Ok, parliamo della puntata di John Oliver su Bitcoin

John Oliver colpisce ancora.
13.3.18
Grab: YouTube

Ormai John Oliver è una specie di chiave di volta culturale; il suo show su HBO Last Week Tonight non è tanto specializzato nel generare discussioni quanto nel cementare l'opinione liberale su argomenti di attualità che raccattano voti su Reddit e titoli di blog. Una delle questioni legate al dibattito John Oliver-izzato è che un certo segmento della sua audience ha un'opinione bella pronta da scrivere ad amici e colleghi via email.

Pubblicità

Domenica sera John Oliver ha detto la sua in questa puntata su Bitcoin e le altre criptovalute. Il concetto era: le criptovalute potrebbero andare da qualche parte, oppure no. Quindi andateci piano. Un buon modo per riassumere l'attuale stato delle cose. Ha toccato tutti i punti nel modo giusto, mettendo in guardia gli investitori su schemi come il "pump and dumps" — in cui ci si accorda per gonfiare il valore di un asset e lucrarci — e Keegan-Michael Key ha fatto la sua migliore interpretazione di Carlos Matos, un investitore in BitConnect (una sospetta truffa che ha chiuso a gennaio senza troppe cerimonie) urlando a squarciagola sul palco.

Il più grande contributo dello show non sono stati però i consigli o le gag, ma gli spunti per parlare di criptovalute in ambito mainstream. Confrontate il suo punto di vista sui Bitcoin con un altro cult della televisione, The Big Bang Theory. In un episodio dell'anno scorso, la serie ha toccato l'argomento ma non ha dato nessuna informazione in più che non fosse "i bitcoin hanno qualcosa a che fare con i computer e sono molto costosi." Oliver, invece, si è preso il tempo di spiegare le basi della blockchain.

Il discorso di Oliver non era un granché. Era pomposo e superficiale, ma comunque anni luce avanti rispetto agli altri nel discutere la tecnologia che c'è dietro piuttosto che concentrarsi soltanto sul valore. La John Oliver-izzazione di qualsiasi argomento può essere un'esperienza cringe e spiacevole (vi ricordate Drumpf?), ma per le criptovalute è una tappa inevitabile (se non necessaria). Preparatevi a sentire sempre più gente che ne parla.