente tranquillo, rilassati pensando che non sei troppo lontano dal poter rispondere ad un telefono con un movimento di polso nell'aria.